Team France – EdF: Dembele-Mbappé, biglietto d’oro dei Blues?

Dopo le buone prestazioni con l’FC Barcelona, ​​Ousmane Dembele è stato finalmente convocato nella squadra francese da Didier Deschamps. Il ritorno della speranza per giocare il Mondiale 2022 in Qatar, se possibile con l’amico Kylian Mbappe.

Nella nuova nascente generazione francese, sono senza dubbio due dei migliori rappresentanti della scena internazionale. Kylian Mbappé e Ousmane Dembele sono apparsi molto giovani in Ligue 1 con Monaco e Rennes. Tuttavia, sei anni dopo il loro debutto simultaneo, la loro traiettoria è molto diversa. Kylian Mbappé ha segnato una serie di gol e partite al club e alla selezione, essendo il leader offensivo di PSG e Les Bleus. Ousmane Dembele non può dire lo stesso. Il nativo dell’Eure ha vissuto un periodo più complicato al Barça, con troppi infortuni e uno stato d’animo a volte debole. Ciò ha influito sulla sua carriera in maglia blu e ha costretto Didier Deschamps a fare a meno di lui durante l’ultimo rally.

Dembélé non vuole più giocare con il suo amico Mbappé

In quanto tale, Ousmane Dembélé ha solo 27 opzioni nella squadra francese mentre Kylian Mbappé, che ha meno di un anno e mezzo, ha già collezionato 57 presenze con la maglia azzurra. I due uomini hanno trascorso insieme appena 464 minuti sotto Didier Deschamps, su un totale di 14 partite. Troppo poco quando ricordiamo la loro associazione contro l’Inghilterra nel giugno 2017, quando la Francia è andata 3-2. Quella sera entrambi i giocatori sono stati molto interessanti e si sono già fatti conoscere in tutta Europa.

Basta fare rammarico a Ousmane Dembele che desidera solo una cosa: giocare di più con la persona che considera il suo migliore amico, Kylian Mbappé. Ha espresso un desiderio personale sull’antenna RMC. ” Voglio che giochiamo più a lungo insieme. In campo andiamo molto d’accordo. Conosco le sue qualità, lui conosce le mie qualità. A cosa giochiamo, 4-5 partite io e lui insieme? Ed è andata molto bene. Ricordo di aver combattuto contro l’Inghilterra o contro l’Italia prima del Mondiale (2018). Io, voglio fare di tutto per funzionare, avevo undici anni. Dopodiché, devi ancora continuare a lavorare perché la strada per la cima è ancora lunga. Ci sono molti buoni giocatori e poi continueremo a lavorare. Io continuerò a lavorare per crescere sempre più in alto ‘, ha raccontato nello show che Rothen ha acceso. Le due partite della Nations League di settembre sono state la migliore occasione per Ousmane Dembélé per dimostrare a Didier Deschamps che i suoi sogni possono diventare realtà in blu.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.