Addictware – Notizie tecnologiche

Nel contesto dell’accelerazione della digitalizzazione, nessuna azienda o pubblica amministrazione può essere considerata innovativa se non incorpora nella sua visione del futuro strategie di automazione avanzate che consentano ai processi standardizzati di sfruttare i dati per offrire ai clienti una migliore esperienza, snellire il servizio ai cittadini e ridurre inefficienze.

I progetti che le aziende hanno sviluppato in tutto il mondo hanno liberato migliaia di ore uomo in operazioni ripetitive, costi notevolmente ridotti, tassi di errore praticamente ridotti o gestione degli aiuti gestiti in caso di pandemia.

Gli analisti prevedono nei prossimi anni la crescita spettacolare dell’iperautomazione o automazione intelligente, un passo nell’evoluzione della robotizzazione dei processi (RPA) che consentirà a macchine e software di svolgere funzioni in modo autonomo con un’intelligenza paragonabile a quella degli umani per riconoscere e interpretare le informazioni.

Secondo Gartner, entro il 2022, il 65% delle organizzazioni che hanno implementato l’RPA aggiungerà un livello di intelligenza artificiale, incluso l’apprendimento automatico, il Low Code e l’elaborazione del linguaggio naturale. Inoltre, si stima che entro il 2024 la combinazione di queste tecnologie insieme alla riprogettazione dei processi consentirà alle organizzazioni di ridurre i propri costi operativi del 30%; che posiziona questo tipo di soluzione come un elemento chiave per l’evoluzione organizzativa.

Grazie all’iperautomazione aiutiamo gli operatori mobili a gestire gli incidenti con un risparmio di decine di milioni di pesos, le pubbliche amministrazioni a migliorare i servizi ai cittadini in ambiti importanti come la gestione degli aiuti per le pandemie e le aziende energetiche a ottimizzare la tutela dei vostri beni e infrastruttura. Gli assicuratori e le banche beneficiano anche di riduzioni significative nel processo di registrazione e comunicazione con i propri clienti.

READ  Brown abbassa le aspettative della McLaren per il 2022

Nell’ambito della digitalizzazione accelerata, nessuna azienda o pubblica amministrazione può essere considerata innovativa se non incorpora nella sua visione del futuro strategie di automazione avanzate che consentano di standardizzare i processi per ottenere più dati al fine di offrire esperienze migliori a clienti, clienti, razionalizzare i servizi ai cittadini e ridurre le inefficienze. I robot non sono una minaccia se si è pronti al cambiamento, ma un aiuto per aumentare la competitività.

Le aziende, infatti, sono diventate partner di automazione d’eccellenza a più livelli per accompagnare le organizzazioni nella trasformazione digitale delle loro operazioni, mantenendo sempre il focus sull’evoluzione e il miglioramento del business e facendo affidamento su leve di diverse tecnologie per migliorare i processi in base alla maturità di ciascuna organizzazione.

Le nostre proposte spaziano dall’automazione dei compiti per facilitare l’accesso alle informazioni e la conversione in formati digitali ai “processi intelligenti” o iperautomazione, che utilizza le tecnologie più avanzate per riconoscere e interpretare le informazioni per aiutare gli “umani” a prendere decisioni e liberarli da svolgere processi complessi, spesso noiosi e ripetitivi.

È anche importante sottolineare che l’obiettivo dell’iperautomazione non è sostituire il lavoro delle persone, ma supportarle per migliorare le loro operazioni e prestazioni. Nessuna tecnologia può sostituire la capacità umana di interpretare le informazioni, applicare la logica e prendere decisioni. Lo scopo dell’iperautomazione non è altro che servire la conoscenza e l’esperienza delle persone per facilitare scenari di lavoro più creativi e produttivi.

Progetti con impatto

Minsait ha sviluppato progetti in Spagna, Italia, Regno Unito, Messico, Perù, Colombia, Brasile, Argentina e Filippine, che sono diventati casi di successo in vari settori e hanno contribuito a un impatto molto positivo in molte aree dell’organizzazione in cui lavora lavori. hanno collaborato.

READ  Vespa 125 GTS, il piacere esclusivo di girare la tua città

Così, ad esempio, la robotizzazione della gestione degli incidenti per le vulnerabilità degli asset in un grande operatore di telecomunicazioni ha liberato 6.000 ore di lavoro all’anno e guadagnato un tasso di errore dello 0%. Allo stesso modo Minsait ha progettato una soluzione per il download massivo del modello di dichiarazione dei redditi che è riuscita a ridurre il tempo di operatività da 10 minuti a secondi e ad abbattere il tasso di errore fino al 98%.

Minsait include nella sua offerta anche soluzioni basate sulla piattaforma di automazione Low Code, una tecnologia che consente alle organizzazioni di creare applicazioni nel cloud con velocità e agilità, senza richiedere conoscenze avanzate di sviluppo software, e che facilita la riduzione fino al 50% dei tempi di sviluppo software e costi di manutenzione. .

Tra le referenze più importanti di Minsait in questo settore, evidenzia la centralizzazione di breve durata dei servizi a più di 9.000 clienti presso un’azienda leader nel settore dell’energia per rispondere alle loro richieste in modo più agile. Inoltre, la società ha fornito alle banche critiche la capacità necessaria per consentire agli utenti dell’area operativa di sviluppare i propri processi, che hanno portato all’automazione di oltre 700.000 attività in modo indipendente.

Per soddisfare le esigenze di iperautomazione dei suoi clienti, Minsait dispone di un Centro di Eccellenza con oltre 250 professionisti in RPA e Intelligenza Artificiale ed è supportato da una rete di distribuzione globale che supporta progetti sviluppati in Europa, America Latina e Asia. Da questo centro, l’azienda offre ai propri clienti servizi completi, che includono l’identificazione delle opportunità di automazione, la progettazione e l’implementazione di soluzioni, il funzionamento e la manutenzione 24×7 dei processi automatizzati e la fornitura di licenze RPA.

READ  Hanno scoperto le origini della mummia di S. John dal DNA umano nelle zecche

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.