Ucraina: la battaglia del Donbass potrebbe essere decisiva – Reuters

Giorno dopo giorno, la Russia sta martellando la regione ucraina del Donbass con artiglieria e incessanti attacchi aerei, avanzando lentamente ma inesorabilmente per impadronirsi del cuore industriale del suo vicino.

Con il conflitto giunto al suo quarto mese, questa è una campagna ad alto rischio che potrebbe determinare il corso dell’intera guerra.

Se la Russia vincesse la battaglia del Donbass, significherebbe che l’Ucraina non solo perderebbe terreno, ma forse la maggior parte della sua forza militare più capace, aprendo la strada a Mosca per conquistare più territorio e dettare i suoi termini a Kiev. Il fallimento della Russia potrebbe gettare le basi per un contrattacco ucraino e forse portare a sconvolgimenti politici per il Cremlino.

Dopo un iniziale tentativo di invasione fallito per impadronirsi di Kiev e della seconda città più grande di Kharkiv senza un’adeguata pianificazione e coordinamento, la Russia ha rivolto la sua attenzione al Donbass, un’area mineraria e industriale dove i separatisti sostenuti da Mosca combattono le forze ucraine dal 2014.

Imparando dai passi falsi precedenti, la Russia è avanzata con maggiore cautela, facendo affidamento sui bombardamenti a lungo raggio per ammorbidire le difese dell’Ucraina.

Sembra funzionare: le truppe russe meglio equipaggiate hanno guadagnato un vantaggio nelle regioni di Lugansk e Donetsk che compongono il Donbass, controllando oltre il 95% delle prime e circa la metà delle seconde.

L’Ucraina sta perdendo tra le 100 e le 200 truppe al giorno, ha detto alla BBC il consigliere presidenziale Mykhailo Podolyak, poiché la Russia ha “gettato al fronte quasi tutto ciò che non è nucleare”. Il presidente Volodymyr Zelenskyy in precedenza aveva stimato il bilancio delle vittime a 100.

Il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha descritto la situazione della battaglia come “molto difficile”, riferendosi all’antico dio del sacrificio che ha detto: “Il russo Molech ha molti modi per divorare la vita umana per soddisfare il suo ego imperiale”.

Quando la guerra è andata male per la Russia, molti pensavano che il presidente Vladimir Putin potesse rivendicare la vittoria dopo alcuni guadagni nel Donbass e poi uscire da un conflitto che ha devastato la sua economia e prosciugato le sue risorse. Ma il Cremlino ha chiarito che si aspetta che l’Ucraina riconosca ogni vantaggio che la Russia ha ottenuto dall’inizio dell’invasione, cosa che Kiev ha escluso.

Le truppe russe controllano l’intera costa del Mar d’Azov, compreso il porto strategico di Mariupol, l’intera regione di Kherson – la principale porta di accesso alla Crimea – e gran parte della regione di Zaporizhzhia che potrebbe contribuire a una nuova e più profonda spinta in Ucraina, e qualche speranza che Putin si fermi.

Giovedì ha tracciato parallelismi tra il conflitto in Ucraina e la guerra del 18° secolo con la Svezia guidata da Pietro il Grande. Oggi, come ai tempi dello zar, “la nostra parte è rivendicare e consolidare” le terre storiche della Russia, ha detto Putin. Mosca ha a lungo considerato l’Ucraina come parte della sua sfera di influenza.

A differenza dei precedenti fallimenti sul campo di battaglia, la Russia sembra utilizzare tattiche più conservatrici. Molti si aspettavano che cercasse di circondare le forze ucraine con enormi tenaglie da nord e sud, ma invece ha usato una serie di mosse più piccole per forzare una ritirata e non espandere le sue linee di rifornimento.

Keir Giles, esperto di Russia presso il think tank Chatham House di Londra, ha affermato che la Russia “stava concentrando tutta la sua artiglieria su una parte della linea del fronte per farsi largo livellando tutto sul suo cammino”.

I funzionari occidentali lodano ancora la capacità delle truppe ucraine di difendere il loro paese, resistendo ferocemente e facendo affidamento anche sull’artiglieria e ritirandosi in alcune parti mentre lanciano frequenti contrattacchi.

“L’Ucraina ha implementato una politica di difesa flessibile, fornendo una base ragionevole invece di attenersi a ogni centimetro quadrato di territorio”, ha affermato Giles.

Un alto funzionario occidentale che ha parlato a condizione di anonimato perché non autorizzato a discutere pubblicamente di questioni delicate ha affermato che la Russia rurale “continua a essere molto problematica a tutti i livelli”, osservando che le forze di Mosca hanno bisogno di “settimane per raggiungere anche semplici obiettivi tattici come il sequestro di singoli villaggi”.

Il mese scorso la Russia ha perso quasi un intero battaglione nel tentativo fallito di attraversare il fiume Donets Siverskyi e costruire un ponte. Centinaia di persone sono morte e decine di veicoli blindati sono stati distrutti.

“C’è un senso di improvvisazione o confusione strategica”, ha affermato il funzionario, prevedendo che durante l’estate l’esercito russo potrebbe raggiungere “il punto in cui non può più generare efficacemente potenza di combattimento. offensivo”.

La Russia ha avuto un chiaro vantaggio di artiglieria nella battaglia del Donbass, grazie agli obici e ai lanciarazzi più pesanti e alle abbondanti munizioni. Gli ucraini dovevano essere parsimoniosi nell’uso dell’artiglieria, con la Russia che prendeva costantemente di mira le loro linee di rifornimento.

L’Ucraina ha iniziato a ricevere armi più pesanti dai suoi alleati occidentali, che hanno fornito dozzine di obici e ora stanno pianificando di iniziare a fornire più lanciarazzi.

Putin ha avvertito che se l’Occidente fornisse a Kiev razzi a lungo raggio che potrebbero colpire il territorio russo, Mosca potrebbe colpire obiettivi in ​​Ucraina che finora sono stati risparmiati. Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha anche affermato che la Russia potrebbe rispondere conquistando più terra come zona cuscinetto per queste armi.

Le precedenti conquiste territoriali di Mosca nel sud, inclusa la regione di Kherson e gran parte della vicina Zaporizhzhia, hanno spinto i funzionari russi e i loro delegati locali a considerare piani per integrare questi territori in Russia o per dichiararli indipendenti, poiché vengono chiamati “repubbliche popolari”. ” di Donetsk e Lugansk.

Funzionari ucraini e analisti occidentali hanno espresso preoccupazione per il fatto che Mosca possa cercare di spingere la sua offensiva nella regione densamente popolata e industrializzata del Dnipro più a nord, una mossa che potrebbe potenzialmente dividere in due l’Ucraina e rappresentare una nuova minaccia per Kiev.

“Gli obiettivi della Russia nel contesto di questa guerra si sviluppano a seconda della situazione sul terreno”, ha affermato Eleonora Tafuro Ambrosetti, analista dell’Istituto italiano di studi politici internazionali di Milano.

“I loro obiettivi sono abbastanza flessibili da adattarsi al contesto sul campo”, ha affermato, osservando che la Russia potrebbe tentare di danneggiare l’economia ucraina sequestrando l’intera costa per negare l’accesso alla navigazione.

Un alto generale russo ha parlato della sua intenzione di tagliare l’Ucraina dal Mar Nero impossessandosi dei territori di Mykolaiv e Odessa fino al confine con la Romania, una mossa che consentirebbe anche a Mosca di stabilire un corridoio terrestre verso la regione separatista della Moldova. Transnistria che ospita basi militari russe.

Tali ambizioni dipendevano tutte dal successo di Mosca in Oriente. Una sconfitta nel Donbass metterebbe Kiev in una posizione precaria, con nuove reclute non abili come i soldati esperti che attualmente combattono nell’est e una scorta insufficiente di armi occidentali per respingere una possibile spinta russa più profonda.

I funzionari ucraini hanno spazzato via queste paure, esprimendo fiducia nel fatto che i loro militari potrebbero resistere per arginare le avances russe e persino lanciare un contrattacco.

“Il piano dell’Ucraina è chiaro: Kiev sta esaurendo l’esercito russo, cercando di guadagnare tempo per più consegne di armi occidentali, compresi i sistemi di difesa aerea, nella speranza di lanciare un’efficace controffensiva”, ha affermato l’analista Mykola Sunhurovsky del Centro Razumkov, a Kiev think tank basato.

Philip Breedlove, un generale dell’aeronautica statunitense in pensione che ha servito come comandante in capo della NATO dal 2013 al 2016, ha messo in guardia contro qualsiasi cessate il fuoco che strutturerebbe il vantaggio della Russia sul campo di battaglia.

“È come crescere un bambino di 2 anni”, ha detto. “Se permetti che il cattivo comportamento continui, o peggio se ricompensi il cattivo comportamento, avrai più cattivo comportamento. »

Quando la Russia ha invaso la Georgia nel 2008, la risposta di Washington è stata inadeguata e quando Mosca ha conquistato la Crimea nel 2014, “la risposta dell’Occidente e degli Stati Uniti è stata inadeguata”, aggiunge Breed Love.

Ora che la Russia è tornata per di più, l’Occidente ha un’altra possibilità di rispondere. “Il modo in cui porremo fine a questa guerra, secondo me, deciderà se vedremo molto di più in futuro”, ha aggiunto.

___


Hanno contribuito le scrittrici dell’Associated Press Lolita C. Baldor a Washington, Yuras Karmanau a Leopoli, Ucraina, Jill Lawless e Sylvia Hui a Londra e Frances D’Emilio a Roma.

___


Relazionare


Avete domande sugli attacchi in Ucraina? E-mail [email protected]

  • Si prega di includere il nome, la posizione e le informazioni di contatto se si desidera parlare con un giornalista di CTV News.
  • I tuoi commenti possono essere utilizzati nelle storie di CTVNews.ca.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.