Piano di pace italiano per l’Ucraina – Notizie – notizie

La prima riguarda un cessate il fuoco, con la smilitarizzazione in prima linea. Questa è la fase più difficile e critica.

Il secondo è legato al futuro dell’Ucraina e alle alleanze che verranno concluse. La grande scommessa, secondo i piani dell’Italia, è riuscire a coniugare il regime di neutralità del Paese con la possibilità di entrare nell’Unione Europea.

Il terzo passo è la firma di accordi bilaterali tra Russia e Ucraina, al fine di trovare soluzioni, soprattutto per quanto riguarda la sovranità a Dobas e in Crimea. L’obiettivo è riuscire a raggiungere un accordo sulla totale autonomia di queste aree, compresa l’autonomia di gestione della sicurezza.

Kiev sta valutando la proposta dell’Italia

Il ministro degli Esteri italiano Luigi di Maio

Il quarto e ultimo punto del Piano di pace italiano riguarda la firma di un ampio accordo, che possa garantire pace e sicurezza in tutta Europa, con la cooperazione dell’OSCE. A cominciare dai rapporti tra Russia e Unione Europea. Il governo Draghi spera di ottenere l’approvazione di Mosca per un ritiro graduale dalle aree invase.

Secondo il quotidiano La Repubblica, il presidente Zelensky, insieme ai suoi colleghi, sta esaminando con grande interesse la proposta italiana e ha affermato che il principale punto di partenza rimane l’integrità territoriale del suo Paese.

“Sosteniamo l’Ucraina e questo ci dà la credibilità necessaria per far progredire il dialogo. Non ci tiramo indietro quando dobbiamo aiutare queste persone, che sono sotto attacco”, ha aggiunto infine Luigi Di Maio.

Theodoros Andreadis Syngellakis, Roma

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.