“Speriamo di aprire un ristorante questa settimana e altri due presto”, afferma Bogotá Eats

Alejandro Escallón realizza il sogno che molte persone desiderano. L’uomo di 29 anni del lavoro di Bogotà è quello di mangiare da un ristorante all’altro nella capitale della nazione. Attualmente, quello che era iniziato come un profilo Instagram si è concretizzato in tre ristoranti con altri in arrivo.

BogotaEats, come sanno i suoi seguaci, attualmente impiega oltre 100 persone in ristorante dove agisce come partner e manager. Questa settimana, il business manager di professione, ma nel cuore, è un buongustaio, sperando di annunciare il suo prossimo progetto.

Alejandro, dimmi quando e come è nato BogotáEats
Questa pagina è stata creata a settembre 2014. Sono sempre stato un super buongustaio. Amo provare i ristoranti e ho un problema con i miei genitori perché io sempre: proviamo questo ristorante o questo piatto e loro non saranno d’accordo. Quindi finiamo sempre nello stesso posto.
In quel periodo la capitale stava iniziando un boom gastronomico che durava da quasi 10 anni e poi non c’era cultura per provare cose nuove.

Perché pensi che ci sia così tanto “fidanzamento”?
Penso che sia perché non ci sono siti di recensioni. Ci sono giornalisti gastronomici e così via, ma non un canale dedicato solo a questo. È stato allora che ho visto un film intitolato “Chef” e sono uscito e ho detto “deve esserci un account Instagram che consiglia un ristorante”.

Quando hai capito che funzionava?
oops, ho iniziato con quello per i miei amici, davvero. Ma il pod ha iniziato a crescere nel giro di pochi mesi ed era solo questione di giorni prima che l’account avesse più follower del mio account personale.

E cosa ci fa lì?
Ho detto: wow, ci sono molte persone qui. Ho dovuto sfruttare questo in qualche modo ed è lì che è nato il mio progetto di vita.

Com’è stato il tuo primo post?
Ricordo che ho guardato il mio cellulare scorrere per una foto del piatto perché non sapevo come fare una foto. (E ora) Non in questo momento, ma allora stavo facendo recensioni e valutazioni molto semplici. Ma, per esempio, allora, poiché era una nicchia molto piccola, scrivevo cose che non direi mai adesso.

Qual è stato il tuo primo obiettivo con BogotaEats?
All’inizio siamo scappati anche prima della pandemia.

Quel modo? E adesso?
Abbiamo smesso di farlo, principalmente a causa della pandemia. Ora che possiedo un ristorante, so quanto sia duro l’ambiente e quell’anno con aziende e persone che cercano di sopravvivere, non possiamo dire che un posto non sia buono.

Ora diciamo che non ci piace ma non gli diamo un voto. Oggi, come attore del settore (Alejandro è partner in cinque ristoranti e ha ospitato due festival), vogliamo posizionare Bogotá e la Colombia come destinazioni gastronomiche ed essere riconosciuti per la loro ricchezza gastronomica. Vogliamo unificare il settore.

Cosa ti piace di più di possedere un ristorante?
Dico sempre che chi possiede un ristorante ha qualcosa di pazzesco. Questo è un investimento, c’è un alto rischio e devi prestare attenzione ai dettagli giorno dopo giorno. Ma dico che sono nato per questo perché mi piace molto quel ‘voleo’. Tuttavia, anche il riconoscimento che la piattaforma mi ha dato è stato interessante e non escluderei l’ecosistema digitale.

In un ristorante è bello vedere i sogni realizzarsi in un modo più tangibile. Qualcuno ha un’idea, fa un business plan basato su un concetto e prepara le premesse.

E l’inflazione?
Oh, tenace. Perché la percezione del consumatore è che i ristoranti aumentino i prezzi solo perché. Tuttavia, sia i prodotti locali che quelli importati aumentano i loro prezzi e alcuni ristoranti preferiscono assorbire l’aumento per non incidere sui clienti. Ma è difficile.

Cosa risparmia dal digitale?
creatività. Il digitale deve essere aggiornato continuamente, altrimenti rimane. Ora su BogotáEats tutto è video, a un certo punto era YouTube e prima che fossero foto. Ma cambiamo sempre e questa è la sfida. Oggi eravamo in sette persone e mentre il team stava costruendo un’idea di qualcun altro, una di loro si è ritrovata con un baccello davvero buono.

E la tua esperienza al festival?
Articolazione della conoscenza. Lì abbiamo lavorato con Evenpro e il fatto che allestire 30 cucine, distributori di benzina e un intero palco nel parco per il fine settimana era qualcosa che non sarei mai stato in grado di fare da solo. È tutto nel “saper fare”.

Ora lanciami ‘chivas’.
Che cos’è?

Notizia. Dimmi cosa accadrà, cosa hai in mente?
Ah, alcuni baccelli. Questa settimana lanceremo ‘A Cielo Abierto 2.0’. Sarà grande il doppio e sarà settembre. L’idea è di basarsi su ciò che è stato appreso.

E il ristorante? Cosa c’è di nuovo in arrivo?
Anche! Questa settimana lanceremo “Harriet”, un ristorante per la colazione gringo che per ora funziona solo a casa. Tra poche settimane speriamo di aprire il ‘Tercer Piso’, un classico american bar con un tocco gastronomico.

E infine Summer, che ci aspettiamo tra cinque o sei mesi. Questo sarà il cibo italiano con un tocco mediorientale. Tra poche settimane ci recheremo a Tel Aviv per approfondire il concetto.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.