Questa è la nuova “Sarissa” dalla Grecia! Come… – Sportdog.gr – Notizie Sportive Notizie

Stefanos Karavidas ha spiegato le differenze ei vantaggi del Rafale rispetto all’F16 poiché è stato uno dei primi piloti dell’aeronautica greca a pilotare il Rafale.

Stefanos Karavidas parla di come il Rafale possa aiutare a far rivivere la dottrina della difesa unificata.

Parlando al programma “Protoselido” su “Sigma”, il comandante ha descritto i caccia francesi dovuti ai missili Meteor come “Air Force Sarissa!” e ha sostenuto che la dottrina di un’anima nazionale dovrebbe essere avanzata. “Lasciamoci alle spalle l’ellenismo e Cipro”.

Leggi l’intervista che ha rilasciato:

Stefanos Karavidas ha spiegato le differenze ei vantaggi del Rafale rispetto all’F16 poiché è stato uno dei primi piloti dell’aeronautica greca a pilotare il Rafale.

“È vero che il Rafale è un punto di svolta”. Sulla possibilità che gli equilibri nel Mediterraneo possano cambiare con l’acquisizione del Rafale, ha detto che lo si farà aumentando il numero di caccia Rafale.

“Dobbiamo arrivare a 40-50. Oltre al vantaggio qualitativo, servono anche i numeri perché lo spazio che l’aviazione greca deve coprire è molto ampio. Da FIR con l’Italia a FIR con Israele. L’aviazione greca è responsabile della copertura di tutte queste aree, così come la FIR di Cipro”.

Ha continuato dicendo che “il grosso problema con Cipro è la volontà politica. Non stiamo aspettando il Rafale in modo che la tua forza aerea greca (come ha detto il signor Lazaros Mavros) possa coprire Cipro. L’aviazione greca ha 83 blocchi 52+ aerei che hanno carri armati adeguati e hanno gli stessi identici sedili interni del Rafale. Quindi non è giusto per noi aspettare che Rafale copra Cipro. “Cipro avrebbe potuto essere coperta prima e questa è puramente una questione di volontà politica”.

“Tutti cercano di essere presenti a Cipro. Cita come esempio le esercitazioni con Israele e Francia. Ci sono tutti tranne quelli con un interesse diretto e cioè l’aviazione greca e le forze armate in generale. Prima della dottrina della difesa unificata e lì dobbiamo tornare c’è la dottrina dell’unità dell’anima nazionale e lì dobbiamo tornare ancora “Dobbiamo lasciare l’ellenizzazione dello Stato greco ma anche Cipro”, ha detto.

Differenza tra Rafale e F16

Alla domanda sulle differenze tra i due combattenti, Stefanos Karavidas ha affermato che il principale vantaggio del Rafale sono le loro armi. “Si chiama fusione di dati, spiega. I sensori di cui dispongono fanno la fusione di quelle informazioni e l’operatore non è più un semplice operatore. Questo è ciò che chiamiamo decisori tattici. Questo cambia notevolmente il carico dell’operatore. Rende le cose molto più facili. Ha un sistema di guerra elettronica a spettro che accecherà i radar nemici”.

“I piloti dell’aviazione greca sono monaci cosmopoliti. Questo si riflette nelle grandi esercitazioni intercollegiate. Non hanno nulla da invidiare. Siamo anni luce avanti in termini di capacità imprenditoriali. Al contrario, i turchi lo dimostrano dalle esercitazioni, ma la loro presenza nel Mar Egeo non ha questo livello. Entrano nel Mar Egeo come ladri e l’unica cosa che cercano di fare è mantenere la coerenza nella loro formazione. Non hanno tattiche nel modo in cui volano. Molte volte mancano ancora e lo sentiamo alla radio e questo avviene sotto lo stress causato dai piloti greci”.

“Il mio unico problema e tristezza mentre ero attivo era che non mi è mai stato detto di sorvolare i cieli di Cipro. Perché dalla fine della dottrina della difesa unificata, dal 2001 in poi, alcuni aerei sono arrivati ​​​​qui in frammenti. La domanda è: abbiamo provato cosa chiederemo di implementare? Non l’abbiamo provato e non c’è motivo per questo. C’è la fobia che se l’aviazione greca venisse qui (a Cipro) creerebbe un riflesso e una presenza turca. Questo è non è vero, la Turchia ha esaurito il proprio potenziale Non potevano portare un aereo, un normale caccia all’aeroporto di Lefkonikos, perché sarebbe un grosso errore, sarebbe a nord della semplice artiglieria convenzionale della Guardia Nazionale e non avrebbe impronte. “Potevano averlo portato da Konya o addirittura da Antalya, a causa della velocità dell’aereo”, ha detto.

“Gli unici che hanno voce e capacità di portare aerei a Cipro siamo noi, senza alcuna possibilità di reazione da parte turca. “Questi aerei potrebbero provenire da Creta”.

Il comandante ea parla della “futura aeronautica di Cipro”. “Il governo cipriota sta cooperando con il governo greco alla luce della cooperazione può entrare in cooperazione e c’è uno squadrone dell’aviazione greca a Kastelli, Creta, ad esempio, che potrebbe coprire Cipro. Alcuni di questi aerei possono essere trovati a Paphos. Il lievito degli ufficiali ciprioti doveva essere creato per acquisire esperienza in combattimento. Vediamo, ad esempio, i piloti tedeschi che volano negli squadroni francesi. Questo accade in Europa, possiamo inviare il prossimo comandante, Cipro che viene addestrato a Kalamata, nella squadra di guerra. Rimanere nello squadrone militare greco e questo è un trampolino di lancio e il governo cipriota si muove”.

“Cipro non è lontana”

C’è una brutta sensazione che Cipro sia lontana, ha detto il caposquadra ea “Cipro non è lontana. Non era lontano ai tempi di Kimon, figlio di Atena, Milziade, l’eroe della battaglia di Maratona. “Il più vicino L’aeroporto turco presidiato dai combattenti è l’aeroporto di Eski Sehir che dista 570 km. L’aeroporto è a 570 km. La Grecia più vicina è quella di Kastelli. 150 km, 80 miglia nautiche questo dà 9 minuti all’anno. I guerrieri turchi arriveranno 9 minuti prima della Grecia. Solo perché è vicino alla costa dell’Asia Minore non significa che la geografia sia la stessa. C’è l’aeroporto di Konya. Sta all’aviazione greca decidere se consentire agli aerei turchi di spostarsi a Konya operare a Cipro”.

In quanto pilota dell’aereo di punta in Europa (ss significa F16) del 52° blocco, non è possibile che questa versione affronterà il Rafale. “Anche il trasferimento del Rafale del Qatar in Turchia non risolverà nessun problema per la Turchia. Non ci sono tattiche nascoste, questo è chiaro. Dobbiamo allontanarci dalla percezione che la presunta debolezza militare della Repubblica di Cipro nei confronti della Turchia non lo faccia” attirare la nostra attenzione”. Questo non è vero, EF ha già la capacità di affrontare le forze di occupazione. Cipro è l’apice dell’ellenismo nel ventre molle della Turchia. Non abbiamo nulla da temere”.

“Dobbiamo cambiare il nostro dogma, con quello che sta succedendo nel mondo, torniamo al realismo di Tucidide. Non voglio parlare di politica, ma perché sono cresciuto a Cipro ed ero studente qui quando Solomos era ucciso. Ho sentito parlare di DDO allora e 26 anni dopo, le stesse persone che ho sentito parlare della Federazione Dizoniki. Ricorda che non ha ottenuto nulla ed è persino scivolata in quella che viene chiamata uguaglianza politica che potrebbe anche essere uguaglianza sovrana. Dobbiamo tornare a la visione della dottrina della liberazione come progetto politico e non come progetto militare.

Cosa si intende per rilascio? Considerando che sulla base del diritto internazionale, il ripristino della piena sovranità di KD. Il problema di Cipro non può essere al di fuori del quadro dello Stato greco. Abbiamo chiuso i canali russi per un’invasione dei dannati, ma non dobbiamo dimenticare che abbiamo 150.000 greci nel Mar Nero. “Le sanzioni per la questione cipriota non sono l’obiettivo finale, stiamo parlando con loro” questo è sbagliato dalla parte greca. Dobbiamo tornare al realismo. La situazione potrebbe cambiare domani rispetto alla Turchia e ai due passi che sta compiendo. Deve essere una morsa geopolitica.

“Se si creano le condizioni, dobbiamo catturare ciò che vogliamo, la liberazione come progetto politico”, ha concluso.

Segui sportdog.gr su Google News e sii il primo a sapere tutto Notizie sportive

Vedi tutto Notizie sportive dalla Grecia e dal mondo, su sportdog.gr

COMMENTA QUELLO

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.