Torna la colonna sonora dell’estate 80: Un documentario su Italo Disco

Ultima ora: Italo Disco è “tornato”!

E non è come l’aria in una produzione Daft Punk, o come materiale con un retrogusto speciale nella cultura dei DJ. Tornando al fenomeno esistente con il protagonista principale attraverso il suo nuovo documentario Alessandro Melazzini «Italia discoteca – Quella Frizzante Voce a partire dal 80S “.

Un mix di spensieratezza e futuristico, eccitazione elettronica e kitsch leggendario, attraverso brani che attraversano la storia del pop e dischi volanti sulle console dei DJ. Le discoteche europee devono molto a un’epoca in cui l’Italia era, per un certo periodo, il primo paese del Vecchio Continente ad esportare musica.

Mai;

Dire fine anni ’70 primi anni ’80 e come Italo-disco (cioè produzioni in stile dance made in Italy) si è evoluto dalla tendenza della scena underground a un idioma dance/pop con successivi successi. Sintetizzatore, drum machine, vocoder e La Bionda. logorante’Non sto piangendo stasera Canta selvaggia e un brivido di emozione raggiunge il pubblico.

“Mi interessa discutere innanzitutto del fatto che in questo tipo di musica ci sono molti aspettiHa detto il documentarista andato in onda qualche tempo fa Festival del documentario di Salonicco.

La Bionda + Melazzini | © Alpenway Media

“È ora genio e spazzatura, sperimentale e allo stesso tempo mainstream, noto a tutti ma compreso da pochissimi” lei dice Alessandro Melazzini.

“Dal lato della produzione, la sfida di assicurarsi i diritti delle canzoni è interessante perché è proprio questo lato del documentario musicale che spesso è il più problematico. Dal punto di vista del creatore, avendo recentemente affrontato i fenomeni sociali e politici Ilona Staller – famoso Cicciolina – e dopo essere passato per il monastero cistercense italiano l’ho pensato Italia “Le discoteche saranno luoghi nuovi, diversi e interessanti da esplorare.”

selvaggio | © Alpenway Media

E così. Italo Disco, il Colonna sonora estiva anni ’80, come accennato ad un certo punto del film. E un fenomeno, come, molto facilmente varcare il confine italiano e circolare nel mondo. In Grecia, le canzoni e la musica della regione sono garantite per sollevare le persone a ballare. Un successo di cui non si può fidare gli stessi creatori. «Alcuni puntilei dice Pierluigi Giombini (chi ha scritto hit come Amo Chopin per gazebo e dolce Vita per Ryan Paris) trovato a Londra”e tra Michael Jackson e Elton John L’ho sentito alla radio DolceVita- Non posso credere alle mie orecchie”.

Quanto è difficile trovare quegli artisti in questi giorni, ho chiesto a Melazzini.

“La cosa più difficile è scegliere con chi non parlare, perché ci sono migliaia di generi e cantanti. Italia-discoteca. Ma so che voglio che anche produttori, compositori e teorici parlino, senza dimenticare gli idoli come Sabrina Salerno e Johnson Righeira. Il lavoro investigativo, tuttavia, per trovare potenziali intervistati è una parte molto interessante del processo documentaristico. Volevo intervistare un solo produttore perché non riuscivo a trovarlo. Lui di Freddy NaggiarAppunti del bambino. “Le ultime informazioni che ho è che vive da solo in un castello in Scozia”.

Ma ha trovato molto. Li mise in studio, nelle loro case, in Italia e all’estero. La sensazione è che loro stessi non possano credere che le loro canzoni abbiano attraversato una tale distanza nel tempo. Come Italo Disco è diventato oggi il riferimento principale in molti generi di musica pop. Forse perché i suoi occhi erano fissi sul futuro. Futuristico «Sono futurista anche oggi, guardo sempre avanti” ha detto Stefano Righi ad un certo punto nell’obiettivo, del duo Righeira.

Melazzini rivolse il suo interesse alla società, quando “nasce” Italo Disco.

È venuto alla nostra attenzione solo allora“, commenterà il sociologo Ivo Stefano Germano, «le persone vogliono divertirsi, vestirsi bene ed uscire e divertirsi, flirtare. Italo Disco trasmette questo spirito».

Come potrebbe ‘tornare’ oggi?

Una risurrezione oggi, “Forse solo come forma di evasione, perché le notizie degli ultimi anni (pandemia) e mesi (guerra in Ucraina) fanno paura. Ma c’è anche da dire che dopo un periodo di tristezza, le persone vogliono vivere intensamente. E lasciamo perdere tutto finisce. “Anche un Putin”.

Suono e balli futuristici, produzione “intelligente”: questo genere sta finalmente recuperando terreno?

“Certo che no. Alcuni lavori molto stimolanti sono etichettati come facile ascolta, ci penso Vamos ala giocatoUn pezzo nuovo L’onda è inizialmente interessata da Kraftwerk dal fratello La Bionda successo globale e con testi che ricordano la nostra paura del pericolo nucleare, che purtroppo aleggia nelle nostre menti oggi dalla guerra in Ucraina. E ci sono anche pezzi incredibilmente intelligenti che pochi conoscono. Penso a lui Casco Quello cibernetico Amore, Sig. Bandiera Quello Prendere un Opportunità e da cellophan Quello Dammi Amore…Ci sono migliaia Italia Canzoni da discoteca da scoprire”.

Linda Jo Rizzo 2 © Alpenway Media

Spesso i cantanti che vediamo esibirsi non sono le persone che li hanno registrati. «La canzone è stata pubblicata per prima e se avesse funzionato, i produttori stavano cercando di scoprire chi avrebbero inserito in copertinadire Linda Jo Rizzoe automaticamente l’offesa di Milli Vanilli – che loro stessi non cantano nella loro canzone – suona più leggera.

In una nuova era della musica con lo streaming infinito sulla piattaforma, i successi di Tik Tok e le star di un giorno, ciò che viene dal più vecchio porta più di qualche dose di nostalgia.

Melazzini, che vive in Germania, ma è nato e cresciuto in Italia, è interessato, come dice lui, a presentare all’Italia le sue opere”imprevedibile e – si spera – più misterioso, in attesa di essere scoperto. Tuttavia, non escludo altre questioni e altri paesi. L’immaginazione non ha limiti – Quanto all’ispirazione, spesso arriva per caso ma si nutre di libri, film, canzoni che ascolto, persone che incontro, qualunque cosa la vita mi porti o mi sia nascosta e cerco di scoprirlo con il mio lavoro .

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.