Solovyov: attaccata la villa dell’oligarca italiano e propagandista di Putin

In Italia qualcuno ha dato fuoco a una villa confiscata dal moderatore russo Vladimir Solovyov, che è uno dei principali volti dei media filo-Cremlino russi.

“Assassino”, ha scritto un manifestante non identificato sui cancelli e sui recinti davanti alla villa di Solovyov.chi ha compiuto l’attacco distruttivo. La piscina della villa si è trasformata in un “bagno di sangue”, anche la facciata del magnifico edificio era macchiata di vernice.

Solovyov è un noto moderatoreScale del Cremlino, violenta retorica anti-ucraina e anti-occidentale e la diffusione illimitata della propaganda russa. Lavora alla televisione di stato russa, dove appare in diversi programmi.

Proprio sulla televisione russa Solovyov si lamenta delle azioni delle autorità italiane. Il suo pianto non è finito. “Per ogni transazione, porto documenti che dimostrano il mio stipendio ufficiale, il mio reddito, faccio tutto… l’ho comprato, ho pagato una cifra folle di tasse. E all’improvviso qualcuno ha deciso che ero un giornalista nell’elenco delle sanzioni”, si è lamentato.

Finora l’Italia ha confiscato due delle tre proprietà attribuite a Solovyov nell’ambito delle sanzioni contro gli oligarchi russi – per un valore stimato di 8 milioni di euro (195 milioni di corone). La terza proprietà sarebbe stata trasferita a un membro della famiglia Solovyov, ha detto oggi il Daily Beast.


Durante il sermone di oggi in piazza San Pietro, papa Francesco ha chiesto una tregua pasquale in Ucraina, che secondo lui dovrebbe portare alla pace attraverso veri negoziati. Secondo Reuters, decine di migliaia di credenti si sono radunati in Vaticano domenica maggio, che inizia la settimana di Quaresima.

“Metti giù le pistole. Che la tregua di Pasqua abbia inizio, ma non così possiamo ricaricare le nostre armi e continuare la lotta. No. Una tregua per la pace attraverso veri negoziati “ disse František alla fine del sermone.


Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato al telefono con il cancelliere tedesco Olaf Scholz. “Sottolineiamo che i criminali di guerra devono essere identificati e puniti”, ha scritto il presidente. Ha aggiunto che gli argomenti erano anche sanzioni anti-russe, difesa e assistenza finanziaria all’Ucraina.


Il capo dell’amministrazione di Kharkov Oleg Sinegubov ha annunciato che il convoglio russo diretto a Izjum era stato distrutto quella notte.. Lo ha riportato Nexta TV.

Vedi tutto in linea

L’incendio della villa di Menaggio è scoppiato questa mattina ma è stato subito domato. Secondo gli inquirenti, l’incendio sarebbe stato acceso deliberatamente. Le gomme raccolte hanno preso fuoco. Tuttavia, i danni non sono stati ingenti, la casa è stata lasciata libera a causa di precedenti lavori di costruzione.

Secondo il sindaco di Menaggio Michele Spaggiari, questo è una “protesta” contro il proprietario dell’immobile. Un’altra casa di Solovyov è stata oggetto di proteste. Qualcuno ha colorato l’acqua di uno stagno o ha dipinto un muro con slogan contro la guerra.

“Un mese fa, molti dei miei cittadini non sapevano chi fossero”. ha detto Spaggiari, secondo cui la Russia non mantiene i contatti con i residenti locali.

Dall’imposizione delle sanzioni dell’UE, l’Italia ha iniziato a sequestrare i beni di funzionari e oligarchi russi. La maggior parte di loro sono immobili di lusso e navi da crociera. Secondo gli ultimi dati del ministero delle Finanze a fine marzo, il valore dell’immobile sequestrato era di circa 900 milioni di euro (oltre 22 miliardi di corone).

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.