Sfida Erdogan: la Grecia espelle gli immigrati e fuggono in Italia

Il presidente del Consiglio italiano non ha smentito le affermazioni del presidente turco e ha commentato soddisfatto: “L’Italia ha raggiunto il suo limite, con gli immigrati provenienti dal suo est, sia dalla Turchia che dalla Grecia.

Esce un nuovo provocatorio crescendo contro la Grecia, questa volta che coinvolge l’Italia, di Recep Tayyip Erdogan.

Il presidente turco, in conferenza stampa dopo l’incontro con il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi ad Ankara ha fatto riferimento all’immigrazione, dicendo che “la Grecia è pericolosa anche per l’Italia, perché espelle gli immigrati e sono costretti a fuggire in Italia”.

“Soprattutto in questo caso, nel contropiede che hanno tentato, purtroppo, la Grecia inizia ora a mettere in pericolo l’Italia, fuori dall’Europa. In questa contropressione, dove sono tutte queste persone, i clandestini, che ci provano trovare rifugio adesso? fuggiti in Italia. Abbiamo portato queste persone dal mare, abbiamo fatto del nostro meglio durante questa battuta d’arresto. Abbiamo cercato di salvarle raccogliendole dal mare. Ma lo stesso problema è successo anche in Italia. Vorrei anche ascolta il parere dell’onorevole Draghi su questo argomento. Eccolo qui, signor Presidente del Consiglio”. Erdogan ha sottolineato.

QUELLO Dragi non ha respinto le affermazioni del presidente turco, dicendo che “l’Italia ha raggiunto il suo limite, con gli immigrati provenienti dal suo est, sia dalla Turchia che dalla Grecia. Quello che sto dicendo è che la questione dell’immigrazione deve essere gestita in modo umano, equo ed efficiente. queste persone nei nostri mari, sono venute via nave. Il nostro comportamento in questa materia è molto buono. Certo, siamo un paese molto aperto in questo senso, ma qualcosa deve essere realizzato. Non possiamo essere aperti all’infinito. A volte, situazioni in il paese ospitante diventa insopportabile”.

Ha aggiunto: “Lo ha affermato il ministro La Morchese davanti all’Unione europea. Lo abbiamo rivelato davanti a Erdogan e lo riveleremo sicuramente quando incontreremo la Grecia. A questo proposito, abbiamo cercato di essere il paese meno discriminatorio, in quanto aperto possibile. , ma avevamo un limite e ora abbiamo raggiunto quel limite”.

Fonte: skai.gr

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.