Ucraina: un morto nel bombardamento di una fabbrica militare a Kiev

In particolare, un impianto di produzione di carri armati militari è stato preso di mira sabato all’inizio da un bombardamento alla periferia di Kiev, la capitale ucraina, che ha ucciso una persona e ferendone diverse, secondo le autorità.

• Leggi anche: La Russia pubblica un video che mostra i sopravvissuti dell’incrociatore Mosca

• Leggi anche: Stop ai negoziati con Mosca se gli ultimi soldati ucraini a Mariupol vengono “eliminati”

• Leggi anche: IN DIRETTA | 52 giorni di guerra in Ucraina

Un gran numero di soldati e polizia era sul posto dopo l’attacco, impedendo l’accesso al complesso, da dove si alzava il fumo, ha detto un giornalista dell’AFP.

Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha detto su Telegram che una persona è morta e “diverse” sono state ricoverate in ospedale dopo l’attacco nel distretto di Darnytsky.

“Le nostre forze di difesa aerea stanno facendo del loro meglio per proteggerci, ma il nemico è astuto e spietato”, ha scritto.

Il signor Klitschko ha invitato ancora una volta i residenti che avevano lasciato la città a non tornare lì, ma a rimanere in un “luogo sicuro”.

Il ministero della Difesa russo ha confermato di aver preso di mira una fabbrica di equipaggiamento militare a Kiev, sostenendo di averla attaccata usando “armi aria-terra di alta precisione ea lungo raggio”.

Venerdì, un attacco russo ha colpito una fabbrica nella regione di Kiev, che produce il missile Nettuno che l’esercito ucraino dice sia stato utilizzato per attaccare l’incrociatore russo Moskva.

Il fuoco russo nella regione di Kiev è diminuito dalla fine di marzo, quando Mosca ha ritirato le sue truppe da tutta la capitale, annunciando di voler concentrare i suoi attacchi sull’Ucraina orientale.

La Russia, tuttavia, ha minacciato venerdì di intensificare i suoi attacchi a Kiev dopo aver accusato l’Ucraina di bombardare villaggi sul territorio russo, vicino al confine ucraino.

La regione della capitale è stata relativamente risparmiata dai bombardamenti dal ritiro delle truppe russe dall’area alla fine di marzo.

Ma l’affondamento del Moskva, un incrociatore missilistico lungo 186 metri, colpito da due missili ucraini secondo il Pentagono, fece arrabbiare Mosca.

“Il numero e la portata degli attacchi missilistici ai siti di Kiev aumenteranno in risposta a tutti gli attacchi di tipo terroristico e ai sabotaggi effettuati sul territorio russo dal regime nazionalista a Kiev”, ha avvertito venerdì il ministero della Sicurezza russo.

Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha indicato su Facebook di non avere inizialmente informazioni sulle potenziali vittime dell’attacco di sabato mattina. Ha invitato ancora una volta i residenti che hanno lasciato la città a non tornare lì, ma a rimanere in un “luogo sicuro”.

La Russia non ha ufficialmente riconosciuto che la sua ammiraglia Flotta del Mar Nero è stata affondata da un missile ucraino, come sostiene Kiev e crede il Pentagono.

“Sappiamo bene che non saremo perdonati” per la distruzione di Mosca e quindi un duro colpo alle “ambizioni imperiali” di Mosca, venerdì, portavoce del comando militare ucraino meridionale, Natalia Goumenyuk.

La perdita della Moskva è stata significativa perché “ha fornito copertura aerea ad altre navi durante le loro operazioni, inclusi i bombardamenti costieri e le manovre di sbarco”, secondo il portavoce dell’amministrazione militare regionale di Odessa Sergey Brachuk.

Mentre la guerra, che sta entrando nel suo 52° giorno, non sembra indebolirsi, venerdì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha deciso che “il mondo intero” dovrebbe essere “preoccupato” per il rischio che il suo omologo russo, Vladimir Putin, venga messo alle strette dalla sua battuta d’arresto. militari in Ucraina, per utilizzare armi nucleari tattiche.

Ha fatto eco alle dichiarazioni su questo effetto del capo dell’intelligence straniera americana William Burns che aveva predetto il giorno prima che tali minacce non dovrebbero essere “prese alla leggera”.

In un’intervista alla Cnn, ha affermato che “tutti i paesi dovrebbero essere interessati”.

Secondo Zelensky, durante la guerra sono morti da 2.500 a 3.000 soldati ucraini, mentre la Russia se ne pentirebbe da 19.000 a 20.000 vittime. Il presidente ucraino ha aggiunto che circa 10mila soldati ucraini sono rimasti feriti ed “è difficile dire quanti di loro sopravviveranno”.

Nel videomessaggio, Zelensky ha anche rinnovato il suo appello agli occidentali per aumentare la loro assistenza militare.

Durante una conversazione telefonica con il capo di stato maggiore delle forze armate statunitensi Mark Milley, anche il suo omologo ucraino Valery Zaluzhny ha sottolineato l’urgente necessità di armi e munizioni per rafforzare le capacità di difesa dell’Ucraina.

Ma secondo il Washington Post, questa settimana la Russia ha inviato una denuncia formale agli Stati Uniti avvertendo il governo degli Stati Uniti di “conseguenze impreviste” se i suoi aiuti militari all’Ucraina continuano ad aumentare.

In una nota diplomatica, Mosca ha messo in guardia Washington e la NATO dall’invio di armi “più sensibili” in Ucraina, ritenendo che tale equipaggiamento militare incendiasse “carburante” e potrebbe portare a “conseguenze impreviste”, ha riferito il Washington Post.

In questo contesto, Berlino ha annunciato venerdì di essere pronta a rilasciare più di un miliardo di euro in aiuti militari all’Ucraina.

Pertanto, il governo tedesco sta cercando di rispondere alle crescenti critiche delle autorità ucraine, ma anche di alcuni dei suoi partner nell’Unione europea, in merito alla mancanza di sostegno in termini di armi a Kiev, e persino alla sua compiacenza con Mosca. .

Secondo le autorità locali, nell’Ucraina nord-orientale, dieci persone sono morte, tra cui un bambino di sette mesi, e altre 35 sono rimaste ferite in un incendio russo su un autobus che stava evacuando i residenti della regione di Kharkiv (nord-est).

I residenti possono solo “pregare che le bombe non cadano su di loro”, ha detto Serguiï Belov, 40 anni, che è sfuggito per un pelo agli attentati di Kharkiv, che sono stati colpiti quasi ogni giorno.

Un funzionario del Centro russo per la difesa nazionale, Mikhail Mizintsev, ha affermato in una dichiarazione che le autorità di Kiev stanno preparando “una nuova orribile provocazione” per accusare le forze armate russe di crimini di guerra.

Secondo lui, le truppe ucraine si stanno preparando ad attaccare i civili radunati alla stazione di Lozova con i missili Tochka-U per sfuggire ai combattimenti nella regione di Kharkiv.

Mosca ha ripetutamente accusato Kiev di attacchi mortali contro civili ucraini come a Kramatorsk o Mariupol.

Nella più grande regione del Donbass, Donetsk, dove “si sono combattute battaglie in prima linea”, tre persone sono rimaste uccise e sette ferite, ha affermato venerdì la presidenza ucraina.

Un’altra regione del bacino minerario, ovvero Lugansk, è stata teatro di 24 bombardamenti che hanno ucciso due persone e ferito due, secondo la stessa fonte.

Nella serata da venerdì a sabato, il sindaco della città di Alessandria, a circa 300 km a sud est di Kiev, ha indicato su Facebook che un missile russo aveva colpito l’aeroporto della sua città. Ha detto che le squadre di soccorso erano al lavoro, ma senza riportare immediatamente alcuna vittima.

Più di cinque milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina dal 24 febbraio, secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

“La guerra è ovunque”, ha lamentato venerdì alla Rai, radiotelevisione pubblica italiana Papa Francesco, che ha chiesto senza successo una tregua pasquale in Ucraina.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.