Passaggio di Berlino al greco-turco?

Commentato dal dott. Ronald Maynard

Gli esperti concordano su una cosa: non c’è mai stata una tale mobilità dei massimi politici dalla Germania alla Grecia in così poco tempo. Il Ministro degli Affari Esteri, il Cancelliere e il Ministro delle Finanze – in quest’ordine – dovrebbero effettuare visite ufficiali in Grecia. Tre leader politici rappresentano i principali ministeri tedeschi. Allo stesso tempo, rappresentano i tre partiti che compongono la coalizione di governo denominata Semaforo, Verdi, Socialdemocratici e Liberali.

La Germania “grazie” per lo scambio di carri armati

Gli orari delle visite di alto livello non sono programmati. In questi giorni il calendario dei leader politici è pieno. Per risparmiare tempo, le visite sono combinate. Il ministro degli Esteri Berbok è arrivato ad Atene dal Pakistan mercoledì (8 giugno) e si recherà in Turchia il giorno successivo. La visita del Cancelliere Soltz a Salonicco venerdì (10.06) fa parte del suo più ampio viaggio nei Balcani. Per il primo ministro greco, la visita di Soltz è stata un successo diplomatico. Forse questa è un’espressione della gratitudine del Cancelliere tedesco al sig. Mitsotakis per la cooperazione nello scambio di carri armati con l’Ucraina. In Germania, Olaf Solz è stato criticato per la sua posizione sulla consegna di armi pesanti all’Ucraina. Il recente accordo con Mitsotakis ha rimosso le critiche dal cancelliere. Visitatori di alto livello provenienti da Berlino giungono in Grecia in un momento in cui la politica estera greca è dominata, ancora una volta, dalle crescenti tensioni con la Turchia.

Non passa giorno senza una nuova sfida, che si tratti di attacchi verbali, spesso offensivi, o addirittura di violazioni dello spazio aereo greco sulle isole dell’Egeo. Qualitativamente e quantitativamente, gli attacchi hanno raggiunto una nuova dimensione. Ancora una volta, l’obiettivo principale della diplomazia greca è mobilitare il sostegno di amici e alleati contro le azioni della Turchia. C’era un’impressione diffusa nell’opinione pubblica greca che il sostegno tedesco alla posizione ateniese nel conflitto greco-turco fosse insufficiente. In effetti, molti greci credevano che Ankara fosse un partner più importante per Berlino rispetto ad Atene.

Cosa accadrà alla consegna dei moderni sottomarini in Turchia?

In effetti, per molto tempo non ci fu una reazione ufficiale tedesca alla questione della sovranità greca nel Mar Egeo. Infine, circa una settimana fa, un portavoce del governo ha rotto il silenzio e ha rivelato qualcosa che era sostanzialmente evidente: ha affermato che “l’infiltrazione nello spazio aereo greco e i voli sulle isole greche sono inaccettabili ed è controproducente e contro lo spirito dell’alleanza per chiudi la porta al dialogo”. I media greci si sono affrettati a parlare di un cambiamento nella politica tedesca. In termini di retorica, potrebbe essere vero. Ma questo è più di semplici parole. È possibile che la sig.ra Burbok e il sig. Soltz – ed eventualmente il sig. Lindner – ripetano le parole del portavoce del governo durante la loro visita. Potrebbero anche fare riferimento alle parole dell’UE di febbraio secondo cui la sovranità della Grecia sulle isole dell’Egeo orientale è indiscutibile. La solidarietà degli alleati è importante e scontata.

La questione centrale, tuttavia, è se gli ospiti tedeschi faranno il passo verso la Grecia e i suoi profitti. Non è un segreto che il governo greco sia contrario all’invio di moderni sottomarini tedeschi in Turchia. Proprio mentre Mitsotakis ha condotto una campagna a Washington contro la fornitura di aerei moderni ad Ankara, ora chiederà a Berlino di porre fine al trattato sui sottomarini tedeschi. Nel loro manifesto elettorale, i Verdi si oppongono alla fornitura di armi alla Turchia. Era prima della guerra in Ucraina. Le nuove regole si applicano ora. I prossimi giorni mostreranno se la Germania si attiene alle sue vecchie politiche o se vuole riconquistare la fiducia perduta di molti greci con un nuovo approccio.

* Dott. Ronald Maynardus è un analista politico, commentatore e ricercatore principale presso ELIAMEP. A metà degli anni ’90 è stato direttore del comitato editoriale greco di Deutsche Welle.

Fonte: Deutsche Welle

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.