Italia: crescita economica del 2,6% nel terzo trimestre

L’economia italiana è cresciuta del 2,6% nel terzo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti, principalmente a causa della forte spesa per consumi, secondo il servizio statistico Istat, confermando le stime preliminari.

Su base annua, il PIL del terzo trimestre è stato leggermente rivisto al 3,9% dal 3,8% da una stima preliminare del 29 ottobre.

I dati sul PIL mostrano un’ampia crescita, con la spesa per consumi che contribuisce per l’1,7% alla crescita trimestrale complessiva e le esportazioni nette per lo 0,5%.

Per il futuro, il governo di Mario Draghi prevede ufficialmente una ripresa del PIL del 6% nel 2021 e del 4,7% nel 2022.

Il PIL del prossimo anno si riprenderebbe logicamente dalla contrazione record dell’8,9% nel 2020, quando l’economia è stata colpita dal blocco del coronavirus.

Gli ultimi dati sono stati più forti del previsto e Draghi e altri ministri hanno affermato che la crescita quest’anno supererà l’obiettivo ufficiale del 6%.

Tuttavia, le prospettive sono state oscurate dall’aumento dei casi di coronavirus e dall’emergere la scorsa settimana della variante Omicron, che secondo gli scienziati il ​​vaccino potrebbe essere meno efficace.

La Banca d’Italia ha dichiarato la scorsa settimana di aspettarsi un proseguimento della crescita nel secondo trimestre di quest’anno, ma a un ritmo più lento rispetto ai due trimestri precedenti.

Nel terzo trimestre, la spesa per consumi è aumentata del 3% rispetto ai tre mesi precedenti, la spesa pubblica è aumentata dello 0,1% e gli investimenti dell’1,6%.

Le importazioni sono aumentate del 2,1% mentre le esportazioni sono aumentate del 3,4%.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.