Partita: Clermont / PSG (0-5), prestazioni individuali

Il PSG ha varcato il campo di Clermont, siglando un enorme successo (5-0). Feedback sulle prestazioni individuali caso per caso.

Donnarumma: Il Trophée des Champions gli ha preparato una partita facile, la sua prima partita della stagione in L1 tanto più che non ha parate da fare. L’italiano controllava con calma la sua superficie, dovendosi ogni tanto allontanare dalla sua linea, ma praticamente giocava solo con i piedi. A volte era spaventoso ma non correva rischi e non ha perso un rapido rilancio.

Sergio Ramos: Lo spagnolo ha avuto un inizio molto difficile, incatenando cross mancati e duelli per lo più persi, ma fortunatamente si è ripreso rapidamente. È tornato per la prima volta sulla difensiva prima di iniziare a mostrare la sua abilità offensiva, in particolare sbattendo un colpo di testa parato sulla linea da angolo. Non sempre contento del suo cross nonostante le buone intenzioni, ha iniziato a orientarsi sulla destra con la palla anche se a volte sembrava frustrato dai passaggi d’angolo a disposizione in ripartenza.

Mukiele lo ha sostituito nell’ultima mezz’ora e non ha esitato ad entrare nei duelli, vincendone alcuni. Controlla anche la profondità abbastanza bene ma prende in prestito di più dalla palla.

Marchesi: Il capitano del Brasile ha avuto un inizio di partita difficile contro un Andric fisicamente esigente, dominato in aria e talvolta anche a terra, e ci è voluto del tempo per valutare il nuovo acquisto. Fortunatamente è più bravo a coprire le altre persone anche se il suo carico di lavoro non è enorme. In attacco si è distinto con gol di testa inarrestabili e ogni tanto è stato felice di allungarli alla ripartenza, ma ha anche sbagliato alcuni palloni che avrebbero potuto essere evitati. In questo nuovo ruolo, sembra ancora trovare il segno, capace di fare meglio a tutti i livelli.

Kimpembe: Nel buon inizio di gioco del Clermont, è stato il difensore del Paris che ha avuto il maggior impatto e ha vinto il duello, ferendo i suoi diretti avversari e impedendo loro di progredire. Avrebbe mantenuto questa durezza per tutta la partita, che lo ha visto ammettere errori più di quanto avrebbe dovuto, ma alla fine non ha perso molto e non è stato più avvertito. Ha anche provato ad applicarsi nel recupero ma non ha trovato del tutto l’orientamento essendo più eccentrico sul lato sinistro. Notare che la testa accanto è in un’ottima posizione.

Hakimi: Con il gioco che pendeva molto dall’altra parte, la squadra marocchina non aveva bisogno di toccare molto il pallone ma sapeva sfruttarlo al meglio. Con un gol superbo al termine di una gara impressionante e due cross che avrebbero potuto finire in assist mentre si sono adattati bene, il pistone di destra di Paris ha trovato la precisione offensiva dopo un periodo difficile. In fase difensiva è un po’ chiamato in causa ma ogni tanto si allontana un po’, lasciando troppo spazio al suo avversario.

Nuno Mendes: Il pistone sinistro parigino è concentrato principalmente sulla parte offensiva del suo ruolo e ha dato un buon contributo a questa lista con una presenza continua per tutta la partita. All’inizio del primo gol spiazzando Sarabia, ha anche tentato due volte la fortuna, cadendo sull’ottimo Diaw davanti a lui. Sempre veloce a traboccare, d’altra parte non è un gran centro, preferisce giocare nelle retrovie, ea volte ha difficoltà a sollevarsi basso a terra. In fase difensiva, a volte si spinge troppo oltre, firmando così le partite meglio dalla parte avversaria che da sola.

bernat lo ha sostituito alla fine della partita e ha potuto godersi il suo gioco offensivo nella partita che era finita. Guarda per un tiro ad angolo chiuso dove Ekitike aspetta la palla da solo a 6 m.

Veratti: Il Clermont non ha mai esitato a mettergli pressione, a volte anche poche contemporaneamente, ma l’italiano ha messo in scena delle azioni davvero eccezionali per tutta la partita. Sicuramente è stato più complicato all’inizio della partita, con palla mancante ma in rapido recupero, ma poi ha aperto, lanciando un’azione dopo l’altra con il suo passaggio verso l’attaccante dopo aver liberato la prima linea avversaria. Eppure era lì per lanciare Messi all’inizio del 4-0 ma è stato anche quello che ha catturato di più l’attenzione del parigino in un duello, mostrando un petto incredibile nei primi momenti della stagione.

Zaire-Emery lo ha sostituito a fine partita, alla sua prima apparizione in Ligue 1, e ha toccato diversi palloni senza portarsi in vantaggio.

Vitina: Di fronte a un inizio intenso della partita del Clermont, il ragazzo portoghese ha faticato a partire, con difficoltà a giocare in avanti, poco peso in gioco e avvertimenti raccolti rapidamente. Il motore si è poi acceso e Clermont ha poi passato il tempo a correre dietro di lui, il centrocampista del Parigi provocando due ammonizioni con un lancio filtrante sul piede. Perfetto per combinare e far brillare il suo compagno, è anche molto attraente con il suo movimento in avanti e, inoltre, nel restituire la palla alta a terra. Unico neo, la mancanza di un certo impatto nei duelli difensivi.

Paredes lo ha sostituito a fine partita, facendo giocare Verratti più in alto. L’argentino è entrato in partita con molta calma, dando un po’ di ritmo alla palla, prima di rientrare seriamente con dei bei passaggi in avanti. Ha così concluso miracolosamente la sua partita per Messi sul gol finale.

Messi: Si sperava che come regista, alla fine come giocatore più alto in campo con cui avesse iniziato, una posizione in avanti che gli avrebbe impedito di appesantirlo all’inizio della partita. Piano piano si è messo in gioco, prima con due ottimi corner, poi ha iniziato a raggiungere i compagni. Libero e molto assiale, ha giocato come al solito in modo molto corretto ed è stato pulito nel dribbling, anche se a volte ha faticato a seguire. Fortemente ispirato da Neymar, sembrava avere un certo margine di manovra dopo l’ora, ma ha finito per segnare due volte compreso un gol brillante che sarà ricordato. Messi a Parigi, finalmente sembra giusto.

Neymar: Come la scorsa settimana, il brasiliano è sulla fascia sinistra ma gode della grande libertà di cui approfitta, ma senza abusarne. Dopo aver sfiorato l’apertura, non ha tremato dopo un attacco perfettamente piazzato. Impegnato in difesa, sanguinante sui tiri, sempre al giusto ritmo e bravissimo a far giocare gli altri, ha messo insieme tutti questi ingredienti nella porta di Hakimi dove è stato coinvolto dall’inizio alla fine. Ha fornito altri due assist, di cui uno per l’amico Messi che cercava disperatamente ea volte era troppo, ma soprattutto ha fatto una buona impressione generale in quel momento, senza nemmeno arrabbiarsi quando il campo si è alzato. Un po’ tosto a fine partita, è poi cambiato in meglio come passante, come se fosse solo felice di far parte della festa.

Sarabia: Più spostato sulla fascia destra rispetto alla settimana precedente al Trophée des Champions, lo spagnolo, titolare, ha toccato ancora qualche pallone ma il suo allenatore ha sottolineato ancora una volta il suo gioco e l’equilibrio che porta. Noteremo anche il suo ruolo chiave nell’apertura delle marcature, ma la precisione che ha non sarà necessariamente presente questo sabato. Se cerca spesso di giocare nel modo più semplice e veloce possibile, perde molta efficienza quando prova cose un po’ più complicate.

Ekitike lo ha sostituito a fine partita e ha così firmato il suo debutto con il PSG. Ha perso la palla e poi l’ha toccata poco, segnalandosi un attacco aperto, ma la sua chiamata avrebbe potuto essere servita meglio e ha dato un altro significato al suo ingresso in gioco.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.