“Senza umiltà, non ti permetti di essere…”.

Tutto era pronto per lo storico torneo di Amburgo, che dal 2009 non ospitava più il torneo Masters 1000 ma l’ATP 500. Dai campi in terra battuta di Am Rothenbaum era assente Jannik Sinner.

L’allenatore italiano ha deciso di prendersi qualche giorno in più dopo essersi infortunato alla caviglia durante la partita contro Novak Djokovic a Wimbledon. “Dopo aver parlato con la mia squadra, abbiamo deciso che era meglio recuperare un po’ di più da una piccola distorsione alla caviglia”, ha scritto Sinner sul suo account Instagram per annunciare la sua perdita.

La star assoluta del torneo tedesco ATP 500 porta il nome e cognome Carlos Alcaraz. Lo spagnolo è in testa alla classifica e al primo turno affronterà Nicola Kuhn. In caso di vittoria, Alcaraz incontrerà Sebastian Baez o Filip Krajinovic dall’altra parte della rete.

Karen Khachanov è anche ai suoi quarti di finale ma deve superare la concorrenza di Jan-Lennard Struff e Fabio Fognini.
L’italiano affronterà Aljaz Bedene. I principali candidati a raggiungere le semifinali in testa alla classifica sono Pablo Carreño Busta e Holger Rune, mentre Alex Molcan e Laslo Djere potrebbero essere gli sfavoriti più pericolosi.

Andrey Rublev, il secondo giocatore più alto in classifica dell’Amburgo, affronterà invece Alexander Bublik in quella che si preannuncia una partita emozionante. In fondo alla classifica scenderà in campo anche Lorenzo Musetti.

Il giovane talento italiano cercherà di superare Dusan Lajovic e si proporrà una grande sfida con Diego Schwartzman. Rafael Nadal ha vinto le sue prime 20 partite dell’anno per fare il miglior inizio di stagione in carriera nell’ATP Tour.

Nadal ha vinto le sue prime 20 partite quest’anno

“Negli sport di squadra, hai un allenatore che è un club”, ha detto Rafael Nadal. “Si paga anche il noleggio di allenatore e giocatore.
Ma l’allenatore è il capo.

Nel nostro sport pago gli allenatori, i preparatori fisici, i fisioterapisti. Alla fine sei tu il capo.” Ha detto che i giocatori avevano bisogno di umiltà e ha aggiunto che lo staff tecnico aveva bisogno di libertà di esprimersi.

“Se non fai in modo che tutti intorno a te si sentano liberi di dire qualcosa, nel bene o nel male, senza mettere a repentaglio il tuo lavoro, non ti permetti di essere d’aiuto.

Se non hai l’umiltà di ascoltare cose che non ti piacciono molto, è difficile per te continuare sulla strada giusta”, ha detto Nadal.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.