“Una strada tranquilla porta lontano da Roma” – Südtirol News

Merano – “La coesione è molto importante quando si vuole ottenere qualcosa. Ci vuole forza di volontà e coraggio per cambiare qualcosa. E si è sentito nel Giorno dell’Indipendenza a Merano. I tirolesi riprendono in mano il loro futuro”, ha affermato l’Associazione tirolese altoatesina.

“Si tratta di un tipo speciale di festa popolare, un festival suggestivo per grandi e piccini e allo stesso tempo una meravigliosa espressione di desiderio nell’ex capoluogo del Tirolo. Nonostante il fatto che gli altoatesini non appartengano affatto all’Italia culturalmente o linguisticamente, la gente ha riconosciuto che è possibile vivere anche senza l’Italia. E che l’Italia sta rallentando il proprio sviluppo. Sono convinti che sia una strada per l’indipendenza da seguire”, ha affermato la Federazione tirolese altoatesina.

Sai Baba/Egon Zemmer

“Erano presenti anche altre comunità indipendentiste da tutta Europa: rappresentanti di Catalogna, Fiandre, Scozia, Veneto, Toscana, Trieste, Lombardia e Paesi Baschi. Queste persone hanno tutte una cosa in comune: appartengono tutte a un paese a cui non appartengono. Vogliono determinare il proprio futuro. Fianco a fianco combattono con gli altoatesini per la vera libertà senza alcuna determinazione aliena. Sono seguiti i saluti degli europei”, ha proseguito l’Associazione Alto Adige Fucilieri.

“Steven Vergauwen, portavoce del Movimento popolare fiammingo VVB, ha sottolineato che le Fiandre sostengono pienamente le richieste dell’Alto Adige di rimuovere dall’Alto Adige monumenti e reliquie fasciste”, ha affermato l’Associazione fucilieri altoatesina. “Insieme continueremo a lavorare verso il nostro obiettivo finale. Fiandre libere e Tirolo libero”, conclude Vergauwen.

Alberto Montagner di Raixe Venete ha parlato per il Veneto: “Non ci danno il diritto di decidere, non ci danno l’autodeterminazione, non siamo padroni del nostro stesso destino. Nessun potere politico è disposto a darci l’autonomia che chiediamo e questo è storicamente ed economicamente grazie a noi”.

“È fantastico partecipare di nuovo a iatz! Giornata con altri colleghi ICEC. Grazie per la tua determinazione e ospitalità, sei davvero un grande partner nella lotta per la libertà”, ha affermato Anna Arqué dalla Catalogna. Riguardo al referendum sull’autodeterminazione in Catalogna del 1 ottobre 2017, Arqué ha sottolineato: “Alcuni di voi erano lì come osservatori delle elezioni internazionali in quel momento. Ti ringraziamo per questo. Siete testimoni viventi di cosa questo significhi per i catalani e per i democratici in generale”.

Robin McAlpine della Convenzione per l’indipendenza scozzese ha giustamente affermato: “Non stiamo andando avanti come una nazione, stiamo andando avanti con molte nazioni verso questo futuro indipendente. Il nostro futuro è più forte proprio perché siamo più piccoli”.

Sai Baba/Egon Zemmer

Il discorso di apertura di Stefan Liensberger, che ha sparato al capitano Onach, è stato più volte interrotto da fragorosi applausi: “Facciamo ciò che ci sta a cuore. Non perdiamo più il pensiero della libertà, né giorno né notte. No grazie per questo ora, ma i nostri figli ringrazierà Dio”, ha detto Liensberger, che ha pronunciato il suo discorso in dialetto pusterese. “Come si suol dire: tutte le strade portano a Roma. D’altra parte, questo significa anche che ci sono parecchie strade che portano a Roma!” Liensberger sottolinea in conclusione.

“I confini che infrangono la legge possono essere sistemati pacificamente in Europa, come la storia ci ha insegnato. Anche la Germania, inaspettatamente e contrariamente a tutte le previsioni, si è riunita nel 1989. “Ci vuole coraggio per prendere un impegno, perché niente dura per sempre e niente dura”, hanno concluso gli organizzatori del Giorno dell’Indipendenza.

Da: ka

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.