Salvini insulta l’ex capitano Carola Rackete, processo interrotto

Era un “comunista tedesco ricco e viziato”, ha detto Matteo Salvini dell’ex capitano Carola Rackete. L’insulto è finito in tribunale. Il processo è stato ora sospeso.

Un tribunale di Milano ha sospeso il processo all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini per aver pronunciato commenti offensivi contro l’attivista tedesca Carola Rackete. Il giudice ha ordinato al Senato italiano di decidere prima se le dichiarazioni di Salvini del 2019 sono definitive, ha riferito giovedì l’agenzia di stampa Ansa.

Rackete ha denunciato Salvini per aver fatto commenti denigratori sull’ex capitano dell’organizzazione umanitaria privata Sea-Watch sui social media a giugno e luglio come ministro degli interni. “Penso che le persone con importanti incarichi politici in particolare dovrebbero essere ritenute responsabili del loro comportamento ed è per questo che spero che questo processo continui”, ha detto Rackete quando l’agenzia di stampa tedesca gli ha chiesto.

Matteo Salvini: sotto processo l’ex ministro dell’Interno. (Fonte: Zuma Wire/imago-images-pictures)

“Comunisti tedeschi ricchi e viziati”

Salvini ha descritto il 34enne come un “comunista tedesco ricco e viziato”. A fine giugno 2019, Rackete, in qualità di capitano, ha pilotato “Sea-Watch 3” con circa 40 migranti soccorsi nel Mar Mediterraneo su una barca diretta al porto dell’isola italiana di Lampedusa senza il permesso delle autorità. In precedenza, le persone aspettavano a lungo in mare in attesa di un luogo sicuro. Dopodiché, Rackete era agli arresti domiciliari.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.