Un nuovo modo per ringiovanire la pelle delle donne può aiutare a superare la malattia dell’invecchiamento

La tecnologia si basa su una tecnica utilizzata più di un quarto di secolo fa per creare la pecora Dolly clonata. Il leader del team, il professor Wolf Reik del Babraham Institute di Cambridge, ha affermato notizie della BBCche la tecnologia può essere utilizzata per mantenere le persone in salute più a lungo. “Era solo una nostra preoccupazione in quel momento. “Molti disturbi comuni peggiorano con l’età e il pensiero di aiutare le persone in questo modo è molto eccitante”, ha detto. Tuttavia, allo stesso tempo anche daha sottolineato che erano solo all’inizio.

Secondo Reik, la prima conferma che il ringiovanimento cellulare è possibile è un importante passo avanti. Le origini di questa tecnica risalgono agli anni ’90, quando i ricercatori del Roslin Institute vicino a Edimburgo hanno sviluppato un metodo per convertire le cellule della ghiandola mammaria adulta prelevate dalle pecore in embrioni. Ciò ha portato alla creazione della Dolly Sheep clonata. L’obiettivo del team di Roslin non è creare cloni di pecore, o forse anche umani, ma utilizzare la tecnica per creare cellule staminali embrionali umane. Sperano quindi di “crescere” alcuni tessuti da esso, come muscoli, cartilagine e cellule nervose, e sostituire parti del corpo usurate.

Il professore semplifica Dolly-Tech nel 2006 Giamaica inja all’Università di Kyoto in Giappone. Il nuovo metodo chiamato IPS prevede l’aggiunta di sostanze chimiche alle cellule mature per circa 50 giorni. Ciò provoca cambiamenti genetici che trasformano le cellule mature in cellule staminali. Nella tecnica Dolly e IPS, le cellule staminali risultanti devono essere ricresciute nelle cellule e nei tessuti di cui il paziente ha bisogno. Ed è molto problematico. Nonostante dieci anni di sforzi, l’uso delle cellule staminali per curare le malattie è attualmente molto limitato.

Il team del professor Reik ha ora utilizzato la tecnica IPS su cellule della pelle di 35 anni. Tuttavia, ha ridotto il bagno chimico da cinquanta a dodici giorni. Dott. Dilgeet Gill è rimasto sbalordito nello scoprire che le cellule non si sono trasformate in cellule staminali embrionali, ma sono state rigenerate in cellule della pelle che sembravano e si comportavano come se avessero solo ventitré anni. “Ricordo il giorno in cui ho ottenuto i risultati. Non potevo credere che alcune cellule fossero trent’anni più giovani di quanto avrebbero dovuto essere”, ricorda con entusiasmo.

La tecnica non può essere tradotta direttamente nella pratica clinica perché il metodo IPS aumenta il rischio di cancro. Ma il professor Reik crede che ora che la possibilità di ringiovanimento cellulare è stata confermata, il suo team possa trovare un metodo alternativo più sicuro. “L’obiettivo a lungo termine è quello di raggiungere uno stato in cui le persone possano invecchiare in modo più sano, piuttosto che prolungare la durata della vita umana”, ha affermato.

Il primo utilizzo potrebbe essere quello di sviluppare farmaci per il ringiovanimento della pelle negli anziani per accelerare la guarigione delle ferite o le ustioni. Il prossimo passo è vedere se la tecnologia può funzionare su altri tessuti, come muscoli, fegato e cellule del sangue.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.