Esiste una prevenzione contro la violenza domestica?

Recentemente nel nostro Paese si è registrato un rapido aumento di incidenza violenza intra-scolastica. Da settembre ad oggi, “Kids Smile” gestisce in media due casi di bullismo al giorno. Di particolare preoccupazione per educatori, assistenti sociali e psicologi è la gravità degli incidenti, che a volte coinvolgono qualcuno che molesta un compagno di classe per un lungo periodo di tempo, e talvolta coinvolgono bande organizzate che operano all’interno e all’esterno della scuola.

Un fatto altrettanto preoccupante, a mio avviso, è la reazione degli osservatori agli episodi di violenza. La maggior parte è rimasta non coinvolta mentre alcuni hanno visto lo spettacolo come uno spettacolo stravagante o divertente che potevano videoregistrare sui loro telefoni. In questo modo normalizzano l’evento, rendendolo parte della prevista routine quotidiana della vita scolastica.

Anche se questa non era la loro intenzione originaria, il loro atteggiamento imbarazza ancora una volta la vittima, dando all’autore l’impressione che le sue azioni siano accettabili o ammirevoli, la reazione del terzo è cruciale per lo sviluppo dell’azione. La responsabilità morale non è solo degli autori, ma anche degli astanti che per vari motivi scelgono di rimanere non partecipanti.

Ma cosa si può fare per frenare l’ondata di bullismo che si sta diffondendo nelle scuole del Paese?

Il primo passo è comprendere la psicosintesi dei perpetratori e le specifiche condizioni sociali o familiari alla base delle loro azioni. Non basta attribuire tutto allo stress che la pandemia ha inflitto ai bambini o alla sospensione di alcune attività causata dalle precedenti quarantene.

Di solito i bulli, soprattutto quelli che coinvolgono ragazzi delle scuole superiori o superiori, o vivono in un ambiente che accoglie comportamenti violenti, oppure hanno subito violenza sulla propria pelle in modo da riprodurre ciò che hanno subito per alleviare la loro paura e disperazione, “punendo” in turno della gente altro.

Molto spesso ci occupiamo anche di bambini affetti da disturbi mentali non diagnosticati. Secondo i dati raccolti nell’ultimo decennio dal Movimento per la salute e il benessere mentale della Commissione europea, il 50% dei cittadini dell’UE con malattie mentali mostra i primi sintomi della malattia durante l’adolescenza.

Depressione, disturbi alimentari, segni di bullismo a scuola, qualsiasi tipo di dipendenza, anche i primi sintomi della schizofrenia possono essere diagnosticati e poi trattati con la giusta combinazione di psicoterapia e farmacologia.

Se non vogliamo aumentare il numero delle vittime di bullismo e violenza nelle scuole, includiamo gli psicologi in ogni unità educativa – non solo nelle scuole private, come è stato finora, ma anche nelle scuole pubbliche – e la loro diagnosi . e la prevenzione dell’adolescenza è molto importante sia per il malato che per l’ambiente.

Ritengo necessario che i professionisti della salute mentale partecipino a tutti i livelli dell’istruzione scolastica a attività informative (condividendo materiali informativi e offrendo seminari a insegnanti, genitori e studenti), di consulenza (offrendo supporto terapeutico a studenti e insegnanti) e diagnostiche (facendo almeno eseguire test speciali che ci consentiranno di avere un quadro più chiaro del problema e che contribuiranno a un trattamento tempestivo).

Non dobbiamo cercare esperti solo come ospiti sui notiziari in un momento di esplosioni di violenza giovanile e altri eventi ripugnanti che disturbano l’opinione pubblica, ma per prevenire il bullismo e comprendere la psicosintesi di coloro che sono coinvolti nella violenza violenta fin dalla tenera età. .

In questo modo aiuteremo a prevenire incidenti simili in futuro, creando un ambiente sicuro e creativo per tutti i bambini.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.