“Quello che amo di più è stare al tavolo da disegno e disegnare linee”

Con sede a Monaco da tredici anni, l’agenzia di interior design Casamanara offre ai suoi clienti opere che uniscono autenticità e modernità.

Passeggiando nei pressi del Larvotto, avrete notato, a due passi dall’hotel Méridien, l’agenzia di interior design Casamanara, dove il fondatore Piero Manara e sua sorella, Debla Berger, corteggiano i clienti monegaschi dal 2009.

Debla Manara-Berger – DR

Una storia di famiglia, radicata molto prima che si stabilisse nel Regno. ” Sono italiano di nascita, di Milano. Vengo da una famiglia di costruttori, persone che cambiano i materiali. L’architettura è sempre stata la mia passione, ho fatto parte dei miei studi di interior design a Parigi. Mi permette di confrontarmi con spazi che necessitano di essere rinnovati e lavorare in relazione con lo spazio. Sono più interessato che costruire effettivamente qualcosa », ha detto Piero Manara.

Subito dopo gli studi nella capitale, il giovane interior designer intraprende la sua prima avventura… a New York! Un’agenzia prima battezzata “The Beautiful Modern World”, che rimarrà in vigore per 17 anni, prima di chiudere i battenti.

La vicinanza ai clienti è diventata troppo difficile da gestire tra le due agenzie “, ha spiegato. Opportunità di cambiare la ragione sociale in Casamanara, per tornare a qualcosa di più familiare: “ la prima azienda creata da mio bisnonno si chiamava Cavamanara », ha precisato Piero.

Ma questo carattere intimo non impedisce in alcun modo all’agenzia di affrontare lavori di grandi dimensioni, come il tetto dell’edificio Roccabella a Monaco, o altri progetti in altre parti del mondo, soprattutto grazie a una filiale con sede a Hong Kong, gestita da un caro amico.

Disegno ancora tutto a mano, con una matita

Combatti contro tutto il digitale

E oltre alla vicinanza di Monaco all’Italia e alle sue radici, Piero Manara apprezza molto i clienti del Regno: ” Questo è un cliente esigente, con un progetto interessante. Ci occupiamo di nuove costruzioni e ristrutturazioni. Monaco è anche una base per l’Europa: abbiamo regolarmente progetti a Parigi o Londra… È anche molto interessante lavorare con artigiani, imprenditori, persone che fanno questo lavoro da generazioni per passione, con conoscenza – il fare è semplicemente fantastico . C’è meno un lato “business” rispetto agli Stati Uniti. »

E invece di scegliere le referenze di catalogo, Piero Manara combatte attivamente la standardizzazione: “ A Monaco, è molto più lavoro manuale con follow-up, revisioni, scambi e quel tipo di imperfezioni che rendono le cose più vivaci, più accattivanti. In un mondo globalizzato, dove facciamo molte cose in altre parti del mondo perché costa un po’ meno, per me è più interessante essere qui per sostenere l’artigianato locale. »

rampoldi-piero-manara
RAMPOLDI (Monaco) – DOTT

Non si tratta quindi di copiare e incollare o cedere alla comodità che porta il digitale: ” Disegno ancora tutto a mano, a matita. Questo è ciò che piace di più ai clienti. Quindi lo studio fa la cosa giusta con il software. Pertanto, possiamo avere questo lato low-tech, analogico e umano, pur sapendo come creare una presentazione virtuale. Questo è ciò che ci distingue aggiunse Piero.

LEGGI ANCHE: Emil Humbert e Christophe Poyet: quando il sapere francese incontra l’eleganza monegasca

Fai cose sensate

Questo aspetto manuale e autentico non è solo attraente per i clienti. Per Piero, questa è l’essenza della sua professione: ” quello che amo di più è stare sul mio tavolo da disegno, disegnare linee… E se posso teletrasportarmi sul posto, chattare con i lavoratori, spiegare loro cosa abbiamo in mente, con l’assistenza clienti è la parte migliore. (…) Disegnare tutto su computer con solo immagini sintetiche fornisce il nostro lavoro come foraggio per la futura intelligenza artificiale. Dobbiamo custodire questo lavoro intellettuale e manuale. »

Un capolavoro intellettuale, caratterizzato dal desiderio di non seguire rigorosamente le istruzioni, ma piuttosto di offrire un interno duraturo e coerente: “ Lo rendiamo ragionevole. Cerchiamo di non consumare o produrre inutilmente. Ogni progetto è una pagina bianca per sperimentare nuove finiture, nuovi materiali, anche se oggi spesso ti viene chiesta la stessa cosa “, ha spiegato Piero.

jimmyz-monte-carlo
INVERNO JIMMY’Z (Monaco) – DR

Anche se significa, a volte, dover convincere il cliente a cambiare davvero idea: ” Abbiamo avuto l’opportunità di lavorare su un progetto eccellente presso l’edificio Petite Afrique. Quello che proponiamo al cliente non è affatto quello che intendeva inizialmente, ma gli spieghiamo da dove viene l’edificio, quale ispirazione ha spinto l’architetto a progettarlo così com’è, con questo lato del secondo dopoguerra, in stile americano, con l’architettura californiana. Aderiamo all’architettura edilizia, per realizzare progetti di interni che, oggi, sembrano avere una logica chiara e senza tempo. Non è antiquato: non siamo contrari a ciò che è. A volte è interessante creare tensione, ma non sempre dura a lungo. »

Neolaureato con una doppia laurea magistrale in urbanistica e architettura, Piero ora attende con impazienza di partecipare a nuovi, grandi progetti” che affronta tutti i problemi che dobbiamo affrontare nel 21° secolo », come l’ambiente. Sempre con lo stesso motto: fai le cose che hanno un senso.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.