Aumento del 33%: la Germania è la principale destinazione dei richiedenti asilo in Europa

33% di aumento
La Germania è la principale destinazione per i richiedenti asilo in Europa

Le persone provenienti dall’Afghanistan e dalla Siria fuggono da persecuzioni, guerre civili o disordini politici. La tua destinazione: Europa. Il numero di richiedenti asilo aumenterà di nuovo nel 2021. La Germania rimane il paese di destinazione più desiderato nell’UE.

Altri rifugiati stanno tornando di nuovo nell’UE, specialmente in Germania. Il quotidiano del gruppo di media Funke ha riferito, citando nuovi dati dell’autorità statistica europea Eurostat, che un totale di 355.955 domande di asilo sono state registrate per la prima volta nell’UE nei primi nove mesi di quest’anno. Questo numero è aumentato del 15% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In Germania, il numero di domande di asilo è aumentato da gennaio a fine settembre del 33%, raggiungendo 100.240 casi, il doppio della media UE.

La Germania è di nuovo la principale destinazione per i richiedenti asilo: il 28,4% di tutte le domande di asilo iniziali nell’UE sono presentate in Germania. Nello stesso periodo dello scorso anno il 24,3 per cento. Altre destinazioni importanti per i richiedenti asilo sono la Francia con una quota del 20% delle domande (73.255), la Spagna con l’11% (39.755) e l’Italia con l’8% (28.645). Ciò significa che circa i due terzi di tutte le domande di asilo nei 27 paesi dell’UE riguardano i quattro paesi più popolosi. L’Ungheria è in ritardo: secondo i dati dell’UE, le autorità di un piccolo paese con un governo populista di destra hanno ricevuto solo 30 domande di asilo iniziali nei primi tre trimestri.

Secondo le statistiche, i migranti dall’Afghanistan e dalla Siria costituiscono il gruppo più numeroso di richiedenti asilo nell’UE – insieme costituiscono un terzo di tutti i richiedenti, seguiti dai migranti dal Pakistan e dall’Iraq.

L’anno scorso, il numero di richiedenti asilo in tutta Europa è diminuito in modo significativo, principalmente a causa della pandemia di coronavirus: i cali in Germania (meno 28 percento in meno di domande iniziali) e nell’UE (meno 31 percento) sono stati più o meno gli stessi nel 2020. I livelli di 2019, quando 612.000 migranti fanno domanda nell’UE, impossibili da raggiungere quest’anno.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.