Torna il dress code del ristorante – Reuters

È difficile separare i codici di abbigliamento dalla loro storia come strumento di divisione e controllo, afferma il professore di giurisprudenza di Stanford Thompson Ford. Sebbene sia esistita nel corso della storia, la versione moderna è proliferata a metà del 20° secolo, quando gli standard di abbigliamento pubblico hanno iniziato ad essere allentati.

I codici di abbigliamento, dice, sono “uno strumento di filtraggio per far sentire indesiderati determinati gruppi di persone o per segnalare che non è il loro posto”.

Andre M. Perry, senior fellow presso la Brookings Institution di Washington, che ha scritto di codici razziali e di abbigliamento, è scettico sulle attuali linee guida dei ristoranti.

“Sto lottando per trovare un codice di abbigliamento non vincolante, ma non intendo nemmeno che i ristoranti non dovrebbero ispirare una comunità in particolare”, ha detto. “Penso solo che il modo in cui definiamo ‘comunità’ è spesso razzista, sessista o omofobo”.

Nel maggio 2021, Monica Johnson, che lavora per il Dipartimento per la salute comportamentale e le disabilità dello sviluppo della Georgia, si è lamentata pubblicamente del fatto che le era stato negato l’ingresso al Bilboquet, un bistrot francese ad Atlanta, per aver indossato abbigliamento sportivo, mentre gli altri ospiti erano vestiti in modo più casual. Pochi giorni dopo, l’ex giocatore degli Atlanta Hawks Dominique Wilkins ha twittato che il ristorante lo aveva rifiutato, sostenendo che non seguiva il codice di abbigliamento.

“Ho mangiato in alcuni dei più grandi ristoranti del mondo”, ha scritto, “ma non mi sono mai sentito prevenuto o rifiutato a causa del colore della mia pelle, fino ad oggi”. Le Bilboquet nega qualsiasi discriminazione per qualsiasi motivo; ha affermato di aver rivisto il suo codice di abbigliamento, che vieta ancora l’abbigliamento sportivo e forma i dipendenti sulla diversità, l’uguaglianza e l’inclusione.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.