Ucraina: “Bazar” per la pace e la risposta di Kiev

All’ombra del martellamento russo, delle turbolenze all’interno della NATO e del boom di precisione e della crisi energetica mondiale, negli ultimi giorni sono emerse le prime timide mosse diplomatiche dopo settimane di stagnazione.

Oltre ai contatti ad alto livello in corso, sono state rilasciate proposte e piani che hanno stabilito il primo schema di discussione, come il piano in quattro punti dell’Italia, che, tuttavia, potrebbe non essere all’altezza delle aspirazioni di Kiev. L’ho ricordato proposta presentata da Roma alle Nazioni Unite compreso il piano di neutralità dell’Ucraina, ma anche l’autonomia nei territori già occupati dalla Russia.

Solo diplomazia, ma la Russia non restituisce nulla

La questione è stata sollevata ieri sera da Volodymyr Zelensky, che ha sottolineato che la sola diplomazia avrebbe posto fine alla guerra, ma ha escluso un cessate il fuoco o concessioni territoriali alla Russia.

Il presidente ucraino ha detto in genere: Credo che la guerra possa finire con il dialogo, ma, purtroppo, rivogliamo tutto indietro, ma la Federazione Russa non è pronta a restituire nulla. La vittoria sarà difficile, sanguinosa, ma sarà sul campo di battaglia e si concluderà con la diplomazia. Vogliamo riavere il nostro territorio e vogliamo che la guerra finisca, ma quando e come dipende dai tempi della comunicazione con Putin.

Allo stesso tempo, Zelensky ha respinto la proposta di Emanuel Macron di far entrare il suo Paese nella “comunità politica europea”, citando un compromesso con la Russia.

“Non abbiamo bisogno di un’alternativa alla candidatura dell’Ucraina per l’UE, non abbiamo bisogno di un tale compromesso”, ha detto Zelensky in una conferenza stampa a Kiev con il primo ministro portoghese Antonio Costa. “Perché, credeteci, questo non è un compromesso con l’Ucraina in Europa, sarà un altro compromesso tra Europa e Russia. Ci credo fermamente. “Questa è l’influenza politica e diplomatica e la pressione esercitata da funzionari e lobbisti russi sulle decisioni Paesi europei per sostenere o non sostenere l’Ucraina”.

Macron ha presentato il suo piano il 9 maggio al Parlamento europeo a Strasburgo, mentre sono in corso le discussioni per avviare il processo di adesione. Il presidente francese ha spiegato che ci vorranno “decenni” prima che l’Ucraina si unisca e ha suggerito che nel frattempo si unisca a una “comunità politica europea” che potrebbe includere anche Regno Unito e Moldova. Questo piano, che sarà discusso in un vertice dell’UE a fine giugno, è stato criticato da diversi leader, tra cui il presidente lituano Gitanas Naouseda, che lo ha visto come un riflesso della riluttanza di Bruxelles a consentire all’Ucraina di aderire rapidamente all’Unione.

Non riconosciamo la terra

In risposta, indirettamente ma chiaramente, agli sviluppi degli ultimi giorni, il principale negoziatore dell’Ucraina, Mikhail Pontolyak, ha rifiutato qualsiasi concessione territoriale alla Russia.

Il consigliere presidenziale, riconoscendo che la posizione di Kiev è diventata più dura, ha detto che le concessioni si ritorcerebbero contro l’Ucraina perché la Russia avrebbe colpito più duramente dopo la cessazione delle ostilità.

“La guerra non si fermerà (se verranno fatte delle concessioni). “Sarà solo una pausa per un po’”, ha detto a Reuters in un’intervista all’ufficio presidenziale custodito, dove alcune finestre e corridoi erano protetti da sacchi di sabbia. “Dopo un mentre, con nuove potenze, la Russia raccoglierà armi, manodopera, vedrà i propri errori, si modernizzerà un po’, lancerà molti generali. E iniziare un nuovo attacco, più sanguinoso e su larga scala”, ha detto.

Pontolyak ha respinto gli appelli “molto strani” dell’Occidente per un cessate il fuoco immediato, con le truppe russe che sono rimaste nei territori occupati nell’Ucraina meridionale e orientale. “Le truppe (russe) dovrebbero ritirarsi dal Paese e quindi sarà possibile continuare il processo di pace”, ha affermato.

Entrambe le parti affermano che i colloqui di pace si sono arenati e si incolpano a vicenda.

Pontoliak ha sostenuto che un cessate il fuoco sarebbe nell’interesse del Cremlino. “Vogliono mostrare una sorta di successo militare. Non ci sarà sicuramente successo militare, visto l’aiuto (ricevuto dall’Ucraina) dai partner occidentali. Sarebbe bello se le élite in Europa e negli Stati Uniti arrivassero in fondo: la Russia può Non essere lasciata in mezzo, perché (la Russia) “Devono essere sconfitti, devono subire una sconfitta che sia dolorosa, il più dolorosa possibile”, ha concluso.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.