TRE situazioni straordinarie in cui Mandic viene ricordato fuori dalla piscina

Il giocatore di pallanuoto serbo Dušan Mandić ha detto che il 2021 è stato fantastico per lui. Ha aggiunto che in quel periodo ha sottolineato ancora una volta che quando ti dai davvero e quando giochi per la squadra, tutto torna e i risultati migliori accadono.

Campione olimpico, campione di Champions League, giocatore più utile (MVP) della fase finale di Champions League e miglior giocatore di pallanuoto al mondo per il 2021 nella selezione del sito Total Waterpolo, ricordando tutti i momenti importanti dell’anno alle nostre spalle.

– Che anno, fantastico. Il riconoscimento che arriva alla fine è sempre bello, ma non è per questo che mi alleno e gioco a pallanuoto. Sono un giocatore di squadra, è uno sport di squadra. Se una vite scricchiola, se è fuori posto, l’intera squadra cadrà come una torre di carte. Tutto questo è squadra uno – ha detto Dušan Mandić.

Ai primi di giugno, con la Pro Rek, è diventato campione d’Europa a Belgrado vincendo contro il Ferencvaros (9:6), “pieno di cuore” dopo sei stagioni ha lasciato il club italiano e ha preso in prestito un cappello della Nuova Belgrado.

foto: VK Nuova Belgrado

– Ho lasciato l’Italia, non ho vinto la Champions League, quel trofeo mi è mancato. Voglio davvero non andare senza quel trofeo. Ha funzionato per me. Durante tutto l’anno, sapevo che stavo facendo del mio meglio e grazie a Dio tutto ha dato i suoi frutti – ricorda Mandic.

Tutto questo è stato l’apertura prima delle Olimpiadi di Tokyo, dove la Serbia è andata a difendere l’oro vinto nel 2016 a Rio de Janeiro.

– Nel 2020, quando ci siamo fermati a causa della pandemia di coronavirus, avevamo tutti paura per le Olimpiadi, l’avrebbero cancellata. Ci siamo preparati, non solo i quattro anni trascorsi da Rio, ma tutta la nostra vita. Quando abbiamo scoperto che erano stati posticipati per un anno dopo, mi è venuto in mente che avevo una pausa di sei mesi prima dell’inizio della stagione. Si scopre che questa stagione mi piace, ma l’anno olimpico è il più importante per questo sport. Le Olimpiadi sono la chiave di tutto ciò per cui ti alleni, ti sei preparato per tutta la vita, devi mostrare il meglio di te quel giorno. Non è stato facile, soprattutto, abbiamo aperto e chiuso il torneo olimpico – ha detto Mandic.

Sebbene la pressione in Giappone sia inferiore a quella del 2016 in Brasile, il giocatore di pallanuoto mancino insiste sul fatto che l’esperienza delle precedenti Olimpiadi è molto importante.

– Forse Rio è più pesante, perché abbiamo perso quell’oro. Siamo molto appesantiti, siamo sotto pressione come si vede nel nostro brutto gioco. Rio è un inferno, un trauma. È questa esperienza che ci rende una squadra esperta, calma, calma in questo torneo di Tokyo, che sa che non è una tragedia se una partita perde e il tuo avversario è migliore di lui. Sai che puoi risolvere tutto e prepararti. Sappiamo che non possiamo vincere tutte le partite, considerando il gruppo infernale. Anche dopo le sconfitte contro Spagna e Croazia sapevamo a cosa ci stavamo preparando. Abbiamo dimostrato forza contro l’Australia, abbiamo mandato il messaggio che questa è la Serbia di Rio che tutti temono – dice Mandic, 27 anni.

READ  La Serbia "scappa" dall'Italia per le semifinali! - Sport

La partita del torneo olimpico è una semifinale con la Spagna, che la Serbia ha vinto 10:9 dopo una grande lotta, dramma, sconvolgimento e decisioni arbitrali.

– Abbiamo finito per batterli, perché abbiamo perso le cinque partite precedenti. Avevamo gli gnocchi spagnoli in gola e alla fine ce l’abbiamo fatta nonostante tutte le ingiustizie. Personalmente, ho avuto l’impressione che fosse una grande ingiustizia quando hanno subito quel gol con un punteggio di 8:6. Questa è la partita più importante di tutti noi. La tensione è scoppiata lì. Con tutte le persone con cui ho parlato dopo la partita, le persone che l’hanno guardata in TV, ho vissuto la loro esperienza. Grande vittoria, esulta tutta la nazione. Tutti vivono con noi. Partita epica. Eccellente, niente.

Nessuno dei giocatori è riuscito a controllare le proprie emozioni dopo l’incontro con la Spagna, e Mandic ha anche condiviso com’è stato trovare la forza per la partita decisiva alle Olimpiadi contro la Grecia.

Dusan Mandic
foto: Profimedia

– È stato anche pericoloso, perché sapevamo di essere una squadra migliore della Grecia, il che ha sorpreso tutti. Hanno giocato in modo fenomenale, battendo l’Ungheria due volte. Ci siamo svuotati così, dopo la Spagna… Dejan Savić ha avuto quel famoso incontro prima della finale, con registrazioni di famiglie, donne, figlie, bambini, dove tutti ci hanno sostenuto. Abbiamo pianto prima della partita, abbiamo guardato il video, vogliamo tornarci il prima possibile… Ma sappiamo come vogliamo tornare da loro, vogliamo venire con l’oro, non con l’argento. È stata una partita dura, siamo andati al pareggio, è stata una lotta fino a metà dell’ultimo quarto. È stato un enorme rilascio emotivo, soprattutto dopo il video, ma è stato un vero successo per lui – ha sottolineato Mandic.

Nonostante abbia fatto un tuffo in acqua in un 2021 particolarmente difficile, spiccano tre situazioni in cui Mandić viene ricordato fuori dalla piscina. Lacrime e orgoglio per la vittoria della Champions League, la travolgente reazione emotiva dopo la vittoria contro la Spagna e il piazzamento nella finale olimpica e l’ormai famosa frase “Qualcuno vuole giocare a pallanuoto?” dopo aver vinto il secondo oro olimpico consecutivo.

READ  La Samp vuole Dejan Stankovic in panchina fino a venerdì

– Mi piacciono molto tutti e tre. È la conquista della mia vita. Combatto per quel trofeo con Pro Rek da sei anni. Siamo sempre un po’ indietro, vinceremo sempre tutte le partite fino all’ultimo torneo e falliremo l’ultimo test, e tutti ci spingono come favoriti. Ogni avversario ha giocato casualmente contro di noi, sia in Pro Reka che in nazionale, e dobbiamo mantenere il nostro livello e la nostra qualità, ripetere ed è quello che è difficile e faticoso. Un anno molto faticoso su tutti i fronti. Combatto per entrambi al massimo, faccio del mio meglio e non posso scegliere. Ora le persone mi ricordano più per quella frase che per il gol o la cosa che ho fatto in piscina – ha detto Mandic con un sorriso.

Dopo l’oro olimpico di Tokyo, la straordinaria generazione della pallanuoto serba ha salutato la nazionale, ei capitani Filip Filipović, Andrija Prlainovi, Milan Aleksić, Stefan Mitrović, Gojko e Duško Pijetlovi hanno detto “arrivederci”. Mandic sarà il leader della nuova nazionale, a cui è stata lasciata una grande eredità, ma anche un peso per continuare sulla strada del grande successo.

Nazionale di pallanuoto della Serbia
foto: Espresso / Miloš Dreković

– Farò del mio meglio per andare oltre. Sono in nazionale da 10 anni, non so nemmeno se è nuova o vecchia. Il nuovo ruolo per noi che rimaniamo membri della nazionale, maggiore sarà la responsabilità e l’onere che sopporteremo. Dobbiamo difendere molto, per riconquistare la Coppa dei Campioni, il Mondiale e le Olimpiadi. La vedo in questo modo, fino alle Olimpiadi di Parigi 2024, tutte le competizioni, tutti i campionati mondiali, questa nuova squadra nazionale dovrebbe essere usata per prepararsi per Parigi ed essere reale e migliore lì.

Sebbene abbia vinto tutto ciò che poteva all’età di 27 anni, ha detto che il nuovo capitolo in nazionale è stato un’ispirazione speciale.

– Questa è la sfida, c’è un grande cambiamento e riproviamo ora. Ci sono molte cose nuove, nuovi giocatori, dobbiamo vedere come sarà l’atmosfera, come ci uniremo. Situazione come nella Nuova Belgrado, nuova squadra e nuovi ruoli. In qualche modo ha coinciso, ne sono felice. Abbiamo un grande potenziale e qualità, dobbiamo solo raccogliere i dadi. Avremo i Mondiali a maggio, gli Europei a settembre, poi la World League e il 18 gennaio giocheremo la prima partita della nuova squadra contro l’Italia. Staremo a vedere – disse Mandic.

L’ex giocatore di pallanuoto del Partizan torna alla pallanuoto serba dopo sei anni, dove in questa stagione è stato membro della “squadra dei sogni” di Nuova Belgrado.

READ  Italia in piedi! Shevchenko TORNA sulla scena del suo più grande successo di gioco e ottiene il PRIMO IMPEGNO DI CLUB come allenatore

– Sono stato nella piccola città costiera italiana di Rijeka per sei anni, ora sono di nuovo a Belgrado, che so com’è, ma ancora una volta devo abituarmi alla grande città. Ci sono vantaggi, soprattutto ora che sei sposato, quindi è molto più facile. È fantastico che molti giocatori rimangano in nazionale, giochiamo nella Nuova Belgrado, quindi attraverso la storia del club costruiamo la squadra nazionale, giochiamo e acceleriamo il processo di maturazione della squadra – ha detto Mandic e ha aggiunto che un campionato nazionale forte è stato uno dei le ragioni per essere un attore nel club di pallanuoto serbo.

Dusan Mandic
foto: Starsport©

– Vacanza di pallanuoto e questo è uno dei motivi per cui sono tornato. La Nuova Belgrado ospiterà la fase finale della Champions League in questa e la prossima stagione, è un’ottima cosa per la pallanuoto. Voglio che questo continui, non di breve durata, come è successo nella storia. Un grande campionato, top, quest’anno abbiamo il maggior numero di rappresentanze in Champions League. Penso che significhi per tutti, per i giovani farsi avanti, maturare, sentire la partita giusta, sentire cosa significa giocare in Champions League e maturare per una caratura rappresentativa.

La squadra di Vladimir Vujasinovic è favorita in assoluto per vincere la Super League, aspirando anche a classificarsi in alto in Regional League e Champions League, e Dusan Mandic ha dichiarato che raggiungere l’obiettivo non sarà facile.

Nuovo Belgrado VK
foto: Starsport©

– Il programma di quest’anno … non ho mai avuto un programma del genere, così tante partite. Quando la nazionale e i club uniscono le forze, quest’anno ci sono circa 90 partite. Devi sopportarlo e rimanere in salute, evitando lesioni. Il ritmo è pesante. Abbiamo terminato il Mondiale in Giappone il 29 maggio e poi il 7 giugno abbiamo giocato la Champions League. Solo quando lo guardi, quindi chi l’ha fatto, chi l’ha messo insieme… Ma né per noi né per gli altri. Non stiamo scappando dal ruolo favorito nel campionato nazionale, siamo una squadra giovane, abbiamo grandi qualità, non abbiamo giocato bene. C’è tempo. Passo dopo passo.

Come ha detto, il 2021 gli ha confermato ancora una volta che un grande lavoro sarà sempre premiato.

– Mi conferma solo che quando ti dai davvero e quando giochi per la squadra, la squadra, tutto torna e accadono buoni risultati. Auguro a tutti buona salute, che nel nuovo anno tutti inizino da se stessi. Prima che inizino a criticare qualcuno, a guardarsi allo specchio e a fare ciò che non vogliono che qualcuno gli faccia, non dovrebbero farlo a un’altra persona – conclude Mandic.

(Espresso / Agenzia)

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.