Suono l’organo per il principe danese, dice il romanziere storico

“Bach o Mozart hanno anche pessime canzoni che vale a malapena la pena di suonare e ascoltare”, afferma Josef Bernard Prokop, scrittore, organista e musicologo. È anche il presidente della Società ceca di Jan Ladislav Dusík, musicista, viaggiatore del mondo e avventuriero che ha contribuito al miglioramento del pianoforte. Le interviste con Prokop riguardano solitamente i libri. Di cosa parlerai ancora della musica, che è anche la sua professione?

Il suono dell’organo aveva qualcosa di edificante, simile alla campana di una chiesa. Come lo percepisci?

L’organo è uno strumento fantastico e la gente lo adora. L’effetto che il loro suono ha sugli ascoltatori è spesso sorprendente. Forse a causa dell’eco che erano stati quasi banditi sotto i comunisti, quindi hanno semplicemente sofferto. Spesso aspetta che i vermi lo mangino e si disintegrano.

Le loro vibrazioni mi colpiscono anche a livello fisico.

Vibrazioni, increspature come fenomeni fisici esistenti, stimolano il corpo umano. Per lo più positivo. Ma anche ci sono alcune frequenze dannose per la salute. E quell’organo ha uno spettro sonoro molto ampio. Da una voce debole e morbida a una cascata di toni assordanti.

Prendi l’organo più grande del mondo, che si trova ad Atlantic City. Puoi anche trovare le loro registrazioni su YouTube. Quando guardi il loro tavolo da gioco, è una straordinaria sala macchine che ha un grande potenziale. Hanno sette manuali – cioè sette tastiere una sopra l’altra – e 935 registri (opzioni voce, note del redattore).

Josef Bernard Prokop

Musicista, editore, scrittore, educatore. Si esibisce attivamente all’organo, non solo nella Repubblica Ceca, ma nella maggior parte dei paesi europei. Autore di dodici romanzi storici, il primo dei quali Carlo IV. – Diario segreto, durato fino all’anno scorso. František těpán Lotrinský: Il ricco marito della povera imperatrice.

Nasce e studia a Praga (organo, pianoforte, musicologia). Dopo una breve esperienza di insegnamento, ha lavorato per trent’anni per Radio Ceca, dove è stato editore e moderatore. Inoltre è autore di più di duecento programmi radiofonici, coautore di un programma televisivo e autore di tre opere teatrali.

È anche attivo nel lavoro musicologico, tra gli altri è il fondatore e presidente della Jan Ladislav Dusík Czech Society.

Foto: Archivio Josef Bernard Prokop, Elenco notizie

Josef Bernard Prokop è l’autore di dodici romanzi storici.

In confronto, che organo suoni?

Sono tra i migliori di Praga. Hanno tre manuali, 140 registri. A volte puoi venire a vedere, ho suonato al Vinohrady Praga.

Come puoi suonare l’organo?

Da bambino suonavo il piano e uno dei Babbi Natale mi portò un bellissimo disco in vinile con una registrazione d’organo. La composizione di Bach su un organo Silbermann, una delle più belle che io conosca. Suonare è come una Rolls Royce per un organista come un automobilista.

Mio zio è un organista dilettante e mi ha insegnato che prima devo conoscere bene il pianoforte. Ho anche iniziato a servire, anche se a quel tempo non era molto popolare. Sono andato alla chiesa di S. Procopius a ižkov e spero di poter suonare a volte un po’ di quello che ho fatto finora con il pianoforte. E stranamente suona bene. E ho iniziato a esercitarmi di più, ea volte poteva toccare lo strumento dei suoi sogni. Poi ho iniziato a studiare gli organi.

Gli organi hanno vantaggi e svantaggi. Giocare sia con le mani che con i piedi è fisicamente impegnativo e richiede concentrazione, è un grande relax. Non ci sono limiti, come con qualsiasi strumento a fiato, è necessaria un’attrezzatura di prima classe. Conosci il nome Giovanni Stich Punto?

Gli organi hanno vantaggi e svantaggi. Giocare sia con le mani che con i piedi è fisicamente impegnativo e richiede concentrazione, è un grande relax.

Josef Bernard Prokop

È una bella storia! È un famoso suonatore di corno che proviene da ehušice vicino ad áslav. Ha suonato molto con il mio Dusík preferito, ma anche con Beethoven o Mozart. L’arcivescovo proprietario del maniero mandò Stich a studiare, ma l’ingrato musicista non tornò. Pertanto, l’arcivescovo mandò i suoi servi dietro di lui a trovarlo, lo rapì e gli estrasse i denti anteriori in un luogo appartato. Oggi avrebbe degli impianti lì dentro, ma poi sussurrerebbe e suonerebbe al massimo la batteria. Ma si è rivelato bene, è scappato.

Il concerto è un’esperienza straordinaria

Sono sorpreso che ci sia una competizione mondiale nei giochi d’organo. Stai partecipando?

Alla mia età? Di solito hanno un limite di età prestabilito, e all’epoca in cui studiavo non ce n’erano molti e non ti facevano andare a quelli internazionali. A poco a poco sono invecchiato per la competizione. Ma non ho mai fatto molto, perché l’arte non può essere giudicata oggettivamente. Puoi competere se salti o se raggiungi il traguardo più velocemente. Ma vedo le competizioni musicali come un ottimo trampolino di lancio per i giovani artisti in erba che hanno bisogno di mostrare al mondo che possono fare qualcosa. Ci sono molti tipi di concorsi di interpretazione: dalle scuole d’arte ai musicisti semi-professionisti ai giovani professionisti.

Ho partecipato a diversi concorsi di giuria, ne so molto poco. Come parte della nostra formazione continua, partecipiamo anche a seminari con il professor Klánsk, che è stato per molti anni una giuria internazionale. Mi ha parlato quando ha detto che avrebbe valutato lo stesso pianista in modo diverso per tre giorni di seguito – dipende anche da come dormi, da come ti senti, se ti fa male la schiena. Pertanto, penso che questo concorso sia principalmente una guida per i giovani organisti.

Suoni in molti paesi europei, come ci sei arrivato come organista?

Diverso è se vinci la competizione, o hai dei conoscenti, o vieni avvicinato da un’agenzia. Quante volte dopo un concerto, che sia in una grande città durante un concerto prestigioso o in un paesino sperduto, qualcuno verrà da te e ti saluterà con una proposta per andare a suonare ad esempio in Italia.

In questo caso, un organista italiano che ha apprezzato il concerto. Mi è successo più volte. Anche nel paese in cui suoni come ospite. E i contatti creano altri contatti… Soprattutto quando vivi e giochi o studi in campagna per un po’.

L’arte non può essere giudicata oggettivamente abbastanza bene. Puoi competere se salti o se raggiungi il traguardo più velocemente.

Josef Bernard Prokop

Il concerto stesso sarebbe una lunga storia. A volte è un’esperienza straordinaria. Immagina come funziona la coincidenza: il compositore barocco Jeremiah Clarke ha scritto La marcia del principe danese, che io e il mio trombettista di solito diamo in aggiunta allo spettacolo. Immagina una volta che dopo un concerto ci stesse aspettando un uomo di lingua inglese ben vestito, che disse che lo rendevamo molto felice. Era un principe danese nativo che aveva appena visitato Praga. Ci ha ringraziato per come abbiamo giocato bene la parata. Questo ti renderà molto felice.

Il destino dell’azoto influenzerà l’intero romanzo

Per ascoltare l’intervista, ho suonato Jan Ladislav Dusík dopo pranzo…

In che modo questo musicista a cavallo tra il 18° e il 19° secolo ti ha attratto così tanto da fondare e dirigere la sua compagnia?

È il mio preferito da sempre, la sua musica è originale e senza tempo. Sai quando risuoni con un po’ di musica? Che ti interesserebbe? Certo, mi piacciono anche altri compositori, da Bach a Vlach. Sono davvero un onnivoro nella musica e nella letteratura. Mi piacciono molti suggerimenti.

Ma man mano che tutti progrediscono, dico spesso – da studente molto giovane e immaturo – che c’è solo la buona musica antica e la musica moderna è cattiva. Questa è una stronzata. Oggi so che la buona musica si fa anche oggi, devi solo scegliere e a volte funzionerà. D’altra parte, la cattiva musica compare anche nel barocco e nel classicismo. Anche Bach o Mozart hanno fallito canzoni che non vale la pena suonare e ascoltare.

E come si collega all’azoto?

Era anni avanti rispetto ai suoi tempi, così come Beethoven in seguito. Si consideri che l’azoto visse tra il 1760 e il 1812, un periodo di forza di transizione, chiamato primo Romanticismo. Tuttavia, alcune delle sue composizioni successive non spiegano come potrebbero aver avuto origine ai suoi tempi. Quando scrisse Harmonic Elegy nel 1806, era già una composizione in stile Chopin, molte altre già annunciavano Brahms. E Liszta è di nuovo in tecnica pianistica. Ma soprattutto lavora con un gran numero di colori musicali, tipi di tratti, ha grandi esigenze per l’esecutore.

Come posso immaginarlo?

Se guardi i testi della musica, le istruzioni per il lettore sono come riprodurre correttamente la canzone. Fino ad allora, c’è a malapena, e all’improvviso devi suonare piano, dolcemente, con il fuoco, con la passione, elenca con precisione le pedalate… Ha uno stimolo dopo l’altro. Questo non è comunemente riportato, anche per il fatto che le composizioni sono generalmente fatte per strumenti a tastiera, clavicembali, clavicordi…

Anche le prime sonate di Beethoven possono essere suonate al clavicembalo. L’azoto lo ha raggiunto a questo proposito. Sul clavicembalo, sul clavicordo, la musica è smorzata, è già puramente per pianoforte. È un giramondo, dove arriva, aspirando stimoli ed elaborandoli.

Dovrebbe anche aiutare a riparare il pianoforte?

Mentre era in Inghilterra, ha ispirato il famoso strumentista di Broadwood a sviluppare e migliorare il pianoforte. L’azoto c’è, lo si può provare. I diari di Broadwood sono stati conservati, in cui scrive che gli hanno realizzato un nuovo pianoforte, come concordato, e lo hanno sviluppato in questo modo e in quel modo.

Quindi l’azoto ha avuto grandi benefici e, ancora più sorprendentemente, ha continuato a viaggiare. Fuggì dalla Rivoluzione francese, non era un buon uomo d’affari, quindi si stabilì da qualche parte, si indebitò nel mondo della musica e dovette scappare. Altrove, seduce una donna perché è bella e deve correre di nuovo.

Hai scritto di Carlo IV, Maria Theresa, ora del suo ricco e abile marito František těpán Lotrinský sullo sfondo, ma anche dell’acquirente Sám. Non è tempo per un romanzo sulla tua musica preferita?

Il destino dell’azoto è letteralmente in gioco per tutto il romanzo e in passato ne sono stati realizzati due. Una canzone randagia di Gabriela Preissová e poi un maestro di Stanislav Václav Klíma. E penso che Svatopluk ech abbia anche scritto brevi saggi. Ma vedo un problema. Il tema del libro deve essere scelto in modo che sia attraente per il lettore.

Perché l’azoto non interessa i lettori?

La gente era attratta da Carlo IV, Maria Teresa, suo marito František těpán e, sorprendentemente, Rodolfo II. non troppo. Il panettiere dell’imperatore e l’imperatore del panettiere potrebbero essere sufficienti per loro. E chi conosce l’azoto in questi giorni? Anche se, ovviamente, mi piacerebbe vederti. Ho davvero molte idee per scrivere. Come si suol dire, tutto richiede tempo.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.