L’etica come intelligenza applicata

La lezione importante e visiva che abbiamo imparato dalla pandemia è che la tecnologia è sorprendente. Migliora la nostra qualità di vita, ci fornisce nuovi materiali di comunicazione, farmaci e vaccini. Migliora la qualità della vita e la produttività. La vita diventa più confortevole. Allo stesso tempo, le innovazioni tecnologiche più popolari sono – per la maggior parte – modellate dagli economisti piuttosto che dai politici. Anche tra le innovazioni sociali, la tecnica di sfruttamento dell’avidità si è rivelata, per molti versi, più una questione di imposizione e di dovere che di amore per il prossimo. Ha salvato molte vite: le persone nei paesi post-sovietici hanno iniziato a usare i seggiolini per auto per evitare multe.

In ogni caso, l’hanno sequestrato, nonostante le probabilità che difficilmente possiamo immaginare”. A livello nazionale, i gruppi più intelligenti hanno ancora meno membri, ma sono più democratici, rispetto ai gruppi militari. Se una parte si affretta a diventare più importante, non c’è altra alternativa che sviluppare tecnologie e brevetti, con un’enfasi su determinate specializzazioni, o – presto – dichiararsi una superpotenza. Qualcosa come la tecnologia al napalm.

I criteri più semplici e, per molti versi, ovviamente superficiali, sono i brevetti. Circa 2/3 delle domande provengono dall’ufficio brevetti asiatico. Due milioni dei 3,2 milioni di domande di brevetto provenivano dalla Cina e dagli Stati Uniti. Di questi, l’85% è concentrato nei cinque maggiori uffici brevetti. I primi dieci paesi rappresentano oltre il 90%. Anche i leader locali sono attivi, come in Iran, Brasile, Turchia o Thailandia, e più attivi dei loro vicini. Il processo è logico e abbastanza lineare. La Germania è leader nei brevetti sui trasporti e l’Asia è leader nell’elettronica. La Corea del Sud è la migliore: il leader mondiale per numero di domande di brevetto per unità di PIL.

Tuttavia, dal punto di vista della politica globale e delle relazioni internazionali, la conclusione non è affatto lineare: l’azienda francese L’Oreal è la prima al mondo per numero di domande di marchio. Tuttavia, ciò non significa che le grandi potenze debbano ora occuparsi dello sviluppo e della commercializzazione del mascara “dominante”.

Ciò che è molto interessante è che nessuna tecnologia delle scienze naturali come questa, nell’ultimo mezzo secolo, è riuscita a cambiare radicalmente gli equilibri di potere in relazione agli stati. Né cambia radicalmente l’influenza di alcun paese – direttamente – nell’arena internazionale.

Le aziende IT entrano nei mercati di tutto il mondo e iniziano a vendere i loro beni e servizi. Internet non ha ancora prodotto un effetto “wow” sulla politica mondiale (sulla tecnologia politica, ovviamente). Per il mondo della pubblicità, dell’intrattenimento e della formazione, ovviamente. Sulla comodità nella vita – molto chiaro. Aveva persino aumentato l’arroganza. Ma non molto è cambiato nella politica mondiale.

Ma la tecnologia può farlo: è cambiata – fondamentalmente – e continua a cambiare le armi nucleari – una tecnologia politicamente impattante. Esistono altre tecnologie letali? C’è assolutamente paragonabile. Ma furono le armi nucleari a costituire la base di questo nuovo sistema etico di coordinamento del potere. Ovviamente è molto divertente, forse le armi informatiche creeranno una struttura così nuova. Ma per ora, i loro confini morali non sono chiari.

Intelligenza, tecnologia ed etica

Naturalmente, c’è una correlazione tra tecnologia e politica: tecnologia e stato. Tuttavia, le tecnologie che non cambiano gli standard etici non sono realmente un problema, una sfida o un’opportunità per lo stato come fattore o, rispettivamente, per la politica mondiale.

Tecnologia eticamente neutra possono diventare oggetto di concorrenza e ingenti entrate, ma lo Stato come fattore si attiva proprio nella fase dell’etica mobile. Il risultato più ovvio sono le armi di distruzione di massa.

Ma si può definire questa neutralità? Molte tecnologie evocano emozioni molto forti, ma per valutarne gli effetti è molto importante che lo stato distingua ciò che è immorale o insolito. Uno non è affatto uguale all’altro.

Oggi questi sono robot da combattimento e droni. Perché il suo utilizzo solleva interrogativi sulla risposta: è etico uccidere un nemico per distruggere un arsenale di droni? Gli esperti di etica hanno avanzato un argomento sui cambiamenti genetici dei futuri bambini: bambini su misura. Ma a che serve se i bambini non si ammalano mai di una terribile malattia? Ci sono molte paure associate alle macchine antropomorfe. Ma una domestica pacata – Alexa negli Stati Uniti o Alyssa in Russia – non causa tali attacchi di panico. È solo un nuovo prodotto. Le macchine possono scherzare o mentire? Forse spaventoso, o forse no. Campagne pubblicitarie create da persone che ci mentono costantemente? Se le macchine fanno lo stesso, questo dovrebbe innescare paura e panico?

In conclusione, parliamo della tecnologia delle piattaforme digitali, dove si incontrano le questioni etiche del libero arbitrio e della determinazione algoritmica. Vediamo la vera battaglia o coesistenza/coesistenza delle tre intelligenze: l’intelligenza fisica dell’utente, l’intelligenza addestrata del produttore e l’intelligenza artificiale.

Gli algoritmi che guidano la selezione e il comportamento non sono nuovi. Oltre allo stato, anche la religione ha svolto un ottimo lavoro con questo in una certa misura. Il monastero dà libero arbitrio e supporta una bolla di informazioni più potente di Google. C’è molta meno differenza nella progettazione tra la volontà di una persona di condividere informazioni su se stessa oggi e di fare una confessione cinquecento anni prima che si possa pensare. La confessione digitale ha uno scopo diverso: conforto, non redenzione interiore.

Le aziende iper sono interessate ai loro profitti e al prezzo delle azioni. L’etica è una questione di interesse solo nella misura in cui è necessario mantenere e aumentare i profitti e aumentare i prezzi delle azioni. Per quanto riguarda la logica del potere, i rapporti politici tra gli Stati e al loro interno non sono cambiati molto rispetto a quelli istituzionali.

Pertanto, l’intelligenza, non artificiale, ma naturale e dopo l’allenamento, sarà molto necessaria ai paesi in termini di equilibrio tra tecnologia ed etica e nella definizione di regole.

Chi prima spinge i confini morali con l’aiuto della passione e della tecnologia, e poi li respinge, come nel caso delle armi nucleari, avrà l’opportunità di avere successo in una tecnologia fondamentalmente nuova che cambierà il modo di vivere e gli schieramenti politici. . In altre parole, la domanda non è chi inventerà la tecnologia: è il paese, l’azienda o l’ambiziosa rete di scienziati e cittadini. Era importante chi sarebbe diventato il monastero che avrebbe determinato le sette e i dogmi tecnologici. Questo è il punto strategico più importante nell’implementazione dell’intelligence nel prossimo futuro, secondo me.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.