Paura della “vendetta” di Putin: Johnson considera la consegna di “armi più letali”

Paura della “vendetta” di Putin
Johnson pensa di fornire “armi più letali”

Nella guerra in Ucraina, le truppe russe furono parzialmente respinte invece di catturare le principali città del paese stesso. Il primo ministro britannico è quindi preoccupato che il presidente Putin agisca “in modo più vendicativo”. Johnson ora sembra voler fornire all’Ucraina armi pesanti.

Si dice che il primo ministro britannico Boris Johnson stia valutando la possibilità di fornire “armi più letali” all’Ucraina. In una riunione di gabinetto, il primo ministro avrebbe discusso di tale dispaccio e avvertito che il presidente russo Vladimir Putin potrebbe diventare “imprevedibile e vendicativo” in futuro, ha riferito il Times, citando fonti interne anonime. “L’esercito ucraino non solo ha mantenuto il controllo delle principali città, ha persino costretto la Russia a ritirarsi. Ciò significa che il nostro sostegno deve cambiare”, ha affermato una fonte del gabinetto britannico.

Secondo il rapporto, si dice che Johnson stia supportando gli Stati Uniti nel fornire all’Ucraina missili anti-nave e sistemi di difesa aerea più avanzati. Secondo il Times, funzionari della difesa hanno affermato che il capo del governo non ha specificato durante la riunione quali tipi di armi potrebbe fornire la Gran Bretagna. Dovrebbero essere prese in considerazione anche le preoccupazioni per un’ulteriore escalation del conflitto. Finora, Londra ha inviato principalmente missili anticarro e altri missili in Ucraina a sostegno.

Martedì, dopo le telefonate con i capi di stato e di governo di Stati Uniti, Germania, Francia e Italia, Johnson ha anche chiesto una presa di posizione ostinata contro la Russia. Il governo di Putin dovrebbe essere giudicato dalle sue azioni e non dalle sue parole, ha affermato in una nota.

I leader hanno deciso di mantenere il sostegno all’Ucraina nella lotta contro l’invasione russa, afferma la dichiarazione. Inoltre, è stata discussa anche la ristrutturazione dell’architettura energetica internazionale al fine di ridurre la dipendenza dalle materie prime come gas, petrolio e carbone provenienti dalla Russia. C’era anche un accordo sul fatto che la pressione sulla Russia non doveva diminuire prima che “l’orrore che ha portato in Ucraina” fosse finito, continua la dichiarazione.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.