Un argentino in Slovenia. Apre un’attività che lo tiene legato al Paese: “Hanno rilevato Teréré”

“Sono nato in una famiglia slovena che conserva la lingua e molte tradizioni. E sono cresciuto con l’illusione che un giorno avrei potuto vivere in un luogo per me straordinario, con i castelli, le città antiche, i fiumi trasparenti e le spettacolari viste sulle montagne di cui mi parlavano a casa e che vedevo nei libri. Mio padre è nato a Lubiana (capitale della Slovenia) e a 1948, Dopo aver trascorso del tempo con le loro famiglie in un campo profughi in Italia, sono partiti per l’ignota Argentina a bordo della Santa Cruz. Dopo qualche tempo a Buenos Aires decisero di stabilirsi a San Luis dove dopo qualche anno conobbe mia madre che è una figlia slovena”. È così che ha iniziato a raccontare la sua storia Milena Pove chi è nato per ultimo 41 anno in provincia di Puntana.

Milena viaggia per la prima volta in Slovenia con sua sorella Andrejka in 1997 come risultato della borsa di studio vengono assegnati per seguire un corso di lingua slovena in estate. Allora, disse, era sicuro che sarebbe tornato.

Dopo la prima esperienza indimenticabile impressa per sempre sulla sua retina, Milena capisce che il suo cuore è più in Slovenia che in Argentina. Per questo, in 2002 ha deciso di tornare nel paese dei suoi sogni per perfezionare la sua lingua. Anche se lo parla da quando era bambina, era attratta dal lavoro come traduttrice e sapeva che in Argentina era “quasi impossibile”. In seguito gli è stata assegnata una borsa di studio per un corso di sloveno presso la Facoltà di Filosofia e Lettere di Lubiana, che è stata poi prorogata per tutto l’anno accademico.

Sembra un supermercato argentino, ma questo è Tomá Mate Slovenija, una delle imprese di Milena.

“La decisione di restare per me stessa era quasi chiara. Ho nazionalità, parlo sloveno, il paese mi affascina, ho iniziato a lavorare insegnando spagnolo e dopo il processo di aggiornamento della lingua ho iniziato a muovere i primi passi come traduttrice”.

In 2010insieme al tuo compagno, damiro, Milena ha aperto un’agenzia di traduzioni (Poliglot-jezikovna točka) nel centro di Lubiana dove offrono anche corsi di lingua spagnola. Lavorano principalmente nelle lingue della vicina e dell’ex Jugoslavia. Milena è inoltre responsabile della gestione di varie procedure (amministrazione, cittadinanza) per i clienti in Argentina.

Milena vive con il coniuge e i figli (emma Voi Martino) a Lubiana, una bellissima città che non è altro che 300.000 popolazione. “Lui molto bella e bella da camminaresia a piedi che in bicicletta. La città è preparata e organizzata per i ciclisti. È attraversato dal fiume Ljubljanica e il suo ponte fa parte dell’attrazione centrale. Il mio quartiere si chiama Bežigrad. Vicinissimo al centro, vado a lavorare in bici oa piedi, a circa 10 isolati. Abbiamo vicino a noi tutto ciò di cui abbiamo bisogno nella vita di tutti i giorni: scuole, parchi, grandi parchi pieni di giochi, supermercati, farmacie e, ovviamente, macellerie”, esulta Milena.

Da diversi anni Milena acquista yerba (è dipendente dal mate) e altri prodotti argentini in Germania e, guarda caso, ha ordinato qualcosa per i suoi amici argentini che vivono in Slovenia. Tuttavia, dice, i suoi ordini stanno diventando sempre di più, come quando la sua amica Ana gli ha detto che alcuni amici lo volevano venti KG erba. Poco dopo, un altro ragazzo ha chiesto se poteva ordinare 10 KG. “È stato come un clic. Penso che sarebbe una buona idea avere ciò di cui hai bisogno a portata di mano, come poter comprare un pacchetto di yerba mate e dei cracker mentre passi. Coincide anche con un momento che tutto il mondo sta vivendo, le restrizioni sui viaggi, il trascorrere più tempo a casa, al di fuori della solita routine. Gli argentini che vivono qui non hanno la possibilità di portare loro la yerba quando ricevono una visita dal nostro paese. Nessun visitatore! Devi cercare online o trovare un modo per aggirarlo. Per quanto mi riguarda, se finisco yerba, è come una settimana senza un partner fino all’arrivo della spedizione. Così ho trasformato un’aula per insegnare lo spagnolo in un negozio di yerba mate e prodotti argentini”.. È così che è nato Tomá Mate Slovenija.

Attualmente, i prodotti che vendi nel tuo negozio provengono da erbe aromatiche Argentina, Paraguay e Brasile (con stecca, senza stecca, biologico, composto, aroma, per chimarrao e tereré), mate cocido, yerba mate istantanea, liofilizzata e tostata (preparata come il caffè, in una caffettiera italiana).

“L’idea è quella di avvicinare la yerba mate agli sloveni senza forzarla o presentarla come l’unica opzione per consumarla nel modo tradizionale, in una zucca, con una cannuccia e un thermos. I rituali matrimoniali sono strettamente legati alla cultura e ai costumi della nostra società. Penso che sia una buona idea offrire diversi modi per gustare la yerba e che ognuno possa scegliere quello che gli sembra più comodo. Gli sloveni vedono nell’erba mate i suoi benefici per la salute, di cui non so se ne siamo pienamente consapevoli. Per noi la cosa principale è il rito stesso, il social, la conversazione, l’anima gemella”.

Nel magazzino (i cui principali clienti sono Argentina e Uruguay, anche se sono passate anche Russia, Bulgaria, Serbia, America, Spagna, Italia e Arabia) ci sono paia di diversi materiali, lampadine, guampas per tereré, alfajores, coni, dulce de leche, mele cotogne e patate dolci, torte e chimichurri. Qual è una buona parola d’affari?.

“Sono stato sorpreso di vedere così tante persone che conoscevano il mio amico. Ad alcuni non piace condividere le lampadine (al di là di questo momento particolare del virus). Ma nel complesso, hanno trovato molto interessante la storia, la cultura, il mondo della coppia. Gli sloveni viaggiano molto e alcuni hanno adottato l’usanza, molti dei quali sono venuti con parenti in Argentina e vogliono provare. Abbiamo introdotto il tereré al bar quando ha iniziato a fare un po’ più caldo e sarà forte nell’offerta del bar per tutta l’estate. Abbiamo bevuto diversi tè freddi e cosa c’è di meglio che offrire anche la nostra versione di tereré. Lo serviamo in un grande bicchiere retrò, condito con foglie di limone, lime, arancia e menta. È stato accolto molto bene, sono fantastici. Soprattutto quando i camerieri spiegano ai clienti di cosa si tratta e i vantaggi della yerba mate”.

Milena e suo fratello, con il quale condivide il cibo locale argentino e asiatico.
Milena e suo fratello, con il quale condivide il cibo locale argentino e asiatico.

Milena dice che con il suo compagno pensano sempre alla possibilità, ad un certo punto, di aprire un bar. Ecco perché ha collaborato con Jure Matulicamico del fratello Juan Pablo, che sta pensando di dare una nuova direzione al suo lavoro in cucina da quando ha lavorato a Londra, sulle navi da crociera e nei ristoranti asiatici di Lubiana. “Così abbiamo deciso di unirci, dare forma al progetto. Ci occupiamo della birra, della cucina Jure e mio fratello della cucina e gestione argentina”.

Il bar, che si chiama Pivnica Lajbahha una “incredibile offerta” di birre artigianali slovene e straniere e la maggior parte dei suoi concetti di cucina cibo di strada, alimento che si può mangiare con le mani e si sposa bene con molti tipi di birra. Il menu è composto da piatti argentini e asiatici (giapponesi, tailandesi, indonesiani, indiani).

Milena e i suoi figli fanno una passeggiata a Lubiana, la capitale della Slovenia.
Milena e i suoi figli fanno una passeggiata a Lubiana, la capitale della Slovenia.

Le empanadas sono un successo, vendi sempre di più. Sono qualcosa di nuovo, sono ricchi, si mangiano con le mani. Per quanto riguarda l’importosul podio c’è il formaggio e uno verde e uno di pollo. Lo vendiamo in porzioni da sei. Anche il filetto è stato molto ben accolto. I panini caldi (con il pane a lievitazione naturale fatto dal fratello), possono essere consumati a pranzo oa cena. Servito con patate. Abbiamo anche Bistecche San Telmo, bistecca di chorizo ​​con chimichurri e verdure grigliate. E al pranzo a rotazione giornaliero abbiamo avuto il matambre. Inoltre, alcune settimane fa mio fratello ha presentato dulce de leche cheese cake a base di cioccolato che molte persone amano”, orgogliosa Milena.

Nonostante le manchi la sua famiglia a San Luis, nonostante prima della pandemia li visitassero ogni anno, Milena non ha mai pensato alla possibilità di tornare in Argentina. Ovviamente era affascinato dalla Slovenia, un paese dove la sanità pubblica e l’istruzione, le brevi distanze e tutto il resto sono molto accessibili. “La Slovenia ha un’offerta turistica e gastronomica di prim’ordine. Ci sono centri sciistici, fiumi per svolgere varie attività, laghi, castelli, agriturismi, cantine, grotte. Vale la pena conoscerlo. Non solo ho costruito la mia vita qui, ma i ragazzi crescono in un posto che penso sia l’ideale e che può dare loro molte opportunità in futuro. Amiamo viaggiare, ma la Slovenia è la nostra base e il mio posto nel mondo.“.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.