XV di Francia – Stagione del Grande Slam per i Blues

Nonostante una recente prestazione frustrante, il XV di Francia ha fatto bene nel suo Grande Slam, vincendo dieci partite in questa stagione, continuando a superare tutti i limiti stabilendosi per la prima volta in cima alla classifica mondiale di rugby.

Il XV francese ha disputato una stagione perfetta: dieci vittorie in dieci partite. Quindi, è appropriato alzarsi e battere le mani con entrambe le mani, mentre sbavando per trovare i suoi Blues a novembre per cercare di battere questa serie di vittorie consecutive nell’intera storia del rugby francese che hanno appena giocato in questo paese. sole. Un record che risale agli anni ’30 quando la Francia non fu più invitata a prendere parte al Torneo con le nazioni dell’Inghilterra. Come tale, ha ottenuto il successo contro Germania, Italia e Romania. Senza voler offendere gli storici, i dieci successi ottenuti nel 2021-2022 hanno molto più sapore, con una notevole corsa contro la Nuova Zelanda a novembre prima di battere il Torneo 6 Nazioni in inverno. Il rugby francese sta attraversando un’ondata straordinaria dopo aver raggiunto livelli di allerta nel decennio precedente.

Le origini di questa superba stagione non derivano dal primo successo contro l’Argentina il 6 novembre. Certamente necessario tornare a un tour estivo in Australia dove i Blues, pur perdendo molti dirigenti, hanno collezionato una vittoria, la prima in terra australiana contro i Wallabies dal 1990. Interessante, emozionante (persa di due punti nell’ultimo secondo durante la prima prova e battuti di tre punti a conclusione del giro), i giovani azzurri hanno molto confuso le carte e offerto nuovo spessore personale allo staff del XV francese.

Hanno rotto tutti i soffitti di vetro

Trovando la sua rosa per il tour di novembre, Fabien Galthié ha dovuto risolvere diverse equazioni: integrare nel suo XV titolare i grandi vincitori del viaggio in Australia (Anthony Jelonch, Cameron Woki, Jonathan Danty e ovviamente Melvyn Jaminet), e chiudere il dibattito su posizione di apertura. Le prime due partite della stagione contro Argentina e Georgia hanno permesso di moltiplicare prove, associazioni, cercando di adattarsi alle nuove regole. Così, lo staff ha cercato di associare Jalibert e Ntamack mettendo quest’ultimo al centro, prima di prendere una decisione definitiva. Inoltre, Anthony Jelonch ha iniziato a otto prima di scivolare per fare spazio a Grégory Alldritt. Infine, Fabien Galthié ha aperto nuove prospettive per Cameron Woki piazzandolo in seconda fila. Di fronte agli All Blacks, per il terzo incontro in questa stagione, l’allenatore ha tenuto la sua squadra. detentori di conquiste di capitale, sigillando così il plinto per i mesi a venire. Solo una modifica “tattica” è stata apportata all’inizio del torneo con Dylan Cretin che ha sostituito François Cros contro l’Italia. Per tutto il torneo, Fabien Galthié ha fatto affidamento su questa continuità, apportando solo poche modifiche a seconda dell’infortunio. Solo diciassette giocatori hanno iniziato nelle cinque partite che hanno portato i Blues al Grande Slam.

Stagione molto grande slam
Icone dello sport – Icone dello sport

Questo epico surrogato invernale, fantasmi e nuove reclute hanno preso il sopravvento brillantemente in Giappone per offrire un anno senza un falso record per questo XV francese che non ha smesso di rompere il suo soffitto di vetro dall’arrivo di Fabien Galthié nella sua testa. Nel 2020 i Blues hanno vinto per la prima volta in Galles dal 2010, nel 2021 batteranno l’Irlanda per la prima volta all’Aviva Stadium dal 2011. Nel 2022 hanno vinto il Torneo delle 6 Nazioni vincendo un grande slam per il prima volta dal 2011. E questi due successi in Giappone hanno permesso alla Francia di salire per la prima volta nella sua storia al primo gradino della classifica mondiale di rugby dalla sua fondazione nel 2003. I Blues hanno recuperato il tempo perso a rotta di collo, andando avanti e via. una serie di primati e record, con l’obiettivo di ottenere il più grande primato del rugby francese: sollevare il trofeo Webb-Ellis nel 2023.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.