Sadik al centro della vicenda in Italia

L’ex attaccante del Partizan Umar Sadik è al centro dello scandalo “Stivali”.


PERDEREFonte: B92

Foto: Profimedia

Foto: Profimedia

Il club italiano Spezia ha ricevuto un divieto di trasferimento di due anni dalla FIFA per aver violato le disposizioni della legge sull’immigrazione acquistando illegalmente giocatori di calcio dalla Nigeria.

Tra loro c’era Sadik, insieme ad altri 11 calciatori arrivati ​​in Italia dalla Nigeria dal 2013 al 2017, secondo i media nigeriani, che hanno raccontato tutta la storia.

Lo Spezia ha collaborato con l’accademia di calcio di Abuja, quindi i giocatori più talentuosi si sono trasferiti in Italia e, in cambio, la Nigeria ha ricevuto alcuni fondi.

Molti si recano in Italia per i tornei delle categorie più giovani, e chi si dimostra vi rimane con impegni speciali, il che va contro la politica della Fifa sul trasferimento dei minori.

Lo ha fatto lo Spezia con la sua filiale Lavanjeze, e Sadik aveva appena fatto un viaggio del genere quando ha preso in prestito dallo Spezia.

Lo ha fatto insieme al suo amico d’infanzia Nur Abdullahi, che è stato segnato come il più grande talento del gruppo, “esplodendo” nella selezione juniores dello Spezia e assicurandosi il trasferimento alla Roma due anni dopo.

Sadik ha poi giocato in vari prestiti, fino a quando non ha riabilitato la sua carriera al Partizan, dove ha segnato 23 gol e si è trasferito ad Almeria, in Spagna, continuando la sua rinascita.

I media nigeriani hanno riferito che gli altri giocatori del gruppo erano Tahir Maini, David Okereke, Orji Okonvo, Kingsley Michael, Suleiman Abdullahi, Theophilus Avua, Ani Emanuel, Chukvuemeka Emanuel e Haruna Adam Mohamed.

Seguici su di noi Facebook io Instagram pagina, Indonesia Account e unisciti a noi Viber Pubblico.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.