Reazione internazionale ai semafori: “Quattro anni sgargianti” e “mancanza di coraggio”


Rassegna stampa

Alle: 25.11.2021 12:36

L’accordo di coalizione è stato accolto diversamente dalla stampa internazionale: mentre i maggiori giornali spagnoli si aspettavano “europeismo senza complessi”, i media statunitensi consideravano “continuità” – c’era la sfiducia di Scholz in Ucraina.

americano “Giornale di Wall Street” attesta la timidezza dell’Ampel-Coalition e scrive: “Un tono più forte sarebbe un modesto upgrade rispetto alla Merkel. Se tutto ciò suona come una mancanza di ambizione, è perché lo è. La Germania ha votato come se volesse un governo seduto fuori. importante disputa sulla direzione economica o strategica del Paese. La volontà dell’elettorato di diventare una coalizione Scholz”.

quello “Ora di New York” dall’altro, speranze di una più stretta collaborazione con Washington: “La Germania di Scholz si è dimostrata più disponibile a difendere l’integrazione europea ea unire le forze con gli Stati Uniti per fare pressione su Cina e Russia. Ma il tormentone è continuità”.

inglese “Volta” dall’altro, si aspetta: “Olaf Scholz non si offenderà facilmente per la Gran Bretagna. L’accordo di coalizione contiene espressamente disposizioni per il mantenimento del protocollo dell’Irlanda del Nord. Boris Johnson potrebbe affrontare una posizione più dura a Berlino rispetto alla stanca indulgenza di Angela Merkel. Scholz ha esperienza, agenda liberale e alti indici di popolarità. La Germania e i suoi vicini possono aspettarsi quattro anni gloriosi”.

Coalizione “persa nella boscaglia”

quotidiano spagnolo “Nazione” si legge al centro della politica europea degli accordi di coalizione: “La Germania Olaf Scholz si sta allontanando dall’immagine cupa dei soci dei club europei negli anni peggiori della crisi dell’euro. Senza allontanarsi dalla sua tradizionale ortodossia fiscale, un gruppo di tre trasmissioni è pronto a prendere sotto le redini della prima potenza del continente esso, segno di maggiore apertura e di un europeismo disinvolto In un documento presentato questo mercoledì da socialdemocratici, verdi e liberali, la parola Europa compare 254 volte rispetto alle 144 volte in cui viene citata la Germania . […] L’accordo firmato dalle tre parti non rappresenta una rivoluzione. Ma segnala una maggiore attenzione all’Europa, comprese le modifiche al trattato, che dovrebbero portare a una federazione di paesi europei”.

giornale belga “Standard” anticipando addirittura il cambiamento storico: “Secondo i negoziatori, la priorità che questa nuova squadra cerca di stabilire non è il numero di posizioni di partito, ma la tanto discussa visione di come la Germania possa essere verde, sociale e liberale allo stesso tempo. Sarà un esperimento entusiasmante: Per la prima volta nella storia del dopoguerra, la Germania sarà governata da un’alleanza tripartita di politici che vogliono decidere chiaramente il passato”.

“Repubblica” dall’Italia inizia anche un nuovo inizio – e usando una metafora: “La grande crisi ha accelerato il processo storico-politico: dopo il lungo regno di Angela Merkel, alla guida del governo tedesco è tornato un socialdemocratico. La drammatica diffusione del la pandemia è servita come forza lavoro per costringere le parti della nascente coalizione a cercare frettolosamente un accordo sul loro programma. […] L’iniziativa per contrastare la diffusione della pandemia, che in Germania ha raggiunto proporzioni drammatiche, sarà ovviamente il banco di prova più importante per il nuovo governo, anche perché intacca gli equilibri del sistema federale tedesco: soprattutto i rapporti tra i federali. governo e stato”.

Formulare un cambiamento potente “Nuovo orario di Zurigo” forti dubbi dalla Svizzera. “La coalizione riconosce i problemi urgenti nel paese, ma sulla strada per risolverli, continuano a perdersi nella boscaglia”, ha detto. “Probabilmente è stato per divergenze ideologiche o per mancanza di coraggio a perforare una tavola molto spessa. Prima di allora, la cancelliera uscente Angela Merkel aveva evitato per 16 anni. Il suo motto di calma era il suo motto, a cui tutto era subordinato. avrebbe dovuto essere l’SPD, se i Verdi e l’FDP sono simili, i mantra ripetuti sui nuovi inizi e sui progressi sono solo stronzate. […] Le interazioni tra coppie diverse sono sorprendentemente calme. Tuttavia, l’armonia sembra andare a prezzo di un compromesso che favorisca l’alleanza piuttosto che il Paese».

Mosca non vuole “saltare alle conclusioni”

“Dal contratto, ne consegue che Berlino è pronta a un dialogo costruttivo con Mosca e vuole consentire anche ai cittadini russi fino ai 25 anni di entrare nel Paese senza visto” – suggerisce il quotidiano russo “Commerciale” il paragrafo appropriato sulla politica russa. Sulle aspettative di Mosca su Berlino: “La nuova ministra federale degli Esteri Annalena Baerbock non solo è apparsa una volta con commenti critici a Mosca, ma è stato chiesto alla struttura statale della Federazione Russa di non saltare alle conclusioni. Va notato che il Cancelliere ha sempre personalmente politica tedesca diretta nei confronti della Russia Nel complesso, la sezione dedicata ai rapporti con la Russia è stata caratterizzata come costruttiva: gli autori del trattato hanno parlato più di possibili collaborazioni che di disaccordi. È stata abbandonata la delicata questione del Nord Stream 2 Baltic Sea Pipeline, che ha dato il nuovo governo più spazio di manovra nei negoziati con Russia e Stati Uniti”.

ucraino “Pravda Ucraina” ha definito il cambio di potere a Berlino “forse l’evento politico più importante dell’anno nel continente europeo”. Poiché la Merkel deve ancora trovare un “degno successore”, una coalizione di tre partiti “che non si è mai unita: Sinistra (SPD), Liberali (FDP) e Verdi”, ha scritto il portale di notizie online. “Questa Trinità ha molto in comune nei suoi programmi, ma non mancano anche le differenze – almeno in termini di politica estera. Ciò che è più importante è che il successore della Merkel, a capo del nuovo governo, sia Olaf il socialdemocratico. Scholz E in Ucraina rimarrà. La cooperazione dell’ex cancelliere SPD Gerhard Schröder con Putin e Gazprom, i socialdemocratici restituiscono sospetti molto seri … Tutto ciò porta a caute aspettative sulle politiche del nuovo governo tedesco, ma la realtà è diversa, molto positivo. […] Sia negli accordi di coalizione attuali che in quelli definitivi, il nostro Paese ha il suo piccolo blocco dedicato”.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.