Po-Grapscher ripreso in diretta in TV dopo aver aggredito un giornalista: le ragioni sono scioccanti

RTL>sport>

30. novembre 2021 – 14:55 in punto

“Non sono così”

Stupido, stupido, questo Tifoso: dopo l’osceno attentato di Grapsch dopo la partita di Serie A a Empoli, la polizia ha individuato un sospetto. Ha cercato di farsi strada con scuse inconsistenti.

Scena disgustosa in diretta TV

È successo dopo la partita dell’Empoli contro il Firenze. Lo riferisce la giornalista Greta Beccaglia davanti allo stadio. Un fan si è avvicinato e lo ha colpito sul fondo – in diretta TV. Attacchi disgustosi di sessismo.

L’incidente ha scatenato una scossa di testa e un’operazione di polizia. Grazie alle telecamere nell’area intorno allo stadio, gli agenti hanno trovato un tifoso fiorentino di 45 anni.

Italia: attacco di Grapsch come “scherzo”

Il suo avvocato ha descritto la scena in un’intervista a Radio 24: “L’intento non era allusione o insulto sessuale. È stato un errore”. Lo stesso imputato ha raccontato: “Mi hanno descritto come uno stupratore, ma non lo ero. Non stavo bene per quello che avevo fatto. A casa mi dicevano: ‘Come ti è venuta questa idea?'”

Sicuramente più persone se lo chiedono. Era frustrato dopo il fallimento del suo club, era tutto uno scherzo: voleva solo andare in macchina. Ha anche negato di aver sputato a Beccaglia. Voleva scusarsi personalmente con i giornalisti. Il suo avvocato sta cercando di contattare l’avvocato del 27enne da domenica sera. Secondo i media italiani, ha ricevuto un divieto di stadio di tre anni. La Procura di Firenze ha avviato il procedimento.

E Beccaglia? “Non ho nemmeno letto le sue scuse”, ha detto ad alta voce alla “Gazzetta dello Sport”. “Ma non lo accetto. Combatto anche per tutte le ragazze che soffrono ogni giorno senza telecamere”. (msc)

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.