Panourgias Papaioannou (Interkat): Dal primo Caterpillar nella “Super League” del produttore e sorpresa Bralos – Amfissa

Quando aveva quindici anni, acquistò il suo primo motore Caterpillar. Ormai uno dei maggiori clienti dell’azienda e vanta importanti progetti pubblici, la creazione di un potente blocco prevede una battaglia con i principali gruppi edili del nostro Paese.

Stiamo parlando di Panourgias Papaioannou, che è il fondatore di Interkat. Si tratta di una società in collaborazione con TEKAL di Panagiotis Psaltakos e CMC di Ravenna Italia, che il mese scorso ha presentato la migliore offerta per il progetto stradale Bralos-Amfissa del valore di 285 milioni di euro, provocando uno shock nel settore delle costruzioni.

Se usassimo un aggettivo per descriverlo, sarebbe la parola “fatto in casa”, perché, figlio di due operai della miniera Fokida, ha creato nel 1985 con il fratello Michalis il Papaioannou Brothers Group, che oggi è composto da quattro società . .

La prima filiale del Gruppo Interkat, fondata nel 2003, per grandi progetti è stata messa all’asta dallo Stato. ERGOKAT è attiva anche nel campo dei progetti tecnici e realizza progetti più piccoli. Inoltre, il Gruppo è cresciuto dal 2011 attraverso Paptrucks nel settore dei trasporti, con un focus primario sul commercio di minerali e aggregati, mentre ha anche acquisito collegamenti commerciali con la Germania e l’Austria attraverso Intergroup Deutschland.

Edilizia, Sport, Media ed Eventi del Faraone

Panourgias Papaioannou è una personalità diversa, che attribuisce particolare importanza alla sua città natale, Gravia Fokida. Oltre all’attività imprenditoriale, si è occupato dell’arena politica, in quanto ha ricoperto il ruolo di consigliere regionale, mentre è uno dei principali azionisti di PAS Lamia, che si trova nella sala della Super League, e dell’emittente televisiva STELLA Lamia.

Per quanto riguarda il suo inizio in progetti tecnici e di costruzione, ha dichiarato:

“Il mio coinvolgimento con il settore edile e soprattutto con i progetti tecnici è iniziato in tenera età.

I miei genitori lavoravano nella miniera sotterranea Fokida e quando avevo dodici anni ricordo che trovai il mio primo lavoro in campo tecnico come assistente di un operatore di attrezzature pesanti.

Posso dire che il mio amore per il lavoro e le macchine è ciò che mi ha fatto iniziare da zero con mio fratello, Michalis, a fare lavori di sterro come subappaltatore.

Ricordo, infatti, il primo motore che ho avuto nel 1981. Era un Caterpillar 966 ed avevo 15 anni. La mattina vado a scuola e il pomeriggio lavoro sulle macchine”.

Per quanto riguarda il suo coinvolgimento nel calcio come uno dei principali azionisti della squadra, Panourgias Papaioannou ha sottolineato:

“Non posso dire di avere intenzione di fare il giocatore in una squadra di calcio. Nel 2011 ho assunto la carica di sponsor del PAS Lamia, perché amo il territorio. Tuttavia, col tempo sono entrato nel Consiglio di Amministrazione del Gruppo.

Col passare del tempo e dalla mia nuova posizione, ho capito che il calcio mi attraeva come sport. Non mi ci è voluto molto per credere nella squadra e ora dal Local AD gioco nella categoria del National AD Greek Championship”.

Panourgias Papaioannou: “Credo nel PAS Lamia e ci siamo ritrovati da A΄ Local in SuperLeague”

Panourgias Papaioannou è stato orgoglioso delle sue creazioni nel campo dell’edilizia, un fatto che è diventato evidente all’inaugurazione del nuovo stabilimento del Gruppo a Gravia Fokida nel 2012.

A quel punto, i fratelli Papaioannou avevano invitato nella loro nuova struttura cantanti famosi, come Despina Vandi e Christos Menidiatis, nonché comici, come Takis Zacharatos, che ha intrattenuto 1.200 ospiti, mentre il sindaco e .

È stato un evento che ha scatenato una tempesta di reazioni poiché si è verificato nel mezzo di una crisi finanziaria. Tuttavia, Panourgias Papaioannou commenta:

In Grecia c’è un detto che “ognuno vuole che muoia la capra del suo vicino”. L’ho visto in ogni campo in cui opero”.

Panourgias Papaioannou e Despia Vandi all’inaugurazione del nuovo stabilimento del Gruppo a Gravia nel 2012, Fonte: Star of Central Greece

Interkat, nuovi blocchi con TEKAL e rivendica nuovi progetti

Interkat è stata fondata nel 2003 e nata come azienda di classe 3 e ora ha un titolo di classe 6, un fatto che consente di partecipare a tutte le gare per grandi progetti messe all’asta dallo Stato e dal Ministero delle Infrastrutture.

Ha iniziato e continua ad operare come subappaltatore per la realizzazione di grandi progetti privati ​​e pubblici, per conto di tutti i maggiori produttori leader, come AVAX ed Ellactor. Questi includono l’aeroporto macedone, la E65, l’autostrada Thebes-Thrombaina, le miniere di lignite PPC, i tunnel Kallidromiou e Polymylos, i lavori sul nuovo porto di Patrasso e l’Aktio-Preve Underwater Clutch, tra gli altri.

In effetti, questa non è la prima volta che Interkat sorprende e lavora a un grande progetto stradale, poiché nel 2017 aveva presentato un’offerta su due parti di Patrasso-Pyrgos. Naturalmente, la gara è stata annullata e il concessionario ha finalmente portato a termine, ma Interkat è riuscita a “scuotere l’acqua” della costruzione.

“Diamo lavoro a 320 persone attraverso Interkat ed ERGOKAT e l’inizio di Bralos-Amfissa è molto importante, perché con la delignificazione e la chiusura dell’impianto di lignite e del mio, assumeremo il nostro personale per questo nuovo progetto, mentre prevedo che al culmine del nostro lavoro daremo lavoro ad altre 250 persone”, ha affermato Panourgias Papaioannou sull’importanza del dominio nel progetto.

In merito alla Joint Venture con TEKAL e ai successivi progetti che saranno rivendicati congiuntamente dai due partner, ha aggiunto:

“Con TEKAL Panagiotis Psaltakos abbiamo alcuni obiettivi comuni e stiamo procedendo a un’alleanza strategica per rivendicare tutte le grandi opere pubbliche da mettere all’asta.

Nei lavori stradali abbiamo creato un fronte congiunto con CMC Di Ravenna, che è una delle più grandi imprese di costruzioni in Italia. Interkat e TEKAL possiedono ciascuna il 25,5% del Consorzio, mentre l’Italia rappresenta il restante 49%.

Intendiamo partecipare a tutti i principali progetti di costruzione pubblica e PPP, con un focus primario su progetti di autostrade, porti, porti turistici e ferroviari. “Recentemente abbiamo avviato contatti con grandi aziende estere e abbiamo dialogato con potenziali partner tedeschi e austriaci”.

CMC A Ravenna, TEKAL, Interkat, nuovi blocchi che reclameranno progetti stradali

Per quanto riguarda la mentalità e la competizione a cui partecipa Intrakat, il fondatore ha aggiunto:

“Nella nostra azienda, abbiamo imparato a realizzare progetti come lead builder o subappaltatori e ad eseguirli secondo il programma che ci è stato fornito.

“Durante questo periodo abbiamo partecipato a 10 progetti da 5 a 10 milioni di euro ciascuno e stiamo aspettando il via libera da parte delle autorità appaltatrici, della Corte dei conti e del Parlamento, per poter iniziare a realizzarli. “

Leggi anche

Outsider per Bralos-Amfissa – TEKAL Panagiotis Psaltakos ha ottenuto il lavoro, fatta eccezione per i grandi produttori

Panagiotis Psaltakos di TEKAL, “il piagnucolone” e il prossimo progetto che rivendicherà

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.