Tutto sul vaiolo delle scimmie: quali sono i sintomi, come viene trattato, da dove viene? – Pubblico

Il primo caso di vaiolo delle scimmie, una malattia causata da un virus che appartiene alla stessa famiglia del virus del vaiolo, è stato confermato oggi in Serbia.

La presenza del vaiolo delle scimmie è stata finora in gran parte limitata all’Africa e mentre i casi si sono verificati in altre parti del mondo, la maggior parte è stata collegata a viaggi nei paesi africani. Ora la situazione è in qualche modo diversa, il che preoccupa in una certa misura gli scienziati.

In Europa, il vaiolo delle scimmie è stato trovato in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

Oltre a questi paesi, anche Australia, Israele, Emirati Arabi Uniti, Argentina, Canada e Stati Uniti hanno registrato casi individuali.

È noto che alcune delle persone infette hanno già vissuto in paesi africani, mentre per altri non ci sono tali informazioni, il che, come scrive Voice of America, potrebbe significare che il virus si sta diffondendo in Europa e in America sotto il radar.

Il CDC americano afferma che tra i pazienti in Europa e in America ci sono uomini che affermano di avere rapporti sessuali con altri uomini e che “la maggior parte dei casi di vaiolo delle scimmie si verificano durante il contatto sessuale”, sottolineando che il vaiolo delle scimmie può essere acquisito da chiunque, indipendentemente dall’orientamento sessuale. .

Il vaiolo ha sintomi simili al vaiolo, ma è molto meno pericoloso. Mentre il vaiolo, che è stato eradicato negli anni ’70, è fatale per quasi una persona su tre infetta, nel caso del vaiolo delle scimmie, il tasso di mortalità è compreso tra il tre e il sei per cento.

Come e quando è stato scoperto il vaiolo delle scimmie?

Il primo caso registrato di vaiolo delle scimmie risale al 1970 con un bambino di nove anni del Congo. Da allora, la maggior parte dei casi è stata segnalata in questa parte del paese, in particolare nell’Africa centrale e occidentale.

Di recente si sono verificati diversi focolai di vaiolo delle scimmie. Pertanto, nel 2017, in Nigeria sono stati registrati 500 casi potenziali e 200 casi confermati e di tanto in tanto continuano ad emergere persone infette.

Il primo caso di vaiolo delle scimmie apparso al di fuori del continente africano è stato riscontrato nelle Americhe nel 2003 ed è legato alla trasmissione del virus dai cani della prateria tenuti come animali domestici all’uomo. A quel tempo, sono stati trovati un totale di 70 casi. Nel corso del 2018 sono state registrate più persone infette in Israele e nel Regno Unito, e poi nelle stanze che viaggiavano in Nigeria.

Negli anni successivi furono riscontrati sporadicamente casi di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Europa.

Quali sono i sintomi del vaiolo delle scimmie?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, di solito è una malattia autolimitante i cui sintomi durano da due a quattro settimane.

I segni della varicella includono febbre, forte mal di testa, linfonodi ingrossati, dolori muscolari e mancanza di energia. I linfonodi ingrossati sono una caratteristica distintiva del vaiolo delle scimmie da malattie come il morbillo, che all’inizio possono avere sintomi simili.

Un’eruzione cutanea compare fino a tre giorni dopo l’inizio della febbre e compare principalmente sul viso e sulle estremità e meno spesso sul tronco. Nel 95% delle persone infette, l’eruzione cutanea appare sul viso e nel 75% sui palmi delle mani e sulla pianta dei piedi. Può anche comparire in bocca e ogni terzo paziente sviluppa un’eruzione cutanea sui genitali.

La forma grave non è così comune e si verifica principalmente nei bambini. La gravità della malattia è influenzata da diversi fattori, tra cui la quantità di virus a cui la persona è stata esposta e le precedenti condizioni di salute.

Secondo l’OMS, attualmente le persone di età inferiore ai 40-50 anni possono essere più suscettibili al vaiolo delle scimmie perché non sono protette dal vaccino contro il vaiolo esistente fino a quando la malattia non viene eradicata.

Come vengono trasmessi?

Il vaiolo delle scimmie può essere trasmesso dagli animali all’uomo e dall’uomo all’uomo.

La trasmissione dagli animali all’uomo avviene dopo il contatto diretto con sangue, fluidi corporei o piaghe nella bocca di un animale infetto. In Africa, il vaiolo delle scimmie è stato confermato in diverse specie di scoiattoli, topi, scimmie…. Anche il consumo di carne poco cotta può essere un fattore di rischio.

D’altra parte, la trasmissione dell’infezione da uomo a uomo può verificarsi dopo il contatto con secrezioni respiratorie o lesioni sulla pelle di una persona infetta. L’infezione è possibile anche dopo il contatto con oggetti quasi contaminati. È anche noto che il vaiolo delle scimmie può essere trasmesso dalla madre al feto e non è ancora noto se sia trasmesso sessualmente.

Come viene trattato?

Il trattamento Monkeypox ha lo scopo di ridurre i sintomi e prevenire complicazioni come infezioni batteriche secondarie.

L’OMS ha dichiarato che quest’anno l’Agenzia europea per i medicinali ha registrato il farmaco antivirale tecovirato per il trattamento del vaiolo delle scimmie. Questo farmaco è stato originariamente sviluppato come terapia per il vaiolo.

Le persone che sono state vaccinate contro il vaiolo hanno molte meno probabilità di contrarre il vaiolo delle scimmie e, se lo fanno, la malattia sarà più lieve. Il vaccino contro il vaiolo è efficace all’85% nella prevenzione del vaiolo delle scimmie.

Seguici sul nostro Facebook e Instagram pagina, ma anche in Twitter Account. sottoscrivi Danaas edizione PDF.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.