Pompei rinasce grazie a una tecnologia innovativa

In poche ore, Pompei fu trasformata da una vivace città in un deserto imbalsamato di cenere, soffocato dalla violenta eruzione vulcanica del 79 d.C.

Poi, in questo secolo, la città romana sembrava essere sull’orlo di una seconda morte, assediata da decenni di abbandono, cattiva gestione e scarsa manutenzione delle tanto visitate rovine. Il crollo della sala dove si allenavano i gladiatori nel 2010 gli è quasi costato l’ambita designazione del Patrimonio Mondiale.

Ma recentemente Pompei è rinata grazie a una tecnologia innovativa sotto la guida di Gabriel Breeding Riegel, un archeologo tedesco nominato direttore del parco 10 mesi fa.

Il progetto Great Pompeii, che ha iniettato circa 105 milioni di euro (120 milioni di dollari) in fondi dell’Unione Europea, ha contribuito a salvare le rovine da un ulteriore degrado.

“Tutto è stato speso e ben speso”, ha detto il Breeding Bar in un’intervista sulla terrazza con il Gran Teatro all’aperto di Pompei a fare da sfondo.

Ma con i futuri problemi di conservazione inevitabili per gli edifici scavati per la prima volta 250 anni fa, la nuova tecnologia è fondamentale “in una battaglia contro il tempo come questa”, ha detto il 41enne all’Associated Press.

Il tempo estremo, comprese piogge torrenziali e periodi di caldo torrido, può minacciare Pompei.

“Alcune condizioni stanno cambiando e possiamo già misurarlo”, afferma il bar dell’allevamento.

Affidarsi all’occhio umano per discernere i segni dei danni atmosferici sui pavimenti a mosaico e sugli affreschi murali nelle circa 10.000 stanze scavate da ville, officine e modeste case è impossibile. Pertanto, l’intelligenza artificiale e i droni forniranno dati e immagini in tempo reale.

Dall’anno scorso, l’intelligenza artificiale e i robot hanno affrontato il compito impossibile: rimontare un murale che era stato frantumato in minuscoli frammenti.

I robot aiuteranno anche a riparare gli affreschi danneggiati della Schola Armaturarum, una caserma dei gladiatori, che un tempo simboleggiava il moderno declino di Pompei e ora è celebrata come prova della sua rinascita. Il peso delle tonnellate di parti non scavate della città che premono contro le macerie scavate, combinato con la pioggia accumulata e lo scarso drenaggio, ha causato il crollo della struttura.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.