Vaiolo: la Croazia denuncia il primo caso, l’Austria già venti

L’ospedale per le malattie infettive di Zagabria ha annunciato stasera che un uomo ha sintomi lievi, non ricoverato in ospedale ed è attualmente in isolamento domiciliare.

In Austria, la maggior parte dei casi di vaiolo delle scimmie si verifica a Vienna, Finora ce ne sono quattordici. Questi sono uomini di età compresa tra i 20 e i 50 anni. Entrambi sono considerati guariti. Tre pazienti sono ricoverati in ospedale per motivi di sicurezza, e non a causa della grave malattia del vaiolo delle scimmie.

Lo ha scritto l’APA, secondo il ministero della Salute La prima dose di vaccino contro il vaiolo potrebbe arrivare in Austria la prossima settimana. Saranno rivolti a individui selezionati che saranno coinvolti, ma l’ente locale per le vaccinazioni deve ancora decidere.

L’Ufficio nazionale della sanità pubblica ungherese ha annunciato oggi che su un totale di 12 casi, gli addetti alle pulizie hanno registrato sei casi negli ultimi giorni. La maggior parte dei pazienti vive a Budapest e sono uomini di età compresa tra 28 e 43 anni. Nessuno aveva bisogno di essere ricoverato in ospedale, erano tutti isolati in casa.

I primi casi di vaiolo delle scimmie sono emersi all’estero dalla normale insorgenza a metà maggio. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno finora confermato più di 3.300 casi di malattia in più di 40 paesi.

Lo afferma l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). oltre l’80% dei casi di vaiolo delle scimmie nell’attuale ondata epidemica si trova in Europa, ma l’infezione si è diffusa anche in Nord e Sud America e in Australia. L’OMS finora ha registrato un decesso. La malattia compare anche nella Repubblica Ceca.

Il vaiolo è stato segnalato per la prima volta nella Repubblica Democratica del Congo negli anni ’70 e, ad oggi, si verifica principalmente in alcune parti dell’Africa centrale e occidentale. I sintomi di questa malattia includono febbre, mal di testa e un’eruzione cutanea che di solito appare prima sul viso e poi si diffonde al resto del corpo.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.