Perché i bambini sono così pigri?

“Molte persone credono che la pigrizia sia solo un segno di personalità”, afferma Alyson Schafer, consulente di famiglia e autrice.

“Tuttavia, noi psicologo Adler pensiamo che gli esseri umani, tutti noi, usiamo la pigrizia come mezzo per raggiungere un fine”.

Ma perché un bambino diventa pigro?

Cosa ne ricaverà?

“Molte attività psichiche avvengono inconsciamente. Cioè, tuo figlio non sa cosa ‘motiva’ la pigrizia. Ma come psicologo, posso chiedere ai miei figli quali comportamenti li aiuteranno a raggiungerlo”.

  • Alibi per non avere recensioni negative

Anche un bambino spesso cerca di mantenere la sua faccia, e talvolta anche pigramente. Da adulti, sappiamo che a volte falliamo, anche se ci mettiamo tutto il possibile. Se proviamo qualcosa e falliamo, può rivelare i nostri difetti e il fatto che siamo peggio delle altre persone. Pertanto, la pigrizia è una difesa contro i sentimenti di inadeguatezza.

“Non ho nemmeno studiato, quindi prendere quattro non significa che sono stupido. Non ci ho nemmeno provato…”

D’altra parte, se uno scolaro si prepara davvero, ma ottiene tre svantaggi, tutti, compreso se stesso, sapranno che, ad esempio, la matematica non è seria.

L’attenzione negativa è anche preoccupazione, e se non presti abbastanza attenzione a tuo figlio in situazioni normali, potrebbe essere una buona idea che genitori e insegnanti, o anche amici negli ambienti sportivi, inizino improvvisamente a preoccuparsi per loro.

Il ragazzo era solo un argomento di conversazione, quindi si sentiva importante, perché alla fine ha ricevuto così tante attenzioni. Tutti parlano di come aumentare e dimostrare più impegno ed energia vitale.

  • Vuole che le persone lo servano

Ricorda Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain. Tom non ha esitato a dedicare molte energie per convincere gli altri ragazzi che dipingere il recinto era la cosa più divertente da fare. Certo, è più intelligente in quella situazione, prende perfettamente il controllo dei suoi amici e non tocca nemmeno il suo pennello, poiché lo fanno con entusiasmo per lui. Mostra grande creatività e non deve fare nulla fisicamente. In effetti, ha manipolato i suoi amici e ne ha beneficiato.

Nella vita reale, di solito non è molto divertente, ma la verità è che i bambini si sentono importanti quando possono affidare a qualcuno i loro compiti o affidarglieli. Dà loro anche un senso di forza ed euforia da cui hanno imparato qualcosa.

Questa valutazione include anche i casi in cui fanno “tata” i loro cari – ad esempio, la madre deve svegliarli la mattina, anche se possono alzarsi da soli, fare le valigie, pulire per loro, ecc. eccetera.

Attenzione alla stanchezza interna

Anche la riluttanza a fare i compiti non è niente di straordinario, è davvero un argomento infinito. “Una volta ho stilato un elenco delle lamentele dei genitori più comuni”, afferma il professore di psicologia Stuart Shanker, aggiungendo che le più frequenti sono lamentele come: Perché il figlio o la figlia non stanno facendo meglio nella matrice, non si impegnano di più nella storia, ecc…” E il mio preferito: come può segnare senza pensare una risposta in un test e aspettare che passi?”

Tuttavia, come sottolinea il professore, oltre a quanto sopra, c’è un’altra ragione per una simile debolezza: “Tradizionalmente, vediamo tale comportamento come un problema motivazionale, il che ovviamente lo è”.

Con tangenti o coercizione ovviamente possiamo costringere i nostri figli e nipoti a sforzarsi ancora di più, ma col tempo lo ingoieremo.

Sottolinea che possiamo concentrarci solo per un po’. Poi arrivano i cosiddetti gradi insopportabili e il sistema limbico si prende una pausa, per mezzo di un “freno”.

Con tangenti o coercizione ovviamente possiamo costringere i nostri figli e nipoti a sforzarsi ancora di più, ma col tempo lo ingoieremo. “È importante distinguere se si tratta di pigrizia mentale o di rallentamento del sistema limbico. C’è una differenza molto grande tra un bambino che è in grado di provare mentalmente ma non ci prova, e un bambino che non è più in grado di provare a rallentare lungo il sistema limbico”, aggiunge il professor Shanker.

Motivazione in vs. lodare la dipendenza

Si dice bene che dovremmo motivare adeguatamente i nostri figli e non sopraffarli. Tuttavia, molti genitori sanno quanto possa essere estenuante ed estenuante motivare i propri figli.

Secondo la psicologa Petra Detersová, anche i complimenti possono essere dannosi. Soprattutto nei casi in cui gli obiettivi dati non sono accettati dal bambino.

“Se non abbiamo la possibilità di costruire la nostra motivazione dall’interno, possiamo effettivamente diventare un po’ ‘dipendenti’. Per ottenere quell’incredibile sensazione di successo e per rilasciare i nostri ormoni della felicità, abbiamo bisogno di qualcuno che apprezzi e valuti le nostre prestazioni. A poco a poco, cadiamo nella trappola in cui stiamo solo cercando di accontentare: genitori, insegnanti, partner.

Quindi è anche un bene per i bambini trovare le proprie ragioni per cui dovrebbero provare. Dopotutto, le cose che dovranno affrontare man mano che invecchiano diventeranno sempre più impegnative.

“Coloro che hanno una scarsa consapevolezza della propria efficacia (poca fiducia nelle proprie capacità e possibilità – ndr) rinunciano a completare compiti impegnativi più velocemente perché li percepiscono come minacce personali. Si concentra sui propri ostacoli e fallimenti piuttosto che provare a completare il compito con successo”, spiega lo psicologo, aggiungendo che non è nemmeno necessario avere una serie di fallimenti affinché un bambino creda che la causa del fallimento sia la sua mancanza di capacità. proprie capacità.

Allora come motivare i bambini?

  • Dai loro un lasso di tempo. Molti genitori vogliono che il loro bambino faccia qualcosa immediatamente. Ad esempio, supponiamo che ne abbiano fino a tre per pulire accuratamente la loro stanza, solo perché una scadenza fissa aiuta te e il tuo lavoro al lavoro. Certo, allora devi essere coerente come genitore.
  • Cerca di renderlo divertente. Le associazioni positive con qualsiasi attività possono fare miracoli. Addestrali a ciò che possono, ascolta la loro musica preferita, alleggerisci la situazione di apprendimento con i tuoi ricordi degli anni difficili della scuola. È importante mostrare loro che anche in attività apparentemente spiacevoli può esserci un buon umore.
  • Dividi compiti complessi in singole parti. Quando si tratta di progetti o compiti impegnativi, aiutali con le strategie. Tutti tendiamo a non fare qualcosa che sembra troppo difficile per noi. Ma se ci concentriamo sui singoli passaggi, è più facile eseguirli e metterci al lavoro. Aiuta anche se il bambino ha risolto o svolto uno o due compiti banali in precedenza – poco tempo perso, ma la sensazione di gioia nel successo vale ulteriori sforzi.

Debolezze e apatia possono anche avere seri motivi nascosti

Una cosa è un bambino sano in un ambiente sano, che per qualche ragione prova solo con i suoi genitori: sta solo cercando di capire cosa gli passa attraverso e cosa no. Ma in alcuni casi, può avere un motivo molto serio per la pigrizia. Pamela Liová, autrice specializzata in genitorialità scientificamente informata, ha compilato una classifica delle cause mediche e psicologiche della cosiddetta “pigrizia”:

  • Disturbi dell’apprendimento nascosti. L’Università del Queensland in Australia ha valutato venti bambini considerati pigri e diciassette di loro avevano qualche forma di problema di apprendimento o di attenzione.
  • ADHD. I disturbi ipercinetici, o disturbi della personalità, sono uno dei disturbi più comuni. Sono le persone che ne soffrono che hanno difficoltà a concentrarsi. Questi disturbi possono influenzare la capacità di apprendimento di un bambino e indebolire notevolmente la sua motivazione a fare qualcosa.
  • Problemi di sonno. Il fatto che tuo figlio non voglia fare nulla può anche portare a una mancanza di riposo. Il sonno aiuta anche la memoria a lungo termine. Tuo figlio potrebbe avere problemi a dormire a causa della visione di video di YouTube, dei giochi per computer o della chat online con gli amici. Il sonno è anche influenzato negativamente dalla luce blu emessa da alcuni dispositivi elettronici. Altre cause possono includere apnea notturna o altri disturbi del sonno.
  • Depressione. Questa è una condizione che di solito non associamo all’infanzia. Tuttavia, se il bambino non è solo pigro ma anche apatico, potrebbe valere la pena prenderlo in considerazione. Soprattutto se la pigrizia è associata all’insonnia, cioè l’insonnia, che è un sintomo tipico della depressione.
  • Preoccupazione. Se ne parla da tempo del suo focolaio tra i giovani. Non ha nemmeno evitato i bambini. Riduce anche la motivazione interna, cioè la migliore motivazione, grazie alla quale abbiamo un reale desiderio di fare qualcosa e non vediamo davvero l’ora di svolgere il compito.
  • Abuso di sostanze. Naturalmente, questo vale di più per i bambini più grandi.
Atteggiamento sbagliato in famiglia
  • Controllo parentale eccessivo. A parte i bisogni biologici, l’autonomia è la motivazione più forte. I bambini che sono in grado di apprendere e funzionare in modo indipendente ea cui è consentito farlo sono più motivati ​​e il loro lavoro indipendente dà loro un senso di valore. I genitori che cercano di prestare attenzione a tutti gli aspetti della vita del proprio figlio possono fare più male che bene.
  • Rapporto teso con i genitori. Se il bambino si sente sicuro nella relazione con il genitore e la relazione è amorevole, questo è l’ambiente migliore. Ma quando essere in famiglia è frustrante e stressante, i bambini spesso portano all’apatia.
  • Mancanza di competenza. Nessuno si sente motivato a fare qualcosa a meno che non creda di poterlo fare. O perché i suoi genitori lo disprezzavano o di solito non lo lasciavano andare.
  • Abusi sui minori. Si tratta di molestie e abbandono, così come di aggressioni fisiche e altre forme di molestie. In questi casi, problemi comportamentali e scarsi risultati sono comuni a casa ea scuola.
READ  curioso servizio di giocatori di beach volley a Tokyo 2020

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.