Venezuela: il presidente Maduro in visita in Turchia

il presidente Venezuelano, Nicola Maduro farà una visita ufficiale di due giorni a Tacchino a partire da mercoledì, ha annunciato il governo turco.

QUELLO Maduro ha ripetutamente affermato che visiterà la Turchia, uno dei pochi paesi al mondo con legami con il Venezuela, tra le dure sanzioni statunitensi.

Secondo una dichiarazione pubblicata oggi sul sito web in lingua inglese del governo turco, la visita discuterà la “piena relazione” tra i due paesi e le misure che possono essere intraprese per rafforzare tali legami. La dichiarazione afferma che la visita è avvenuta su invito del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

“I due leader dovrebbero scambiarsi opinioni su questioni regionali e internazionali”, conclude il testo.

Dal 2018 Tacchino ha aumentato le sue esportazioni in Venezuela, compresi prodotti alimentari e per la cura della persona. Caracas, dal canto suo, sta vendendo oro alla Turchia, anche se l’importo non è stato annunciato.

I due Paesi hanno firmato sette accordi ad aprile, durante una visita in Venezuela del ministro degli Esteri turco Mevlut Tsavousoglu. Nessun chiarimento è stato fornito in merito all’accordo su petrolio, gas, turismo, sport e altri settori.

Tsavousoglu ha affermato di volere che il commercio tra i due paesi raggiunga $ 1,5 miliardi all’anno, rispetto ai circa $ 850 milioni di oggi.

Maduro è stato pesantemente criticato dall’opposizione quando lui e sua moglie, Celia Flores, hanno cenato nel costoso ristorante Salt Bae di Istanbul, tappa che ha fatto al suo ritorno da una visita in Cina nel 2018. Gli oppositori politici affermano che Maduro sta manifestando illegalmente. ha fatto fortuna al ristorante, di proprietà del famoso chef Nusret Gokce, in un momento in cui molti venezuelani lottano ogni giorno per trovare qualcosa da mangiare.

“Una settimana fa Stati Uniti d’America “Hanno fatto un piccolo ma importante passo permettendo (all’America) Chevron, (Italia) Eni e (Spagna) Repsol di avviare il processo di produzione di gas e petrolio in Venezuela per esportarlo nei loro mercati”, ha detto Maduro. a una stazione radio argentina, i cui estratti sono stati pubblicati sull’account Twitter del presidente venezuelano.

QUELLO casa Bianca ha annunciato il 17 maggio l’allentamento di alcune delle sanzioni imposte al Venezuela nel 2019, in particolare l’embargo petrolifero, con l’obiettivo di estromettere Maduro dal potere.

Questo rilassamento fa parte della promozione del dialogo tra i governi Venezuela e l’opposizione sostenuta dagli USA, che è stata sospesa in ottobre e non è ripresa.

Un alto funzionario statunitense, tuttavia, ha sottolineato che la politica statunitense nei confronti del Venezuela non è cambiata: “Le sanzioni saranno ‘allentate’ se verranno compiuti progressi verso la democrazia”.“elezioni” gratuitee “sarà rafforzato” se il processo va fuori strada.

L’alto funzionario nell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sottolineato che questo “allentamento delle sanzioni” riguarda principalmente le “limitate eccezioni” concesse all’America. compagnia petrolifera Chevron.

La Chevron potrà “negoziare i termini di possibili future operazioni in Venezuela”, ma senza stipulare un nuovo accordo con la società statale. PDVSAcome ha spiegato il funzionario.

I funzionari statunitensi non hanno nominato Eni e Repsol, ma il vicepresidente del Venezuela Delcy Rodróςguez Precisa di aver “verificato e confermato” che anche questo rientra nell’allentamento delle sanzioni.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.