un’università vuole vietare il testo di Dostoevskij perché è in russo

Nori ha annunciato che avrebbe annullato un corso sugli scrittori russi per obblighi all’Università Bicocca e ha affermato che “la censura è ridicola”.

L’Università Bicocca, nella città di Milano, vuole vietare l’insegnamento dei testi dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij come presunta rappresaglia alla Russia per l’invasione dell’Ucrainache producono critiche da parte dei leader politici e sociali.

“Vietare lo studio di Dostoevskij come atto contro Putin significa impazzire”, ha detto su Instagram l’ex presidente del Consiglio e senatore filogovernativo Matteo Renzi, dopo la denuncia del professor Paolo Nori secondo cui la casa studio di Milano ha cancellato il suo corso sull’autore de “I fratelli Karamazov”, tra le altre gemme letterarie.

“Oggi bisogna imparare di più, non di meno: servono docenti nelle università, non burocrati incompetenti”, ha aggiunto Renzi.

Di conseguenza, il gesuita Antonio Spadaro, direttore della più antica rivista culturale italiana, La Civilt Cattolica, ha detto a Télam che “oggi, proprio oggi, è molto importante tornare a Dostoevskij”.

Il sacerdote chiede di tornare alla figura dello scrittore russo «e alla sua anima russa per riempire di umanità la ferocia della guerra che appanna i bei volti della gente».

La deputata filogovernativa Marianna Madia, intanto, ha sottolineato via Twitter che “il nemico non è la cultura russa”.

“Ora è il momento di saperne di più, non di censurare”, ha aggiunto l’ex ministro dell’Amministrazione statale.

Questo mercoledì, Nori ha annunciato che avrebbe annullato un corso sugli scrittori russi per obblighi all’Università Bicocca e ha dichiarato che “la censura è ridicola”.

“Non è solo essere un russo vivo, oggi è un reato, in Italia, essere un russo morto”, ha detto Nori.

Ore dopo, di fronte a un’ondata di critiche da parte della politica e della cultura, l’Università ha rilasciato un comunicato in cui confermava che avrebbe difeso la direzione di Nori.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.