Riusciranno a mettere a tacere l’Italia in Uruguay?

In materia di stampa, al di sopra dell’amicizia, c’è il principio. Questo è un aspetto difficile da mantenere e, quindi, molto prezioso.

Partiamo dai fatti, che sono sempre basilari. popolo italiano, tace il quotidiano della comunità italiana in Uruguay che da 24 anni esce. Smetti di pubblicare. E la ragione di ciò è l’atteggiamento delle autorità dell’ambasciata italiana in Uruguay, a cui non piace la linea editoriale e, soprattutto, questa indipendenza e pluralità dei media che è un esempio in tutte le comunità italiane all’estero. .

La Gente d’Italia è edita quotidianamente e pubblicata in stampa insieme ai giornali Paese da Montevideo, che è famosa per la più alta tiratura in Uruguay, oltre alla presenza di Persone Su internet. Questo è un altro fatto indiscutibile, che chiunque può verificare e verificare.

La maggioranza del COMITES, organismo di rappresentanza della comunità italiana, ha approvato una delibera in cui afferma, con il coinvolgimento dell’ambasciata, che popolo italiano non ce n’è. La base di questa menzogna è cercare di mettere a tacere gli organi scomodi delle forze oscure e manipolatrici che agiscono all’interno della comunità italiana.

“Ci hanno costretto a non pubblicare altro popolo italiano a causa delle accuse mosse in ogni modo al giornale dal più alto rappresentante del governo italiano nel paese in cui il giornale è pubblicato, esso non può e non deve essere smentito e contrastato dal giornale stesso, ma dagli organi preposti nel rispetto della democrazia”, ​​ha scritto qualche giorno fa il direttore Mimmo Porpiglia, che ha aggiunto: “Per non perdere del tutto l’esperienza e la storia di questo giornale, continuerà ad uscire, ancora per qualche giorno, quindi solo nelle edizioni digitali fino all’identificazione di un nuovo editore o direttore che potrebbe essere disponibile per continuare l’attività”, ha affermato il Comitato Editoriale in una nota popolo italiano.

Il direttore del quotidiano Mimmo Porpiglia ha pubblicato un editoriale: «Questa non è una sconfitta per questo giornale, non è una vittoria per chi in questi anni ha lavorato per chiuderci. No. Il discorso è diverso. Con i giornali chiusi, censurati a priori per le loro linee editoriali, hanno vinto coloro che credevano che l’informazione dovesse sempre servire al potere, senza che la punizione venisse accusata di divisione. E chi crede che la democrazia sia basata su una pluralità di idee, sul confronto, sul dibattito e mai sulla censura o, peggio, sull’esclusione, perde. Continua a vincere chi crede che la gestione della cosa pubblica debba essere esclusa da qualsiasi valutazione da parte dei media e dei cittadini, che confonde il rispetto delle istituzioni con l’impunità delle proprie azioni.

Non siamo d’accordo con Porpiglia. Questa è una sconfitta per la comunità italiana perché l’unica manifestazione di una certa continuità nella presenza culturale, informativa, emotiva che noi italiani abbiamo in Uruguay è Quella Italiano. Non più. L’ambasciata non esiste, la presenza commerciale è notevolmente diminuita e inoltre non si può affermare che si tratti di un elemento promozionale, anche la Camera di Commercio Uruguay-Italia non esiste, ed è la prima ad essere istituita al mondo, quindi noi contare su un elemento per una comunità famosa per essere la seconda per numero di immigrati.

L’Italia ha e ha avuto forti influenze culturali, sociali, economiche, commerciali e umane, con la regione dell’Uruguay dove le fondamenta di queste città sono legate all’Italia e con i giornali locali che hanno anche una forte influenza nella regione, pesando pesantemente sull’Italia. Ci sentiamo con una rappresentazione minima. Soprattutto, quando abbiamo raggiunto quella quota non abbiamo nemmeno un Consolato. Siamo stati ridotti a uffici consolari e ambasciate appariscenti per la loro assenza, nel servizio, nell’iniziativa, nella presenza.

chiusura popolo italiano si tratta di una grave sconfitta per la stampa libera, per l’immagine dell’Italia in Uruguay e all’estero e quindi una vittoria – si spera temporanea – di una visione cospirativa, manipolatrice e persino illegale che danneggia la comunità italiana all’estero e in particolare in Uruguay e in America Latina. .

Non dimentichiamo il ruolo svolto dai giornali italiani in questo Paese, per denunciare, smascherare la manovra, la trappola elettorale in cui il Senato italiano ha espulso Adriano Cario, perché secondo la procura di Roma avrebbe falsificato le schede elettorali da lui eletto senatore. Ed è successo a dicembre 2021 e Lagli italiani giocato un ruolo molto audace e importante. Ad alcuni non piace affatto l’affermazione. È senatore del MAIE (Movimento Associativo Italiani all’Estero).

La decisione del Senato è arrivata dopo che un’indagine della Procura di Roma ha rilevato irregolarità nel voto per corrispondenza nei collegi elettorali sudamericani alle elezioni politiche del 2018: test di calligrafia hanno rilevato che alcune schede erano irregolari, perché la preferenza per Cario era stata scritta dalla stessa mano . Cioè, più persone esprimeranno lo stesso voto più volte.

Il principale promotore di questa recinzione è contrario popolo italiano secondo la redazione stessa, perché “la linea editoriale di questo giornale è sgradevole” la maggioranza del Comitato (Aldo Lamorte, “i suoi amici” (dal dizionario Treccani, “Confronta”, che aiutano qualcuno di più o sono velati in cattive azioni) e ambasciatori) il grande italiano in Uruguay Giovanni Battista Iannuzzi, che insieme e d’accordo, intende negare con la loro irragionevole e incostituzionale condanna 24 anni di dialogo con Ambasciatori, Consoli, Ministeri, che va avanti da più di anni e, soprattutto, la comunità italo-uruguaiana insieme alla comunità italiana nel mondo che ci segue sempre con amore e partecipazione”

E poiché si tratta di un politico di scarso peso in Uruguay, ma che a un certo punto ha avuto pretese nel nostro Paese come Aldo Lamorte, i fatti sono ancora più necessari da conoscere.

Continueremo a fornire la nostra pagina elettronica per diffondere la produzione che Persone d’Italia vuole diffondersi attraverso Internet, non perché siamo d’accordo con la sua linea editoriale, ma per la sua indipendenza e tenacia nel difficile compito di promuovere l’informazione, l’opinione, la cultura italiana nel nostro Paese, in un momento difficile per il mondo e soprattutto per l’Europa .

E lotteremo perché non vincano censori, burocrati, “paragoni”. La libertà di stampa non si proclama, si pratica.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.