Real Madrid: presentazione e conferenza stampa di Antonio Rudiger, in diretta

Segui le presentazioni minuto per minuto e le conferenze stampa di Antonio Rudiger come nuovo giocatore del Real Madrid.

Di Jorge C. Picon – Il Real Madrid presenta quello che è stato il primo acquisto dell’estate. Antonio Rudiger, il difensore tedesco, si è recato nella capitale per, oltre a essere presentato dal padiglione del basket del Real Madrid Sports City, per parlare con i media e indossare per la prima volta la maglia bianca.. All’evento hanno partecipato i dirigenti del club, tra cui Florentino Pérez, che come di consueto in questo caso terrà il discorso di benvenuto al giocatore. Anche i parenti ei rappresentanti di Rudiger, che non hanno voluto perdersi un giorno così speciale.

Iscriviti al nostro canale Telegram del Real Madrid e ricevi tutti i contenuti Goal sulla tua squadra direttamente sul tuo telefono

All’età di 29 anni, Rudiger è arrivato a Madrid nel momento più bello della sua carriera. La scorsa stagione è diventato uno dei migliori difensori centrali d’Europa giocando per il Chelsea. Questo è un buon affare per la dirigenza sportiva, visto che è arrivato libero dopo aver concluso il suo contratto con la squadra londinese.

L’unione serve a rafforzare la linea di difesa, in particolare il centro difensivo. L’opzione più probabile per Ancelotti al momento è che si allei con Militao per mettere Alaba sulla sinistra. Un’altra opzione, meno probabile ma in cui Rudiger si adatterebbe perfettamente, sarebbe quella di allestire una linea di tre difensori centrali e due corsie. Quello che è chiaro è che con il suo arrivo al tecnico italiano gli si aprono diverse possibilità.

Visita medica

La prima cosa che ha fatto stamattina Antonio Rudiger è stato recarsi presso la clinica Sanitas La Moraleja per superare il relativo controllo sanitario. È stato visto lì per la prima volta e alcuni tifosi lo stavano aspettando con le maglie del Real Madrid. Al termine del test, si sarebbe diretto a Valdebebas.

Firma e numero

Prima dell’inizio della presentazione, il Real Madrid ha condiviso alcune foto in cui Rudiger, insieme a Florentino, ha firmato il nuovo contratto del tedesco. Inoltre, hanno posato con 14 campioni e con nuove magliette bianche. È stato rivelato che indosserà il numero 22 che Isco ha lasciato libero.

Florentino Perez

“Oggi è ancora una volta un giorno speciale per tutti i madridisti. Oggi è arrivato al Real Madrid uno dei grandi giocatori che non aiuterà a essere più competitivo. Darà la vita per vincere ogni partita. Un’altra stagione lotteremo per questo. tutti i titoli, con umiltà. Migliorare la nostra rosa è una sfida. Sono giocatori che fanno parte della leggenda del Real Madrid. Ma hanno dimostrato di rappresentare i valori del nostro club. Perché, come diceva il nostro allenatore Carlo Ancelotti , sono un grande madridista. Qualcosa che si trasmette nel tempo e che attrae grandi giocatori. Oggi abbiamo una nuova presentazione. Oggi uno dei migliori difensori del mondo si unisce al Real Madrid. Oggi diamo il benvenuto ad Antonio Rudiger”.

“Caro Antonio, d’ora in poi fai parte di una famiglia e di un club unici. I soci e i tifosi sono molto orgogliosi che tu sia qui. Una carriera che ti ha permesso di scegliere grandi club, ma hai scelto di continuare la tua carriera al Santiago Bernabéu Voglio anche contare su di te, vieni da un grande club amichevole come il Chelsea, lì sei stato un grande riferimento per una squadra vincente”.

“Senza dubbio sei un giocatore con una grande esperienza nei grandi campionati. D’ora in poi sei un giocatore del Real Madrid. Hai scelto la sfida più grande della tua carriera. Siamo sicuri che affronterai questa fase con il carattere hai tutta la vita. Presto scoprirai cos’è il Real Madrid”.

“La tua famiglia è con te. Sanno quanto è stato difficile arrivare qui, ma sono orgogliosi di essere qui. Antonio, benvenuto a casa tua. Benvenuto al Real Madrid”

Antonio Rudiger

“Grazie a tutti. Per la mia famiglia questo è un giorno molto speciale. Prima di tutto voglio ringraziare i miei genitori, perché senza di loro non potrei essere qui. Mi hanno sempre sostenuto e questo è molto importante. Anche per il presidente per avermi dato l’opportunità di giocare in questo grande club. Anche ai soci, per la stessa opportunità. Darò tutto per questo club. Voglio vincere tutti i titoli per tutti i tifosi. Hala Madrid e nient’altro”.

“Per me questa è una cosa molto importante. Qui è più importante vincere. Lo dimostra da molti anni. Nonostante i dubbi, il Real può farcela”

“E’ stata una partita molto speciale. Molto intensa. Era la mia prima volta al Bernabéu. Per me personalmente è stato molto interessante. Ho segnato il terzo gol e c’è un’atmosfera molto positiva. Poter giocare per un club del genere è semplicemente fantastico”

“Il Madrid ha tanti giocatori molto bravi, anche nel mio ruolo. Mi sento abbastanza sicuro. Il mio contributo può portare competitività, che ci aiuterà molto”

“In generale, per me, avere l’opportunità di giocare in più campionati è fantastico. In Germania è più fisico. In Italia è più tattico, con più controllo del gioco. In Premier devi giocare di più. partite ad alta intensità. Nella Liga c’è un ottimo calcio con molta pressione. Sono entusiasta di questa sfida”.

“Ricordo Ronaldo Nazario. Da piccolo era il mio idolo. Zidane voglio ricordarlo anche per il gol segnato contro il Leverkusen”

“Il primo contatto con il mio agente è stato a settembre dell’anno scorso. Poi ho parlato con Ancelotti ad aprile. Quello è stato il contatto più importante perché è lì che ho deciso di giocare per questo club”.

“Con me non sai mai cosa potrebbe succedere. Mi piace molto chiacchierare, ridere, ballare. Poi, in campo, ero molto serio. Il mio contributo è il mio spirito combattivo. La prima cosa è imparare una lingua, quindi farò tutto il necessario per impararla velocemente”.

“Quella conversazione mi ha detto che mi voleva qui, che potevo aiutare lui e la squadra. Alla mia età basta. Parliamo di Ancelotti. Sai che ci sarà competizione a Madrid e sono pronto a lottare per me. il luogo “

“Ci sono tanti difensori centrali, ma se dovessi sceglierne uno sarebbe Pepe. Ha tante caratteristiche che mi hanno fatto immedesimare in lui. È molto bravo fuori dal campo e in campo è un mostro”

“E’ stato facile giocare contro il Real perché in quel momento non era chiaro. Alla fine bisogna essere professionisti. Abbiamo fatto di tutto, ma è facile rimanere concentrati”

“Non so come spiegare cosa ha realizzato il Real quest’anno. Questo è fantastico. Quando si è giocata la finale sapevo che avrei giocato qui, quindi sono felice che abbia vinto. Spero che il prossimo anno si possa continuare. competere”

“Dopotutto, questo è un club molto grande. Questo è un passo molto importante. Ma cerco di godermi la pressione. Cerco di godermi quello che faccio. Questa è la pressione che mi piace. Ho anche sofferto la pressione della retrocessione. , ma questo mi piace”

“C’era interesse da parte del Barcellona. Ho detto a mio fratello che volevo giocare per il Real o per niente. Quello che penso di Mbappé, non lo conosco personalmente, non so molto perché ha preso questa decisione. Io Sono felice di essere qui”

“La mia famiglia non sa molto di calcio, ma sanno quanto è grande il Real Madrid. È stata una decisione molto semplice”

Il seguente articolo di seguito

“Es Clásico è la partita più importante della Spagna. Anche se è un’amichevole, è una partita che tutti vogliono vincere. Sono molto felice di poterla giocare”

“Non mi piace fare paragoni tra club. Tutti i club in cui ho giocato sono molto importanti per me. Nel caso del Real Madrid c’è molta pressione e devi provare a divertirti”.

“Mi ha influenzato vedere tanti campioni insieme. Vedere quei trofei ti insegna qual è l’unico scopo di questo club. Voglio farne parte”

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.