Real Madrid: Chiellini: “Ancelotti mi ha affascinato, mi dispiace che non mi abbia allenato”

UNappena atterrato in California e Los Angeles FC, ma Giorgio Chiellini (1984, Pisa) sembra esserci stato tutta la vita. Dopo 17 stagioni di successo alla Juventus, la sua nuova squadra aveva appena battuto i Seattle Sounders (2-1) e il difensore centrale stava correndo attraverso il tunnel fino allo spogliatoio con l’emozione e l’eccitazione di un ragazzo con tutto da fare. Bacia e abbraccia un responsabile del locale e saluta MARCA, con cui chiacchiera dopo la doccia, già con un americano e il portamento che sottolinea la classe da cui proviene. La leggenda italiana parla della sua nuova vita e del suo passato… che a un certo punto lo ha avvicinato Real Madrid.

Chiedere. Ha scelto MLS e Los Angeles FC. Hai ricevuto un’offerta dalla Spagna?

Risposta. Non perché, a dire il vero, il mio unico club è la Juventus. Volevo provare nuove esperienze e MLS e questa squadra è stata la soluzione migliore per gli ultimi anni della mia carriera, scoprendo anche una nuova città, una nuova cultura, un nuovo modo di vedere lo sport e il business. Questo è il motivo principale per cui sono qui.

D. Nel 2021, la RAI ha riferito che il Real Madrid ti voleva.

R. No, no…! La verità è che in questi anni non ho mai pensato di andare in un’altra squadra in Europa perché ero troppo legato alla Juventus. Ero vicino al Real Madrid, ma nel 2010 è passato tanto tempo.

D. Non è stato fatto per Mourinho, che ama Carvalho, giusto?

R. Sì, sì, con Mourinho.

D. Cosa è successo veramente?

R. Non lo so, sono ancora giovane. Anche il club non ha raggiunto un accordo. Penso di essere stato fortunato a trascorrere tutta la mia carriera alla Juventus. Ovviamente il Real Madrid è un club fantastico, l’ho visto da lontano. Li ho sempre amati, anche quando mi picchiavano.

D. Hai mai pensato che fosse un peccato non aver giocato per il Real Madrid?

R. Dopo aver trascorso la carriera e aver fatto la storia in un club come la Juventus, con tutto quello che mi è stato dato, è impossibile pensare a un’altra squadra. Mi considero davvero fortunato per questo.

Chiellini: “Il mio momento peggiore è stato a Kiev, la Spagna ci ha distrutto”

D. Cosa ne pensi di Ancelotti, tanto criticato?

R. Ma i risultati parlano per lui. È un grande uomo. Mi rattrista perché mi piacerebbe che mi allenasse perché è uno dei migliori della storia, anche io degli ultimi anni… Gli auguro il meglio in questi ultimi anni della sua fantastica carriera.

P. Davanti a lui c’è un altro italiano, Allegri, in sostituzione di Zidane.

R. Sono molto simili.

D. È molto vicino al Real Madrid. ne hanno parlato?

R. Non direttamente, ma lo vedo, come te, proprio come tu ne sai più di me [Risas]. Sono molto simili e perfetti per allenare il Real Madrid, una squadra dove non devi insegnare molto; Hai giocatori fantastici e devi mantenere il gruppo nella migliore forma possibile. Abbiamo visto come è stata l’ultima partita del Real Madrid, con Marcelo o Kroos in panchina a parlare con Carlo come se fossero vecchi amici. Oh, vedi cosa sa fare Carlo. Mi affascina.

D. Chi è l’avversario più difficile che tu abbia mai affrontato?

R. Ibrahimovic, ovviamente. Poi Cristiano ha segnato tanti gol per me; molti, molti molti contro di me.

D. Militao, Alaba, Rdiger… Il Real Madrid ha la miglior difesa del mondo?

R. Non so dire se è il migliore, ma la loro difesa è molto buona e diversa. Ottimo anche il Nacho, che negli ultimi anni è cresciuto enormemente. All’inizio molti non lo consideravano un grande giocatore e ora ho messo il suo nome tra quelli che hai citato, Alaba, Militao e Rdiger. Quando Nacho suona, è fantastico. Ma il Real Madrid ha anche quei giocatori in tutto il campo: difensori, centrocampisti, anche attaccanti… Sono tutti fantastici. È un club molto grande e ha meritato di vincere tutti quei titoli negli ultimi anni.

D. Vincere Euro 2021 è stata la migliore della tua carriera?

R. Sì, certo.

D. Si sono sbarazzati degli spagnoli…

RS È stata la nostra partita più difficile, quella che non meritavamo di vincere. Siamo stati fortunati, abbiamo combattuto tutta la partita insieme. La Spagna ci ha sorpreso con l’alta pressione, molta pressione. Hanno un ottimo possesso, lo sappiamo, ma anche la loro fase difensiva è molto buona. Anche la decisione di Luis Enrique di escludere tutti gli attaccanti, è stata un po’ una sorpresa. Ma meritavamo di vincere l’Europeo perché abbiamo giocato davvero bene per tutto il mese, con tutti coinvolti e divertendoci. Sì, questo è il momento più bello della mia carriera.

Chiellini spiega cosa è successo a Jordi Alba nel pareggio dei calci di rigore

D. Cosa è successo a Jordi Alba nel sorteggio?

R. Niente, niente di speciale [Risas]. È stato un malinteso, solo un malinteso con il pareggio. L’arbitro dice che se esce rosso va lì e se esce blu va lì. L’anno scorso ci siamo incontrati in pre-stagione e l’ho abbracciato, è un bravo ragazzo. A dire il vero, durante la partita è stata difficile, ma dopo…

D. Come vedresti un Mondiale senza l’Italia?

R. Siamo tristi perché è la seconda volta in poco tempo che non ci qualifichiamo ed è un male per i bambini, per i nostri figli più di me. Dobbiamo riorganizzare e lavorare, lavorare, lavorare, lavorare. Non perdere tempo e aggiustalo.

D. Qual è il tuo podio preferito?

A. Francia, Brasile, Spagna… Forse Inghilterra! Di solito arrivano molto stanchi a causa dei rigori della loro stagione, ma giocando a novembre potrebbero non esserlo. Non lo so, è un’idea.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.