Spero che le stesse opere non vengano visualizzate sul nostro schermo

Qualcosa è cambiato nell’UE O è solo un altro tentativo che non avrà un lieto fine, come tanti in passato? Emanuel Macron e Mario Draghi hanno invitato i paesi dell’UE a riformare le regole fiscali europee stabilite nei criteri di Maastricht per consentire una maggiore spesa per investimenti, pur riconoscendo che il debito pubblico dovrebbe essere ridotto. “Così come questa regola non limita la nostra risposta alla pandemia, non dovrebbe più impedirci di fare tutti gli investimenti necessari”, hanno affermato i leader francese e italiano in un articolo pubblicato sul sito web del Financial Times.

Emanuel Macron aveva annunciato il 9 dicembre di voler fare della riforma dei criteri di Maastricht una priorità per la presidenza francese dell’Ue, ritenendo che la domanda “pro o contro il limite del 3%” sul deficit fosse “datata”. Il suo messaggio, questa volta sostenuto dal Presidente del Consiglio italiano, è stato rivolto ai Paesi dell’Unione Europea. che è più vincolato alle regole dell’austerità. “Dobbiamo ridurre il nostro debito, non c’è dubbio, ma non possiamo sperare di raggiungere questo obiettivo aumentando le tasse o facendo tagli insopportabili alla spesa sociale, o uccidendo la crescita prima della nascita, riequilibrando”. aggiustamenti fiscali che non saranno sostenibili”, hanno affermato i due leader.

Sembra che Francia e Italia continuino a spingere per emendamenti al trattato di ferro già in vigore nell’UE. Per molti anni. La Francia assume la presidenza dell’Unione europea, è entrata in un periodo elettorale e il presidente francese, spinto principalmente dai suoi diritti con tre nomine, vorrà emergere come un leader che lotta per schiacciare il dominio tedesco e un alleato volontario in politica economica.

Il primo ministro italiano (non eletto) Mario Draghi mentre era a capo della Banca centrale europea non ha esitato a scontrarsi con il governo di Angela Merkel. La sua frase “faremo tutto il necessario per proteggere l’euro” ha rassicurato i mercati, ma la sua insistenza nel rifiutare di accettare le dure proposte di Berlino, di Seibel e dei suoi seguaci, lo ha messo a disagio. bloccare.

Lo spagnolo Sanchez e il portoghese Costa sono d’accordo con l’idea di Macron-Draghi: i sondaggi suggeriscono che sarà il vincitore delle elezioni. Normalmente il governo greco dovrebbe essere d’accordo, ma per ora Mitsotakis ha evitato di sostenere caldamente le iniziative dei due leader, vuoi perché teme che sarà segnato da tumulti da parte dei tedeschi (e non lo sopporta perché ha imparato a obbedire all’ammiraglia Ue) o perché non crede che Macron e Draghi riusciranno a tenere la Germania fino alla fine (ha il diritto di stare attento, perché in passato la Francia ha piegato momenti critici, ha ricevuto qualche compenso), quindi non sarebbe saggio esporre, o – che è il peggio – Macron – Draghi non lo vede come un fattore importante.

Pertanto, tutto sarà giudicato dall’atteggiamento del nuovo governo tedesco in tre colori. Il suo leader, il cancelliere Olaf Soltz, è ministro delle finanze in un grande governo di coalizione, e il suo esempio di scrittura sull’argomento non è diverso da quello del suo predecessore, V. Schieble. Il nuovo ministro delle Finanze, Christian Lindner, del Partito Liberale, lo nasconde e non lo nasconde come neoliberista. Il nuovo governatore della Banca centrale, Joaquim Nigel, potrebbe appartenere ai ranghi dei socialdemocratici, ma le sue opinioni sulla politica economica sono tutt’altro che sbagliate. Se fosse stato in un’altra ondata, non avrebbe preso quella posizione.

Alla fine, cosa accadrà? Meglio non scommettere. Chiudiamo con una piccola battuta facendo riferimento allo spiritoso titolo “Journal of Authors” (28-12-2021), “Loro fanno quello che vogliono e noi facciamo quello che facciamo”, che è una variazione della vecchia era sovietica. un aneddoto che dice: “lo fanno ci pagano e noi facciamo quello che facciamo”. Pertanto, non è escluso che nei casi da noi esaminati sia accaduto quanto segue: “Francia e Italia faranno quello che fanno per attaccare e la Germania farà quando si ritireranno”. E alla fine, tutto rimarrà lo stesso. Abbiamo già visto il lavoro. Speriamo che non venga più visualizzato sul nostro schermo.

Sottrazione

A cinquant’anni dalla prima edizione dell’iconico libro di Eduardo Galeano “Le vene aperte dell’America Latina”. Ce lo ha ricordato Christina Pantzou nel numero di ieri del “Journal of Authors”. Galeano scrisse dei colonizzatori europei: “Sono venuti. Hanno la Bibbia e noi possediamo la terra. E ci dicono: chiudi gli occhi e prega. E quando apriamo gli occhi, loro hanno la terra e noi abbiamo la Bibbia”! !!

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.