Passa un secolo

UN 855 chilometri dagli Champs Elysées a Parigi (dove oggi termina il Tour de France), è la città di Goierritanian Ordizia, comune di 10.150 abitanti che da cent’anni custodisce il suo possedimento più pregiato, il ciclista classico di Ordizia. La gara inaugurale si tenne nel 1922 e dal 1938 si disputa ininterrottamente. Si fermò solo nel 1936 e nel 1937, a causa della guerra civile. Pertanto, nonostante festeggerà un secolo di vita, domani si celebrerà la 99° edizione.

I manifesti galleggianti che erano stati appesi in quel momento.


Prendendo il Tour come uno specchio, un gruppo di amici appassionati di sport a due ruote, il cui nome non è in nessuna lista, ha deciso di organizzare una propria manifestazione ciclistica con l’obiettivo di portare i migliori corridori nel comune di Gipuzkoan.

Txomin Perurena, protagonista della corsa nell’edizione di Ordizi degli anni ’70.


Nasce così il classico più antico di tutto il Paese. In quella prima data, Francisco Sarasola, originario di Alegia, fu dichiarato campione e scrisse il suo nome a lettere d’oro nella storia della competizione. Nell’elenco della storia dei vincitori, il suo nome compare per primo.

In quella prima edizione tutto era molto semplice: le bici non erano così sofisticate, i cartelli pubblicitari erano grandi strisce di stoffa appese a due balconate, il percorso del traguardo era segnato pubblicamente al posto delle tipiche ringhiere di metallo che si mettono solitamente quando c’erano mancano pochi metri e anche l’estetica del corridore è diversa.

Ma qualcosa è rimasto lo stesso oggi: nella maggior parte delle edizioni, il traguardo dove è stato determinato il vincitore della gara è il Gudarien Etorbidea, un luogo centrale della città di Ordizi, che ogni 25 luglio è gremito di tifosi. potenziale ciclismo per vedere chi ha preso txapela.

Quando la gara iniziò a essere professionalizzata, l’organizzazione passò di mano; prima Società Sportiva Santa Ana e poi Società Sportiva Villafranca subentrarono ai creatori delle classiche. E dagli anni ’40, Txapel Gorri Kirol Elkartea si è assicurata che tutto andasse secondo i piani. José Luis Sanz, uno dei suoi colleghi, è stato nell’ufficio di questa leggendaria carriera per più di mezzo secolo.

Col tempo, la gara si è raccolta più fedelmente, hanno cominciato ad apparire sponsor e soldi delle istituzioni e, oggi, chiunque può diventare socio del patron della gara con una quota di 35 euro. Alcuni dei classici finanziamenti provengono da partner in Catalogna, Madrid, Andalusia… Da tutto lo Stato gli esami sono seguiti con grande entusiasmo.

nomi famosi

Da Gianni Mota, passando per Txomin Perurena, Neil Stephens o Frank Vanderbroek. L’elenco dei corridori che hanno partecipato a questo test è ampio e di alto livello. Ogni anno c’è un famoso ciclista che vince in una competizione importante, che si tratti del Giro d’Italia, della Vuelta a Espaa o del Tour de France. Anche il grande Abraham Olano ha ottenuto la sua prima vittoria da professionista nella classica Ordizia.

Spazio anche ai talenti locali: Gorka Izagirre, una corridore di Ormaiztegi, che ha partecipato a Tours e Giros, ha vinto tre volte la txapela. Suo fratello Ion, invece, è andato vicino alla vittoria, raccogliendo l’argento nel 2015.

99a edizione

Quest’anno il tributo andrà a Francisco Sarasola e Txomin Perurena, i due corridori che hanno definito la storia di questo centenario evento. Il primo è il classico primo vincitore di cui sopra. Nel frattempo, Txomin Perurena, il famoso ex ciclista dell’ormai defunta squadra KAS, ha tre txapela, acquisiti nel 1971, 1972 e 1976.

La 99a edizione si preannuncia molto interessante. Come ogni anno, il livello di interesse è massimo e la lista degli atleti tesserati completa i big. Le grandi attrazioni sono Vinzenzo Nibali, Hugh John Carthy, Esteban Chaves e Juan Ayuso, entrambi l’anno scorso. L’italiano ha nella sua vetrina due Giri d’Italia, il Tour de France e la Vuelta a España.

Nel campo dei partecipanti quest’anno sono stati diversi i vincitori della scorsa edizione. Julien Simon ha ottenuto il primo posto nel 2011; Angelo Madrazo, nel 2015; Simon Yachts, nel 2016; e Simon Carr, nel 2020. Proveranno tutti a vincere il secondo txapela, ma chissà se ci riusciranno…

La prova di quest’anno sarà l’inizio di una grande celebrazione della centesima edizione. 101 anni offre molti ricordi e storie indimenticabili; Per questo, il Txapel Gorri Sports Club riunirà i momenti più iconici di queste centinaia di gare in una grande enciclopedia. E in occasione della celebrazione del secolo che si è compiuto, gli organizzatori cercheranno di riunire tutti i ciclisti che un giorno hanno vinto la tanto attesa txapela.

Unità di tutti

A Goierri c’è sempre stato un grande amore per il ciclismo, la manifestazione di Villafranca è diventata una tradizione, e la città l’ha fatta propria. Il classico coincide con la data della festa del patrono, quindi, il 25 luglio di ogni anno, la speranza di vedere i migliori corridori si unisce alla baldoria e alla frenesia.

Tutto il comune è coinvolto nella gara, il lavoro dei volontari e dei partner è molto importante e le aziende vicine hanno lo spazio per promuovere i loro prodotti. L’ente contribuisce anche con capitale affinché il concorso Ordizi si svolga di anno in anno. L’unità è forza ed è il lavoro di tutto ciò che ha spinto la Clásica de Ordizia a completare la sua edizione.

Un’altra candela per la torta, ce ne sono già 99. Lontana dai riflettori dei grandi eventi che occupano i cortili di tutto il mondo, Clásica de Ordizia rappresenta il romanticismo degli eventi paesani, è la storia di come l’intera città è riuscita a mantenere un tradizione secolare che non smette di riempire gli anni.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.