Svezia: “Sì” dal governo all’adesione alla Nato

I socialdemocratici al potere in Svezia hanno approvato l’offerta del paese di aderire alla NATOaprendo così la strada al governo svedese per richiedere l’adesione all’Alleanza, contemporaneamente alla Finlandia.

Durante la sessione speciale di oggi, la sua leadership ha deciso che il partito “sosterrà la candidatura della Svezia alla Nato”, ha affermato in una nota, invertendo la linea politica che ha sempre seguito.

I socialdemocratici, tuttavia, hanno chiarito di essere contrari all’istituzione di una base NATO permanente, nonché alle armi nucleari sul territorio svedese, due elementi che non sono prerequisiti per l’adesione di un Paese all’Alleanza Atlantica.

Le consultazioni interne hanno anche messo in luce il dissenso all’interno del partito, con i critici che hanno affermato che la decisione è stata affrettata per la Svezia di tenere il passo con il programma della Finlandia.

Il primo ministro e leader del Partito socialdemocratico Magdalena Anderson terrà una conferenza stampa a Stoccolma.

Con il cambiamento nella linea politica dei socialdemocratici, si è formata un’ampia maggioranza a favore dell’adesione alla NATO nel parlamento svedese.

La destra svedese è già favorevole all’adesione all’Alleanza, mentre i Democratici di destra svedesi sono anche favorevoli a una mossa congiunta con la Finlandia.

Helsinki ha annunciato oggi la sua storica candidatura per la NATO, che sarà presentata domani al parlamento finlandese.

Nato: la Finlandia scende a compromessi con Ankara, ma la Svezia “provocatoria”, dice il ministro degli Esteri turco Tsavousoglu

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri turco Mevlüt avuşoλουlu è apparso oggi a un compromesso con la Finlandia, ma ha accusato la Svezia di fare osservazioni “provocatorie” durante i colloqui a Berlino sull’adesione dei due paesi alla NATO.

“Purtroppo le dichiarazioni del ministro degli Esteri svedese non sono state costruttive. “Continua a fare dichiarazioni provocatorie”, ha detto Tsavousoglu ai giornalisti turchi a Berlino a margine di una riunione informale dei ministri degli Esteri dell’Alleanza Atlantica.

Il ministro turco, invece, ha adottato un tono più conciliante nei confronti della Finlandia, che ha detto di mostrare “alto rispetto” per la “preoccupazione” di Ankara.

“Ma non vediamo lo stesso dalla Svezia”.

Il presidente turco Tayyip Erdogan venerdì ha espresso opposizione all’adesione dei due paesi, accusandoli di essere un “ostello terroristico per il PKK”, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan, considerato un’organizzazione terroristica dalla Turchia e dall’Unione Europea, e il Stati Uniti.

“Abbiamo sempre sostenuto la politica delle porte aperte della NATO. “… Ma il fatto che questi due paesi siano in contatto con membri di organizzazioni terroristiche, che la Svezia stia inviando loro armi e che stiano imponendo restrizioni all’esportazione di attrezzature per la difesa in Turchia, va contro lo spirito dell’alleanza”, ha sostenuto Tsavousoglou.

Durante l’incontro con i due ministri, quest’ultimo gli ha presentato una proposta volta a “rispondere alle preoccupazioni della Turchia”, ha aggiunto.

Tsavousoglou ha chiarito che si aspetta di vedere “garanzie” che i due paesi offriranno.

“Deve esserci una cessazione del sostegno alle organizzazioni terroristiche e la revoca delle restrizioni alle esportazioni verso la Turchia. “Non lo dico per contrattazione, ma perché significa diventare un alleato”, ha insistito.

Seguilo La voce di Atena su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.