Real Madrid: “Florentino? Mi sento amato, è un momento più tranquillo…”

Nell’anteprima dell’andata della semifinale di Champions League all’Etihad, Carlo Ancelotti È il protagonista dell’ultima puntata del programma ‘Universo Valdano’ di #Vamos. L’allenatore del Madrid si è seduto accanto a un ex calciatore ed ex allenatore veterano dell’Argentina per discutere delle sue numerose esperienze e del suo modo di intendere il calcio.

Le sue origini, suo padre nel settore del formaggio. “Sono un contadino, affittiamo terreni e mucche. Il latte serve per produrre Parmeggiano Reggiano. Devi aspettare un anno per la maturazione del formaggio. È un uomo molto calmo ed equilibrato, che ha plasmato il mio carattere”.

Al Parma con 16 anni. “Mia madre non vuole, non le importa affatto del calcio. Ho passato quattro anni in scuola sacerdotale, in salesiano, ho imparato la disciplina, l’orario… Ho imparato la responsabilità, prima che mia madre o mia nonna mi aiutassero sempre. Non mi piaceva studiare, ma ho finito per diventare un elettricista”.

essere nel calcio“Non è un sacrificio, è un piacere. Soffri molto ma ti diverti molto. Un giorno si preoccupano per me per la nazionale, ma prendo energia di giorno in giorno, è quello che mi piace. I giorni in cui preparo il corpo all’agonia della domenica, giorno della partita. Se perdi non riesci a dormire e se vinci cosa ne pensi del bene, allora non proprio”.

Felice a Madrid. “Mi sono reso conto che stavo allenando il club più grande del mondo, la richiesta era alta e dovevo accettarla. Al Napoli stavo bene, ma tornare a Madrid è stato speciale, non avrei mai pensato che sarebbe successo”.

La sua tappa da giocatore alla Roma. “Ho avuto due infortuni al ginocchio ed è stato praticamente disoccupato per due anni. Ho dovuto mettere una stufa al ginocchio prima della partita, ho anche acceso l’acqua calda. È ancora un pensiero costante, ginocchio, ora non sento dolore, ma vedo se è gonfio o no, lavoro in piscina…”.

A Milano. “Nell’ultimo minuto Capello mi ha lasciato in panchina e in tribuna e non l’ho capito. Mi ha detto che quando sarei diventato un allenatore, avrei capito. I giocatori ai miei tempi avevano più voglia di fare l’allenatore di adesso, era più difficile per loro mettersi al nostro posto”.

Sacchi. “C’è stato un allenamento in Italia prima di lui e un altro dopo. Ha cambiato tutto, tattica individuale, fisica, offensiva e difensiva… Un giorno ci ha chiesto cosa non ci piaceva dell’allenamento, gli abbiamo detto che la partita era per divertimento e se n’è andato, non poteva sopportarlo. lui. Un grande allenatore, ha cambiato l’idea del calcio italiano. Quello è l’aspetto difensivo, ma non il catenaccio, è sul campo opposto. Ricordo che abbiamo giocato qui a Madrid e sono caduti 24 in fuorigioco”.

Berlusconi. “La sfida era vincere in due anni e lo ha fatto. Abbiamo vinto la Coppa dei Campioni nel 1989 e nel 1990. L’ho votato in Italia, è un genio. Mi ha dato il bastone perché gli piace parlare di calcio, ma il bastone mi viene sempre quando va tutto bene, mai quando va male. Parlo di giocare con tre attaccanti… Voglio che ingaggi Kaká, Inzaghi e Shevchenko. C’è una leggenda che mi ha fatto la formazione e non è vero, un presidente non mi ha mai detto di mettere questo o l’altro. Ti spiegherò dopo, questo è un mio obbligo”.

diventare ossessivo “Non ho un’ossessione, mi piace molto il calcio, è la mia passione, ma cerco di mantenere le cose il più semplici possibile. Il calcio per me è semplice, semplice, anche strategico. Attaccare è creatività, difendere è organizzazione. Posso insegnarti di più sul secondo, il primo è la creatività e non voglio oscurare quel talento. Per quel passaggio di Modric, non dovevo dirgli niente, o insegnare a Karim come entrare nell’area. Non mi reputo severo”.

Presidente. “Ci sono alcuni che sono dilettanti e altri che sono presidenti d’azienda. Cambia il modo in cui gestisci un club. Preferisco i presidenti dilettanti, perché la struttura del club è simile a quella di una famiglia. I business club sono più difficili da gestire”.

Juve. Mi odiano perché ho giocato nel Milan, a volte devo fare i conti con la polizia. Non abbiamo vinto il titolo, ero secondo due volte… Non è stata un’esperienza… Moggigate? Mi sembra un bene che il calcio italiano sia ripulito, nessun gioco è giusto. Agnelli? Tutto è organizzato in modo fantastico lì. Non mi sono divertito molto dopo aver giocato con Milan e Roma, ma lì ho imparato molto perché è un club equilibrato”.

La finale del 2005 e la rimonta della stagione contro il Chelsea.“Ho detto loro che ci avrebbero ricattato e spinto, c’è una leggenda che celebriamo e non è vero. Lo spirito emotivo è lì. Ha guardato noi e il Chelsea. Abbiamo due gol di vantaggio e puoi prepararti per la partita come vuoi, ma sono cose che succedono. Il primo tempo contro il Chelsea è stato buono, ma cosa manca? Beh, fame di male. Ce l’abbiamo fatta all’andata perché non avevamo quel vantaggio. Abbiamo avuto due fallimenti individuali che non abbiamo avuto per tutta la stagione, abbiamo rotto un quattro con due difensori centrali quando siamo usciti sotto pressione, è incredibile. Cosa fare durante le pause? Non ho mai vissuto un cambio così radicale dalla partita al primo tempo come nella gara di ritorno del Chelsea, questa è la magia di questo club e di questo stadio”.

Inglese. “Il kitman del Madrid sente il gioco più del kitman del Chelsea, è un buon modo per mostrare la differenza tra come sono loro e come siamo noi latini. Ho imparato molto in Inghilterra, abbiamo vinto Premier e FA Cup e due anni dopo mi hanno licenziato.

Abramovich. “Ho imparato che a volte si annoiano del tuo lavoro e sono nei loro diritti. Questo fa parte del lavoro. Solo quando non c’è nessuna configurazione. Non era un interventista, parlava pochissimo e il rapporto era rispettoso ma molto distante.

La vicinanza di Carletto ai suoi giocatori. “Questo è il mio carattere. Voglio distinguere le persone dal lavoro. Sono cresciuto rispettando le persone. Non puoi dire di essere un calciatore o un allenatore, sei una persona che gioca a calcio o una persona che si allena. Il lavoro influisce su chi sei, ma voglio differenziarli bene”.

PSG. “Leonardo mi ha chiamato, lo conosco di Milano. L’hanno appena comprato in Qatar. La storia è che la cultura francese non è solo il calcio, c’è il rugby, i cavalli… I francesi arrivano mezz’ora prima dell’allenamento e ripartono mezz’ora dopo. Abbiamo iniziato a costruire strutture, a stendere in cucina… Mi piaceva questo progetto ma al secondo anno non erano molto contenti di me. Per le partite di Champions League che abbiamo giocato, abbiamo perso le partite di campionato prima di vincere, e mi hanno detto che se non avessi battuto il Porto mi avrebbero buttato fuori… Ho detto loro come potevano farlo. dimmi che distrugge la fiducia. A febbraio ho deciso che volevo partire, anche se volevano rinnovarmi”.

Arrivo a Madrid. “Abbiamo appena vinto la Champions (ride). Tutti mi dicevano che il gol di Ramos era il più importante degli ultimi anni. Sono orgoglioso di allenare il Real Madrid, è speciale. Come è successo a Milano. Ti senti amato? Non so, mi sento amato dal presidente, dalla gente di Valdebebas…”.

Firenze. “È il presidente della categoria dilettanti. Il suo successo non è mai stato raggiunto da un altro presidente, lui è come Berlusconi, porterò nel cuore Madrid e Milan finché non smetterà. Il rapporto tra presidente e allenatore in questa seconda fase è più sereno ed equilibrato. Per quello che ha realizzato e per le sue idee per il futuro di questo club. È una squadra che non si ferma mai, oppure si festeggia velocemente perché… bisogna sbrigarsi perché bisogna guardare dritto davanti a sé. Per questo vince tanto, non si sente bene a perdere, se succede perderai”.

Viva i calciatori di oggi. “Chi ti allena va messo a processo, io ho fatto quindici operazioni, inginocchiato, cervicale… Fu un allenamento che fu una strage. In questo momento hanno un fisioterapista e uno chef personale, possono giocare se si prendono cura di se stessi fino ai 40 anni”.

Napoli. “Questa è la città più bella del mondo per una vacanza. Mi alleno e nel pomeriggio salgo su un battello e vado a cena a Capri (ride). Questo è un buon club in Italia. La condizione è essere tra i primi quattro. Nel secondo anno ho discusso con il club per la concentrazione che volevano e non l’ho fatto. Non c’è conflitto, non mi piace litigare”.

Everton. “Avevano un pubblico molto eccitato, mi è piaciuto molto, è stata una sfortuna non poter godere di più di Goodison Park. Abbiamo segnato 60 punti, un miracolo, ma abbiamo vinto più in trasferta che in casa. È stato un buon periodo. Il Liverpool non è il Madrid, è quasi come vivere una pandemia continua (ride)”.

Figlio di Davide. “È molto calmo, come me. professionista molto serio. Capisce davvero cosa significa essere il figlio di un allenatore. Qualcuno gli avrebbe sempre detto che era lì per questo. Siamo una squadra, nello staff tecnico. Si era assunto più responsabilità per mettersi alla prova, il che lo aveva aiutato. Ha ottenuto il titolo UEFA Pro in Galles perché in Italia i requisiti non sono convalidati, roba burocratica.

il tuo discorso “L’abbiamo diviso in tre video da 15 minuti, un calcio piazzato, un’altra squadra avversaria e altre strategie di gioco”

Come migliorare il calcio. “Tagliare il gioco. Non puoi cancellare Chelsea-Madrid o City-Liverpool, con questo l’ho detto. Se un allenatore è stanco ne porta un altro, ma se Modric è stanco non fai passaggi così con gli esterni. Se lo fai con le mani, non puoi farlo”.

il suo futuro. “Voglio essere un professore universitario di calcio, insignito di un titolo dalla Uefa o qualcosa del genere, per fare un test a chi pensa al calcio, per vedere se lo sa (ride). Quando smetterò di praticare, mi piacerà qualcos’altro, ho cinque nipoti, mi sono sposato una seconda volta e non abbiamo fatto molto, dobbiamo fare di più, voglio divertirmi a stare con lui. Quando finirò, sarò tifoso di Madrid e Milan”.

Città. Ci sono due cose, la gioia di essere in semifinale in una partita come questa e la preoccupazione. Se ti preoccupi, affronti ciò che potrebbe accadere”.

Fattore Bernabeu. “Sotto due diversi aspetti, da un lato dobbiamo superare e dall’altro abbiamo il vantaggio, che ci aiuterà. L’ultima volta contro Guardiola siamo partiti qui e per noi è andata bene”.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.