Triste addio a Kimi Räikkönen: è partito al momento del ritiro dalla Formula 1, dove ha segnato un’epoca

La partenza di Kimi Räikkönen ad Abu Dhabi dove si ritirò dalla Formula 1

A 42 anni e due decenni dal suo debutto in Formula 1, Kimi Raikkonen ha concluso la sua carriera e questa domenica appende il casco al chiodo dopo aver lasciato il Gran Premio di Abu Dhabi, a fine stagione dove Max Verstappen è stato incoronato campione del mondo. I finlandesi, in barca Alfa RomeoNon ha ricevuto l’addio sperato in quanto un errore al 27° giro lo ha escluso e non ha potuto concludere la sua 352esima gara, numero che ha permesso a Iceman di diventare il pilota con più Gran Premi della storia.

Kimi ha annunciato il suo ritiro a settembre, pochi giorni prima che Valtteri Bottas fosse annunciato come il pilota della squadra italiana, che aveva già organizzato tutto con il suo connazionale di Räikkönen. A sua volta, Bottas ha perso il posto in Mercedes per mano dell’Inghilterra George Russell, un formidabile contendente per Lewis Hamilton nel 2022, a parte le modifiche normative e una nuova vettura prevista per la prossima stagione che, in teoria, aprirebbe il gioco ad altre squadre.

Iceman si gestisce sempre profondamente e non ascolta mai i nastri. Si è mostrato così com’è, senza ostacoli, senza pregiudizi, lontano dal glamour e dal glam che di solito arriva in F1. Ad esempio, il giorno del suo debutto in Australia nel 2001, è stato svegliato per andare in circuito e senza preoccuparsene ha chiesto di dormire ancora. O addirittura rivela nella sua biografia (“The Unknown Kimi Räikkönen”) che nel 2012 ha 16 giorni di fila in festa prima della gara in Spagna, cosa che non gli ha impedito di essere terzo.

La sua ultima Ferrari di Formula 1, quella del 2018, che gli ha regalato la Scuderia (@RaikkonenOficia)
La sua ultima Ferrari di Formula 1, quella del 2018, che gli ha regalato la Scuderia (@RaikkonenOficia)

Un altro aneddoto lo mostra con qualche drink in più al gala della International Automotive Federation (FIA), quando ha abbracciato tutti e non si è preoccupato di una macchina fotografica e di alcuni giornali sui social network. O quando è stato avvistato su uno yacht a Monaco dopo aver abbandonato la gara.

Inoltre non crea problemi con la stampa e fa avanti e indietro. Alla fine del 2018, quando gli è stato chiesto perché avesse accettato di correre per l’Alfa Romeo dopo aver perso il suo posto in Ferrari, ha chiesto: “Perché no?” Cioè, non è un dramma quello che deve lasciare la Scuderia e trasferirsi in una squadra poco competitiva.

Kimi Räikkönen y su Familia en Abu Dhabi (REUTERS / Kamran Jebreili)
Kimi Räikkönen y su Familia en Abu Dhabi (REUTERS / Kamran Jebreili)

Forse la sua ultima dichiarazione, in cui ha violato lo schema, è stata al penultimo appuntamento di quest’anno sul pericoloso circuito stradale di Jeddah, in Arabia Saudita, dove ha detto “nessun problema, l’anno prossimo non ci sarò più”.

Nei circoli di F1 è uno dei più rispettati e ammirati. È stato in Maxima per il suo terzo decennio. Ha sorpreso la stagione con l’umile Sauber e nel 2002 è stato ingaggiato dalla McLaren. È stato un vincitore con la squadra inglese e ha combattuto nei campionati del 2003 e del 2005, dove è arrivato secondo. Nel 2007 si trasferisce a Maranello e conquista il titolo con la Scuderia. È stato allora che ha battuto i corridori della sua ex squadra, l’Inghilterra Lewis Hamilton e spagnolo Fernando Alonso, che lo ha preceduto in campionato per definizione.

Ha poi perso due anni nel 2010 e nel 2011, quando non è riuscito a competere nel World Rally Championship e ha provato la sua mano alla NASCAR negli Stati Uniti. Nel 2012 è tornato in F1 con la Lotus, che non era una delle migliori squadre. Tuttavia, ciò non gli ha impedito di tornare, è venuto per vincere e persino finire sul podio della gara. Insieme al memorabile Niki Lauda, ​​sono stati gli unici campioni ad essere fuori per due anni, tornando e vincendo.. Sebbene l’Austria avesse il vantaggio di essere inattiva in quel periodo, è tornata e ha vinto il suo terzo titolo nel 1984.

Kimi, grazie alle sue buone prestazioni con la Lotus nel 2012 e 2013, nel 2014 è tornato alla Ferrari dove è stato fino al 2018. Nel 2019 è passato all’Alfa Romeo che è una squadra satellite della Scuderia. Il legame con la sua squadra attuale scadrà a fine anno. Per fare riferimento alla sua vasta carriera nella categoria, inizialmente ha corso contro l’Olanda Jos Verstappen e oggi ha suo figlio davanti a sé, Max Verstappen.

Kimi Raikkonen è stato l'ultimo campione con la Ferrari quando è stato immortalato nel 2007 (credit: AP)
Kimi Raikkonen è stato l’ultimo campione con la Ferrari quando è stato immortalato nel 2007 (credit: AP)

A Monza 2018, Kimi ha ottenuto la pole position (tempo più veloce in qualifica) e ha battuto il record sul circuito italiano Juan Pablo Montoya nel 2004, con un record di 1m19s119. La Scandinavia era 406/1000 più veloce della Colombia, ottenuta 14 anni prima con un motore a combustione V10 da oltre 900 cavalli, potenza simile agli odierni V6 ibridi (a combustione ed elettrici). Räikkönen, a quella svolta, su un rettilineo supera facilmente i 300 km/h e Ha ottenuto la media sul giro più veloce nella storia di Máxima con 263.587 km/h, un record che Lewis Hamilton ha battuto nel 2020 (sullo stesso circuito) con 264.363 km/h.

Specialmente, Uomo di ghiaccio, Con Fernando Alonso, figlio l’unico pilota dell’attuale elenco di F1 a correre con tre tipi di motori: V10 (dal 2001 al 2005), V8 (dal 2006 al 2013) e V6 ibrido (dal 2014 a oggi). Pertanto, sia i finlandesi che gli spagnoli conoscevano vari tipi di tecnologia e sviluppi, i cui vantaggi li rendevano leggende.

Insieme al suo titolo del 2007, i suoi numeri in Maximum dimostrano che è il corridore con il maggior numero di gare, per un totale di 352; ha ottenuto 21 vittorie, 103 podi, 18 pole position e un record di 46 giri.

Nel 2020, in un’intervista a infobae, ammette che “Se quest’anno non continuerò a divertirmi con le corse, mi ritirerò“. Entro il 2021 sentiva di aver completato un ciclo e pensava che fosse ora di concludere la sua campagna in F1, sebbene anche l’Alfa Romeo lo avesse invitato a partire.

Inoltre non dovrebbe avere grossi problemi visto che sembra molto felice con la sua famiglia e molto felice di accompagnare suo figlio Robin, che sta iniziando a fare le sue pistole nel kart. Forse, tra qualche anno, una leggenda uomo di ghiaccio continua con i tuoi eredi.

CONTINUA A LEGGERE

Verstappen ha vinto la battaglia finale contro Hamilton e ha conquistato il suo primo titolo di Formula 1 dopo aver terminato drammaticamente ad Abu Dhabi.
Mercedes presenta denuncia al commissario sportivo per la controversa definizione di Formula 1
Ha vinto il titolo tanto desiderato da Senna e ha posto fine al regno di Hamilton in Formula 1: X-ray Max Verstappen
Celebrazione romantica tra Max Verstappen e la sua ragazza Kelly Piquet: la loro controversa storia d’amore
Le prime parole di Max Verstappen dopo essere diventato il nuovo campione di Formula 1

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.