L’Europa è in pericolo – Come al solito

Di Caroline de Gruyter.

Illustrazione del New York Times

In un mondo di guerra e disastri, l’Unione europea deve essere ancora più unita.

Nel luglio 2020 sono stato invitato a partecipare a un gioco politico con funzionari ed esperti europei. Sotto gli auspici di un think tank tedesco, ci è stato chiesto di considerare cosa sarebbe successo se Matteo Salvini o Marin Le Pen, leader di destra in Italia e in Francia, fossero saliti al potere. Abbiamo passato diverse ore a discutere freneticamente di come l’UE avrebbe reagito in ciascun caso. Di una cosa siamo sicuri: questo sarà un disastro.

Nessuno dei due scenari si è materializzato. In Italia Mario Draghi è presidente del Consiglio e Salvini si dimette dai sondaggi d’opinione. In Francia, il presidente Emmanuel Macron ha sconfitto Le Pen ed è stato rieletto. Lo stesso giorno è stato sconfitto anche il primo ministro sloveno di estrema destra, fan di Donald Trump. Erano bei tempi per l’Europa.

Questo è tutto il tempo che dura. A Bruxelles e in altre capitali europee, il sollievo si trasforma rapidamente in stress. Nuove preoccupazioni sono le elezioni parlamentari francesi di giugno, in cui Macron potrebbe perdere la maggioranza ed essere costretto a scendere a compromessi con la destra o la sinistra radicale. Il primo ministro ungherese Viktor Orban, dopo essersi assicurato la sua rielezione all’inizio di aprile, è rimasto una presenza sovversiva sulla scena. E la guerra della Russia in Ucraina continua.

Tale stress è comune in Europa. Molti sembrano credere che l’Unione europea, che in vari modi ha offerto prosperità e pace al popolo europeo dagli anni ’50, sia sempre sull’orlo del disastro. L’ultimo decennio – che ha incluso la crisi del debito, la crisi dei rifugiati, la Brexit, l’ascesa dell’estrema destra e, soprattutto, la pandemia – ha regolarmente alimentato gli appelli per la fine immediata dell’Unione. Tuttavia, ciò nonostante, ha resistito. In un mondo di guerra e disastri, aveva bisogno di essere più unito.

La stabilità dell’Unione europea è forse la sua più grande risorsa. Ma non può basarsi esclusivamente sulla stabilità istituzionale. L’Europa è ancora una volta in una posizione pericolosa. Come disse una volta l’ex primo ministro svedese Carl Bildt, l’Unione era circondata da amici, ma ora è circondata dal fuoco. Alcuni dei suoi vicini stanno lavorando duramente per minare l’unità e distruggere tutto ciò che l’Europa rappresenta, con la guerra in Ucraina che è l’ultimo raccapricciante esempio. Di fronte a un tale pericolo, che minaccia di riportare la barbarie nel continente, la necessità di legami più stretti diventa ancora più urgente.

Fortunatamente, gli europei si sono conosciuti meglio in questi giorni. Durante la crisi del debito di un decennio fa, persone provenienti da tutto il continente hanno assistito ad accesi dibattiti nel parlamento greco. Il destino del Paese, che si è impegnato in dolorose riforme economiche, ha fatto eco ben oltre i suoi confini. Gli europei sono interessati anche alla Polonia e all’Ungheria – che interferiscono con la loro indipendenza della magistratura e della stampa – e vogliono che lo stato di diritto sia rispettato negli Stati membri.

La brutale guerra della Russia in Ucraina e il ricatto economico e politico della Cina hanno avvicinato l’Europa. Si sono resi conto che non potevano superare questa tempesta da soli. Quando sentono che è in gioco il loro modo di vivere, sono riflessivamente più uniti. Potrebbero non essere molto contenti dell’UE – il modo in cui funziona, il tipo di compromesso su cui si basa – ma sono sicuramente più contenti di essa.

Tale buon senso è inerente alla struttura dell’Unione. L’Unione Europea ha una struttura federale e statale abbastanza forte da difendere gli interessi europei comuni dalle difficoltà geopolitiche. Ha un organo esecutivo (la Commissione), un parlamento che rappresenta i cittadini, un senato che rappresenta gli stati (il Consiglio d’Europa), un tribunale indipendente, una banca centrale e persino una guardia di frontiera comune. Questa robusta architettura federale è stata il fondamento della stabilità europea.

In pratica, tuttavia, questo è diverso dalle strutture federali statunitensi o tedesche. Nella capitale di fatto del sindacato, Bruxelles, la maggior parte delle decisioni sono prese dagli Stati membri. Quando i capi di Stato e di governo europei si incontrano, lo fanno come leader nazionali. Sono stati scelti per agire non nell’interesse dell’Europa ma per il loro paese. In ogni caso, si sono seduti, hanno messo sul tavolo i loro interessi nazionali e hanno iniziato a negoziare. Alla fine, tutti troveranno alcune delle loro richieste nel compromesso finale.

Questo sistema ha chiaramente dei vantaggi. Ciò garantisce più o meno la titolarità nazionale del processo decisionale europeo. Tutti hanno riconosciuto le proprie impronte digitali nell’accordo finale. Questo senso di appartenenza aiuta a spiegare perché l’Unione è sopravvissuta a tante crisi negli ultimi anni. Gli Stati membri ci hanno investito, dipendono da essa e, soprattutto, vogliono che sopravviva. Ma lo svantaggio di questo approccio è che, cercando il consenso su quasi tutte le questioni, l’Europa diventa forte quanto il suo anello più debole. I leader prendono regolarmente decisioni “mezze” poiché alcuni paesi si rifiutano di andare oltre, il che ha portato a non soddisfare sempre le reali esigenze dell’Europa.

Gli esempi sono infiniti. L’Ungheria, per l’occasione, ha bloccato diverse dichiarazioni di politica estera nei confronti della Russia o della Cina che tutti gli altri Stati membri hanno concordato. La Polonia, dal canto suo, ha abbassato i propri obiettivi climatici europei. Anche prima delle elezioni presidenziali francesi, il governo ha ritardato una decisione su un embargo petrolifero europeo alla Russia, temendo che ulteriori aumenti dei prezzi dell’energia potessero avvantaggiare Le Pen nella sua campagna contro Macron. L’Europa è spesso un gioco di Stati membri che cercano di promuovere i propri ristretti interessi. Macron, per quanto “pro-europeo” sia, non fa eccezione.

Questo è il motivo per cui le elezioni spesso causano tali grattacapi. La democrazia è ovviamente una potenza europea. Questo è il valore fondamentale dell’unità, il suo battito cardiaco. Ma la democrazia è anche la debolezza dell’Europa. Questo perché i sindacati non sono realmente europei. Invece, include 27 democrazie nazionali separate. Se uno di loro sviluppasse un governo euroscettico, potrebbe mettere a repentaglio l’intero progetto europeo, che dipende dall’unanimità. I sindacati sono fondamentalmente tenuti in ostaggio ogni volta che si tengono le elezioni ovunque – un modo difficile per portare a termine le cose.

Le elezioni francesi, ha detto Macron, sono state un “referendum per l’Europa”. Questo è esattamente il problema con l’Europa. Tutte le elezioni sono referendum per l’Europa, in ogni angolo del continente. Sarebbe strano se il processo elettorale statale in Montana o Mississippi minacciasse di rovesciare il paese o far deragliare la sua politica estera. In Europa, questa è una pratica normale. Questo è in parte il motivo per cui, nonostante il suo successo come potenza economica globale e faro di stabilità, l’Europa spesso manca di fiducia e appare vulnerabile anche ai venti più deboli.

Tuttavia, questo paradosso non deve essere permanente. In un mondo di instabilità, concorrenza agguerrita e prezzi in aumento, l’Europa deve cavarsela da sola e ha i mezzi per farlo. Il graduale embargo sul petrolio russo è solo l’inizio. Dopo la guerra in Ucraina, anche la difesa collettiva e le disposizioni di sicurezza erano importanti, come i sindacati energetici. Inoltre, potrebbe essere necessaria una sorta di unione fiscale – che intensificherà l’attuale unione monetaria – per coordinare i grandi investimenti necessari per rafforzare la resilienza europea. Rendendosi conto della necessità di una maggiore unità, alcuni giorni fa un gruppo di intellettuali europei ha persino chiesto la creazione di Stati Uniti europei.

Non sono sicuro che il sindacato lo realizzerà. Ma sarebbe bello se quest’anno nel gioco politico dei think tank a Berlino, invece di preoccuparci dello scenario peggiore, potessimo permetterci di immaginare un’Unione europea più audace e più forte. Se tutti potessimo lasciare che l’Europa si reggesse da sola, potrebbe portare un mondo di differenza.

* Caroline de Gruyter è una corrispondente per gli affari europei con sede a Bruxelles, editorialista del quotidiano olandese NRC e collaboratrice regolare di Foreign Policy.

© 2022 Disponibile da The New York Times Licensing Group

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.