Talebani e società civile afgana dialogano a Oslo

(ats) Guidata dal ministro degli Esteri Amir Khan Muttaqi, la delegazione, nel primo giorno della sua visita, incontrerà privatamente attiviste femministe e giornalisti in particolare, all’hotel Soria Moria, su una collina innevata vicino a ‘Oslo.

Un’attivista femminista, Jamila Afghani, ha parlato di “incontri positivi per alleggerire l’atmosfera”.

“I talebani hanno mostrato buona volontà”, ha detto in un messaggio all’AFP. “Vediamo se le loro azioni seguono le loro parole.”

I partecipanti hanno sottolineato “che tutti gli afgani devono lavorare insieme per il miglioramento politico, economico e della sicurezza del Paese”, ha anche twittato il portavoce del governo islamico, Zabihullah Mujahid, in quella che ha presentato come una “dichiarazione di coppia”.

L’emergenza umanitaria in Afghanistan ei diritti umani sono al centro di questa visita di tre giorni, poiché milioni di persone sono minacciate di fame in un Paese che non ha aiuti internazionali ed è colpito da diverse siccità.

Finora nessuno Stato ha riconosciuto il governo dei talebani, il gruppo fondamentalista islamista estromesso dal potere nel 2001 ma che ha ripreso il controllo del Paese lo scorso agosto dopo un attacco lampo.

Questa discussione “non costituisce legittimità o riconoscimento”, ha affermato venerdì il ministro degli Esteri norvegese Anniken Huitfeldt. “Ma dobbiamo parlare con le autorità che di fatto gestiscono questo paese”, ha detto.

Diverse dozzine di manifestanti hanno protestato davanti al suo ministero domenica per gridare “No ai talebani”, “terroristi talebani” e “la vita in Afghanistan conta”, ha detto un giornalista dell’Afp.

Lunedì, la delegazione incontrerà rappresentanti di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Germania, Italia e Unione Europea, prima dei contatti bilaterali con le autorità norvegesi martedì.

In un’intervista all’Afp di sabato, il portavoce del governo islamico, Zabihullah Mujahid, ha affermato di sperare che i colloqui aiutino a “trasformare un’atmosfera bellicosa (…) in un clima di pace”.

Tra i quindici membri della delegazione – solo uomini – arrivati ​​sabato sera su un aereo noleggiato dalla Norvegia, c’è Anas Haqqani, uno dei capi della rete Haqqani.

Responsabile di diversi attentati in Afghanistan, il clan è considerato dagli Stati Uniti un gruppo terroristico ed è diventato una componente importante del nuovo regime talebano.

L’alto funzionario, che non ha alcuna funzione ufficiale nel governo, è stato incarcerato per diversi anni in una prigione statunitense vicino a Kabul, prima di essere rilasciato nel 2019 durante uno scambio di prigionieri.

Da agosto, gli aiuti internazionali, che finanziano circa l’80% del budget dell’Afghanistan, sono stati sospesi e gli Stati Uniti hanno congelato 9,5 miliardi di dollari in attività della Banca centrale dell’Afghanistan.

La disoccupazione è salita alle stelle e gli stipendi dei dipendenti pubblici non vengono pagati da mesi.

La fame ora minaccia 23 milioni di afgani, ovvero il 55% della popolazione, secondo le Nazioni Unite, che quest’anno hanno chiesto 4,4 miliardi di dollari ai paesi donatori.

“È un errore imporre punizioni collettive agli afgani solo perché le autorità de facto non si sono comportate bene”, ha affermato venerdì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

La comunità internazionale, tuttavia, è in attesa di vedere come governano i fondamentalisti islamici, che hanno calpestato i diritti umani durante il loro primo mandato al potere tra il 1996 e il 2001.

Nonostante le promesse, la maggior parte delle donne è stata esclusa dai lavori nel settore pubblico e le scuole secondarie femminili sono rimaste in gran parte chiuse.

L’ex ministro delle miniere e del petrolio dell’Afghanistan ora rifugiato in Norvegia, Nargis Nehan, ha detto di aver rifiutato l’invito a parlare, preoccupato che “stanno normalizzando i talebani, che li stanno rafforzando senza cambiare nulla”.

“Se si guarda a cosa è successo nei colloqui negli ultimi tre anni, i talebani hanno sempre ottenuto ciò che volevano dalla comunità internazionale e dal popolo afgano, ma non hanno fatto un solo passo dalla loro parte”, ha detto all’Afp .

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.