Se non riesci a trovare la tua emoji bandiera preferita, la colpa è delle Nazioni Unite

L’Unicode Consortium ha annunciato che non ci saranno più flag in quanto è troppo occupato, pone problemi geopolitici ed è usato raramente.

È già deciso. Polemica finita e richieste. Esso consorzio unicode, che ha il compito di mantenere gli standard di tutto ciò che riguarda le emoticon, ha deciso quali flag possono essere trovati e utilizzati per inviare e comporre messaggi. sarà solo disponibile paesi riconosciuti dalle Nazioni Unite. Quindi dimentica di cercare le bandiere delle squadre regionali, locali o di calcio.

Come mai? Secondo Unicode stesso, per tre ragioni fondamentale, quello efficaciaQuello geopolitica e efficacia e il reale utilizzo delle bandiere come emoticon.

Tra la gente intorno Ci sono 3.600 emoji, circa 200 sono bandiere. Proporzionalmente, è uno degli argomenti o campi con il maggior numero di elementi. E visto il reale interesse che hanno suscitato, in teoria l’utilizzo dovrebbe essere molto alto. L’analisi dell’utilizzo dice il contrario. Nella tradizionale lista dei più utilizzati ogni anno, non compare mai niente bandiera. Ciò indica che non sono abituati a inviare messaggi. La realtà mostra che è più comune guarda nel profilo privato come dati di identità, ma anche una tendenza non molto generale.

Un gruppo di bandiere che non provengono da un paese riconosciuto dalle Nazioni Unite e che hanno già una versione emoji.


Insieme a un uso relativamente scarso sono i sentimenti che evocano l’uno per l’altro, i problemi geopolitici che possono creare. Non perché qualcuno abbia suggerito un boicottaggio di questa onlus perché manca l’azienda o su qualche striscione, ma perché il danno che può causare che alcuni ci sono e altri no. Per questo motivo, Unicode è la salvaguardia de facto di fatto Nazioni Unite e offrirà solo bandiere di paesi riconosciuti da questa organizzazione internazionale.

Forse la domanda che dovrebbe essere posta ora è cosa accadrà alla bandiera Inghilterra, Scozia, Galles, Isole Faroe, Texas e altri che già esistono e che non corrisponde alla definizione riconosciuto dalle Nazioni Unite. Le lamentele geopolitiche che vogliono evitare a causa di presunti favoritismi sono già in corso. O con una bandiera Piratada Comunità LGBTIQuello quadrato dalle corse motociclistiche…

Infine, Unicode ha anche deciso di attirare l’efficienza aziendale e valutare costi-benefici durante la creazione di emoji. fare una bandiera è complicato da progettare quindi se ce l’hanno poco uso e per di più creano conflitti geopolitici, redditività molto bassa per un’organizzazione che cerca di standardizzare una forma di comunicazione sempre più utilizzata e compresa da chiunque in qualsiasi parte del mondo.

Ma la cosa più strana di queste dimensioni è che è successo utenti senza la propria bandiera che sembra essere in testa. Unisci i cuori colorati, presentano nel loro profilo la bandiera di loro scelta. E questo è ciò che consigliano di fare a Unicode. Lo chiamano “blocco della comunicazione” e questo è l’obiettivo finale degli emoji, mescolandoli per creare messaggi.

Il primo blocco di emozioni di bandiera con dieci paesi.


Perché è nata l’emoji della bandiera?

Esso primo blocco di bandiera ciò che viene offerto è in anni 90 ed è composto da bandiere di dieci paesi. L’iniziativa è giapponese e lo striscione scelto è di Cina, Italia, Germania, Spagna, Francia, Regno Unito, Giappone, Corea del Sud, Russia e Stati Uniti. Il motivo di tale scelta è semplice e pratico: riassumere in una foto che tipo di cibo ordinare per telefono. Non ha nulla a che fare con ragioni geografiche o di identità. Solo “Voglio cibo italiano”. O Giappone o Spagna o Corea.

Unicode Consortium, intermediario standard

Il Consorzio Unicode è organizzazione non profit responsabile del coordinamento dello sviluppo dello standard Unicode. L’obiettivo è sostituire l’attuale codifica dei caratteri standard, incluse le emoji, con Unicode e UTFafferma che molti dei sistemi esistenti sono limitati e incompatibili con gli ambienti multilingue.

Questa iniziativa è nata nel gennaio 1991 in California. Le decisioni del consorzio sono prese dal Comitato Tecnico Unicode. Il successo di Unicode nell’unificare i set di caratteri ha portato a ampiamente utilizzato nell’internazionalizzazione e nella localizzazione di software.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.