“Sì” alla futura Europa dell’Ucraina

Il tanto atteso viaggio di Olaf Solz si è finalmente svolto nella massima segretezza e nel massimo livello di sicurezza. È quello che tutti si aspettano dal cancelliere tedesco il 24 febbraio, giorno dell’invasione russa dell’Ucraina. Per i suoi oligarchi ha ricevuto aspre critiche in patria ma anche all’estero e ovviamente dall’Ucraina. È stato preceduto da un malinteso diplomatico sull'”indesiderato” a Kiev il presidente tedesco Steinmeier, che è stato successivamente risolto, pressioni quotidiane per le spedizioni tedesche di armi pesanti e sparatorie sui suoi predecessori per aver insistito sulle politiche filo-russe, il presunto “frutto” di Ucraina.

Tuttavia, Olaf Solz è arrivato a Kiev e non era solo, con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente rumeno Klaus Johannes. Il messaggio che hanno scelto di inviare alla conferenza stampa congiunta dopo l’incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky era chiaro. “Noi quattro sosteniamo la concessione immediata dello status di candidato all’UE”, ha affermato Olaf Solz. La concessione di questo status è solo l’inizio di un lungo viaggio verso la piena adesione all’UE, ma ha un peso.

“L’Europa ha scelto da che parte stare”

“Siamo a una svolta nella storia. Il popolo ucraino difende ogni giorno i valori di democrazia e libertà che sono alla base del progetto europeo. Non vediamo l’ora. Non possiamo ritardare questo processo”, ha affermato Mario Draghi. “Estendiamo i saluti fraterni dei popoli europei a un popolo libero e sovrano. L’Europa ha scelto da che parte schierarsi”.

Il presidente ucraino Volodymyr ha accolto con favore il “sì” dei leader europei alla prospettiva europea dell’Ucraina. “L’Ucraina si è guadagnata il diritto di intraprendere questa strada e ottenere lo status di Stato candidato”, ha affermato, sottolineando ancora una volta che l’aggressione della Russia era rivolta a “tutta l’Europa”.

Che dire delle armi che Kiev chiede audacemente?

Tuttavia, Kiev non mostra la stessa soddisfazione per la questione della consegna immediata e pratica di armi pesanti dall’Occidente all’Ucraina, in altre parole, i sistemi promessi da paesi come la Germania, ma che hanno tardato a consegnare. Mentre il presidente Macron ha annunciato la resa di altri sei carri armati francesi tipo Caesar, il cancelliere tedesco ha preso una posizione più generale, ribadendo che la Germania avrebbe continuato a sostenere militarmente l’Ucraina per tutto il tempo necessario. Tuttavia, ha fatto riferimento all’addestramento dei soldati ucraini nei carri armati tedeschi e ha promesso all’Ucraina un sistema avanzato di difesa aerea Iris-T e uno speciale radar Cobra.

Tuttavia, anche nelle osservazioni di Zelensky, la pressione esercitata dal governo ucraino ad ogni occasione per la consegna di armi pesanti qui e ora si riflette ancora una volta, esprimendo la sua costante richiesta: più armi fornisce l’Occidente, prima finirà. guerra. Tuttavia, secondo la rete televisiva pubblica ZDF, l’Ucraina si sta preparando per la tanto attesa visita con un elenco di richieste speciali per le armi occidentali: 1000 granate semoventi (Haubitze), 500 sistemi multi-lancio e 500 carri armati. Gli analisti militari, tuttavia, affermano che le richieste sono più politiche che militari, perché nemmeno gli Stati Uniti possono soddisfarle.

“Autopsia” a Irpin per crimini di guerra

In mattinata, i quattro leader hanno visitato Irpin, vicino a Kiev, osservando attentamente i segni di distruzione di massa da parte dell’esercito russo. Il cancelliere Soltz ha parlato di “brutalità inimmaginabile”, con il presidente francese Macron che ha condannato ancora una volta i crimini di guerra che sembrano essere stati commessi in Ucraina. Il presidente rumeno Johannes ha parlato anche di “un’impensabile tragedia umanitaria”, mentre Mario Draghi ha promesso l’assistenza italiana per la ricostruzione dell’Ucraina.

Infine, il presidente Zelensky ha accettato la proposta della Germania di partecipare al vertice del G7 in Baviera a fine luglio, senza specificare se avrebbe partecipato di persona o in videoconferenza.

Dimitra Kyranoudi, Berlino

Fonte: Deutsche Welle

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.